Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
5 min
Incidente mortale in quad
Un giovane spagnolo di 26 anni, domiciliato nella regione di Losanna, ha perso la vita
SVIZZERA
23 min
Swiss-Covid, superato il milione di download
Uno su sei ha già scaricato l'app. A metà luglio verranno corretti alcuni piccoli bug
SVIZZERA
1 ora
Covid-19: «Il lockdown svizzero è giunto in ritardo»
L'ex consigliera federale Doris Leuthard si esprime sull'operato della Confederazione.
GINEVRA
1 ora
Maudet si rifiuta di recarsi alla riunione del comitato che potrebbe decidere di espellerlo
«Il mio diritto a essere ascoltato è un'illusione» ha dichiarato in una newsletter
BERNA
2 ore
Incendio in una mansarda, 35enne perde la vita
Feriti anche due bambini, trasportati in ospedale dalla Rega
SVIZZERA
2 ore
Anche oggi si sfiorano i 100 casi
Da inizio settimana sono 581 in totale i tamponi che hanno evidenziato un contagio.
GINEVRA
3 ore
Alla cybersicurezza ci pensano gli studenti del Poli
In cima al podio del Centro per la politica di sicurezza c'è l'ETHZ
SOLETTA
4 ore
Tamponamento in autostrada, muore un 82enne
Gravemente ferita la donna seduta sul sedile del passeggero
ARGOVIA
5 ore
Un 26enne perde la vita sul lavoro
Il giovane si trovava a bordo del veicolo di servizio, finito nel Reno
ZUGO
5 ore
83 licenziati su 85 dipendenti
Crypto International potrebbe essere accusata di licenziamento collettivo.
SVIZZERA
6 ore
«Viaggiatori indisciplinati, ecco perché l'obbligo»
Berset: «Possiamo combattere il virus con successo solo se lo facciamo insieme. Se non siamo uniti, vincerà»
ZURIGO
17 ore
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
18 ore
Blocher rivuole quei 2,7 milioni di vitalizio a cui aveva rinunciato nel 2007
E Berna ha già approvato la richiesta dell'ex-consigliere federale
SVIZZERA
30.06.2020 - 11:240

Oltre 100mila respingimenti e quasi 9mila multe

L'amministrazione federale delle dogane ha fornito un bilancio degli ultimi mesi contraddistinti da restrizioni

Dal 16 marzo al 14 giugno i reati constatati sono quasi dimezzati rispetto allo scorso anno.

BERNA - Il 16 marzo il Consiglio federale aveva proclamato la «situazione straordinaria» ai sensi della legge sulle epidemie. La Svizzera, e con lei numerosi altri Stati, ha adottato una serie di misure per ridurre il rischio di trasmissione e per combattere il coronavirus, come la reintroduzione dei controlli sistematici alle frontiere interne e l’emanazione di restrizioni d’entrata. Nell’ambito delle misure di controllo e di sorveglianza del confine, l’Amministrazione federale delle dogane (AFD) ha accertato numerosi reati. I controlli alle frontiere interne sono stati aboliti il 15 giugno 2020.

130 valichi chiusi e green lanes - Per attuare in modo mirato le misure, in tutta la Svizzera sono stati chiusi circa 130 piccoli valichi di confine e il traffico è stato canalizzato presso i valichi più grandi. Per la prima volta sono state introdotte anche delle corsie prioritarie (Green Lanes) riservate a persone che lavorano nel settore sanitario o che svolgono professioni di simile importanza. Queste persone hanno potuto continuare ad attraversare il confine.

Merci - Il traffico delle merci commerciabili ha continuato a funzionare normalmente: è quindi sempre stato possibile importare, esportare o far transitare merci in Svizzera. Per garantire il disbrigo efficiente del traffico delle merci commerciabili al confine nonché l’approvvigionamento rapido della popolazione svizzera con materiale di protezione, l’AFD ha adottato varie misure a livello nazionale, come le corsie prioritarie per l’importazione di merci o l’incentivazione del disbrigo elettronico delle procedure.

Personale - Le nuove disposizioni al confine hanno posto l’AFD davanti a una notevole sfida per quanto riguarda il personale. Per garantire la capacità di resistenza, l’AFD ha ricevuto il sostegno dell’esercito, che ha messo a disposizione 50 poliziotti militari e complessivamente 1800 militari di milizia, principalmente impiegati al confine verde e per sostenere le misure di canalizzazione. Inoltre, per rafforzare i controlli al confine, in vari Cantoni sono stati impiegati provvisoriamente dei poliziotti.

Traffico crollato dell’80% - Al culmine delle misure, il traffico transfrontaliero delle persone ha subito un crollo dell’80% in tutto il Paese. Dopo che il 15 giugno 2020 la Svizzera ha revocato tutte le misure COVID al confine, il traffico è di nuovo aumentato rapidamente. Al momento la percentuale è ancora inferiore di circa il 10% rispetto ai valori registrati prima della crisi. 

112'049 persone respinte - Per via delle restrizioni d’entrata, l’AFD ha respinto alle frontiere interne 112'049 persone. L’entrata è invece stata concessa a 16'854 persone che si trovavano in una situazione di assoluta necessità.

8'848 multe inflitte - In 8'848 casi sono state inflitte multe per infrazioni alle misure COVID. 2'458 casi hanno riguardato il turismo degli acquisti e consegne vietate di merci al confine. Il provvedimento è stato necessario al fine di evitare un sovraccarico delle infrastrutture al confine a causa di viaggi non necessari. Finora è stato presentato ricorso in 51 casi.

15'400 reati constatati - Complessivamente, dal 16 marzo al 14 giugno 2020, sono stati constatati 15'400 reati. L’anno precedente, nello stesso periodo, i casi registrati erano stati 27'125. Si è trattato, tra l’altro, di infrazioni alla legge federale sugli stranieri e la loro integrazione, alla legge sugli stupefacenti e alla legge sulle armi nonché di reati nell’ambito di falsità di documenti e della circolazione stradale.

I tipi di reato - In occasione delle ricerche effettuate durante i controlli, sono stati registrati 3'693 risultati positivi (stesso periodo nel 2019: 6'446): 843 casi riguardavano persone ricercate perché sospettate di aver commesso un delitto o un crimine, 331 concernevano veicoli e oggetti ricercati e 1'652, invece, ordini d’arresto. Per via dell’intensità dei controlli e delle ricerche è stato possibile accertare 1'182 soggiorni illegali. Nell’ambito degli stupefacenti sono state scoperte 2'881 infrazioni. A seguito della revoca dei controlli alle frontiere interne e con il forte aumento del traffico transfrontaliero, l’AFD ha registrato una notevole crescita dei casi penali in tutti gli ambiti, soprattutto in quello del contrabbando delle merci.

135'000 telefonate trattate - L’elevata esigenza di informazioni da parte della popolazione si è riflettuta nelle cifre relative alle richieste fatte alla centrale d’informazione dell’AFD: durante la situazione straordinaria i collaboratori della centrale hanno ricevuto 135'000 telefonate. Tale cifra corrisponde all’incirca al numero di telefonate ricevute nell’intero 2019. A ciò si aggiungono le circa 30'000 richieste giunte via e-mail.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-04 15:09:48 | 91.208.130.89