Immobili
Veicoli

BASILEA CITTÀBirra al pesce, anatra strozzata: il video fa arrabbiare gli animalisti

11.08.20 - 09:41
Animali maltrattati sui social: è polemica su un gruppo di giovani basilesi
foto lettore
Birra al pesce, anatra strozzata: il video fa arrabbiare gli animalisti
Animali maltrattati sui social: è polemica su un gruppo di giovani basilesi

BASILEA - Quando lo scherzo passa il limite. Un gruppo di ragazzi di Basilea è finito nella bufera per un video pubblicato su Instagram. Il filmato mostra un giovane che bacia un pesce barbo; lo porge a un amico, che gli versa in bocca della birra; poi è il turno di un'anatra, brandita in aria per il collo. 

Le immagini, comparse sul social network nel weekend, hanno fatto imbestialire la rete. Diversi i messaggi di sdegno giunti alla redazione di 20 Minuten a Basilea. Gli autori del video non sarebbero nuovi a simili "goliardate" su internet. «Ma questa volta hanno davvero passato il segno» polemizza una lettrice, che sta valutando una denuncia in polizia. 

Anche le associazioni animaliste non ci hanno trovato niente da ridere. «Baciare il pesce vuole essere forse, da parte di questi giovani, una prova di coraggio. In realtà è una prova di stupidità adolescenziale, totalmente idiota» commenta Samuel Furrer, zoologo e capo del dipartimento della fauna selvatica della Swiss Animal Protection.

Per legge - ricorda Furrer - chi provoca panico intenzionalmente a un animale è perseguibile penalmente. «Difficile dire dal video se l'animale fosse vivo» aggiunge lo zoologo. «Se così fosse, un simile trattamento potrebbe avergli provocato ferite mortali». 

Stesso discorso per l'anatra. Ma gli autori del video - raggiunti da 20 Minuten - cercano di sdrammatizzare: «Il pesce era già morto quando lo abbiamo trovato» assicurano. «L'anatra invece si è finta morta. L'abbiamo catturata e lasciata libera subito dopo». Quanto al video in sé «è stato un'idea stupida, ed è stato male interpretato» affermano. «Ci dispiace di avere urtato la sensibilità di molti».   

 

NOTIZIE PIÙ LETTE