Archivio Keystone
ZURIGO
31.07.2020 - 16:420

Discoteche e bar sono contrari alla chiusura

La commissione che si occupa di locali e club sottolinea che la maggioranza delle infezioni avviene in altri ambiti.

Un nuovo lockdown sarebbe letale per il settore: già ora un quarto delle attività ha licenziato personale.

ZURIGO - Eventi "super diffusori" di coronavirus hanno scatenato una serie di polemiche contro la scena della vita notturna di Zurigo. Per gli addetti ai lavori, la chiusura non è una soluzione.

«Solo l'1% delle manifestazioni a Zurigo è stato interessato da un caso positivo di coronavirus», ha detto oggi ai media il responsabile della commissione che si occupa di bar e club, Alexander Bücheli. «Solo 13 persone si sono ammalate» su circa 120'000 visitatori di locali o bar in giugno.

Non si sa con precisione dove la maggioranza dei contagi avvenga, ma «i club vengono sicuramente dopo lavoro, amici, viaggi all'estero e famiglia», ha detto ancora Bücheli.

Un nuovo lockdown sarebbe letale per il settore: già ora un quarto delle attività ha licenziato personale. Delle realtà rimanenti, circa il 75% ha richiesto il lavoro ridotto. Bücheli spera quindi nell'aiuto dello Stato per far sopravvivere il ramo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 05:29:36 | 91.208.130.85