TiPress
La caserma militare d'Isone.
SVIZZERA
20.07.2020 - 18:570

«L'esercito non ha responsabilità» secondo il padre della recluta di Isone

Il padre del giovane ha ringraziato le truppe elvetiche per il sostegno e il supporto

«Mio figlio è morto facendo qualcosa che voleva davvero fare»

NEUCHATEL - È passata una settimana dalla morte di una recluta 21enne durante una marcia a Isone.

Sette giorni dopo, il padre della vittima ha rilasciato una dichiarazione al Blick, sottolineando che per lui «l'esercito non ha colpe», e ringraziando le truppe elvetiche per il loro continuo sostegno e supporto in questi momenti difficili.

Per la recluta 21enne, che amava l'addestramento, era solo la seconda settimana tra le fila dell'esercito. «Mio figlio è morto facendo qualcosa che voleva davvero fare. Era motivato a completare il percorso di granatiere» ha raccontato il padre, aggiungendo che «aveva scelto questa strada per dimostrare a se stesso che ce l'avrebbe fatta. Mi ha reso orgoglioso».

In seguito, il ragazzo ambiva a diventare una guardia di frontiera. 

Nel frattempo, le indagini della Giustizia Militare continuano, dal momento che non è ancora chiara la causa della morte del ragazzo, di giovane età e ottima condizione atletica. Come conferma il padre, «mio figlio era in perfetta salute».

Il giovane, originario del Canton Neuchâtel, è stato sepolto nel corso di una cerimonia strettamente privata, ha spiegato la famiglia. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 16:35:53 | 91.208.130.87