Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SOLETTA
23 min
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
3 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
4 ore
Philipp Hildebrand non sarà segretario generale dell'OCSE
Ha deciso di ritirare la sua candidatura, che non faceva l'unanimità.
SVIZZERA
4 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
5 ore
Il poeta si è spento
Il vodese Philippe Jaccottet è deceduto all'età 95 anni. È considerato uno dei più grandi autori europei
SVIZZERA
5 ore
Il settore degli eventi chiede uno “scudo protettivo”
Contro l'incertezza Expo Event e 15 associazioni si rivolgono al Consiglio federale
SVIZZERA
5 ore
«I giovani non hanno bisogno di altri aiuti»
La disoccupazione degli under 30 è sotto controllo, secondo il Consiglio federale
SVIZZERA / CANTONE
6 ore
Alcuni cantoni dicono no: le terrazze restano aperte
Berset ha sottolineato più volte che l'apertura delle terrazze sulle piste viola il diritto federale.
SVIZZERA
7 ore
Bambini “esauriti”, 700 chiamate di aiuto al giorno
L'allarme lanciato da Pro Juventute: aumentano i conflitti con i genitori e tra fratelli, ma pure la violenza domestica
SVIZZERA / PAESI BASSI
7 ore
Scontro tra aerei della Patrouille Suisse, accusato il pilota
L’uditore della giustizia militare ha promosso l’accusa dinanzi al tribunale militare
ZUGO
7 ore
Un tesoro è spuntato nei boschi
Tra Zugo e Walchwil sono state trovate 23 monete antiche: il contenuto di una borsa persa oltre duemila anni fa
FRIBURGO
8 ore
Fermati tre venditori di smartphone falsi
Il tentativo di truffa è avvenuto a Bulle, nel Canton Friburgo. La polizia ha sequestrato telefoni e denaro
BERNA
8 ore
Epidemie: rafforzare la digitalizzazione e la collaborazione con l'economia
Lo chiede il consigliere nazionale Marcel Dobler in una mozione in cui si criticano gli attuali limiti digitali
GRIGIONI
8 ore
Muore in un incidente sulle piste da sci
Perde la vita una 57enne, vittima durante una discesa all'impianto sciistico di Obersaxen Mundaun
SVIZZERA
12.03.2020 - 10:160
Aggiornamento : 11:04

In calo l'utile della Posta

Per il 2019 si parla di 255 milioni di franchi

BERNA - La Posta lo scorso anno ha conseguito un utile in calo di 149 milioni di franchi su base annua, a 255 milioni di franchi. L'evoluzione è dovuta soprattutto alle difficili condizioni quadro, precisa il gigante giallo in una nota odierna. Per l'ex regia federale è giunto il momento di «una svolta decisiva» secondo Urs Schwaller, presidente del Consiglio di amministrazione.

Con 450 milioni di franchi, il risultato d'esercizio (EBIT) registra un calo di 55 milioni rispetto al 2018, in linea con le aspettative della Posta. Nella nota, il gigante giallo precisa che la flessione è meno marcata di quanto ci si potesse aspettare a fronte di gravi condizioni quadro «grazie a efficaci misure di prospezione del mercato e di aumento dell'efficienza». Molte delle unità hanno fornito risultati positivi nonostante le difficoltà e ciò «è merito dell'instancabile impegno dei circa 56’000 collaboratori».

I tassi d'interesse bassi, il calo dei volumi delle lettere e il forte aumento delle quantità nel settore dei pacchi sono le principali sfide cui la Posta si trova confrontata. La continua e persistente contrazione dei risultati degli anni scorsi ne è il risultato. Per poter gestire la trasformazione in programma per i prossimi anni, l'ex regia federale deve poter contare «su una base finanziaria sufficientemente solida».

«Vogliamo restare un'azienda sana, competitiva e non sovvenzionata, per poter autofinanziare il servizio universale anche in futuro» dichiara Alex Glanzmann, responsabile Finanze, citato nella nota, secondo cui ora «è giunto il momento d'intervenire!».

PostFinance in difficoltà - Le previsioni della Posta circa le difficili condizioni quadro in cui versa PostFinance hanno trovato conferma, si legge nella nota. Il risultato d'esercizio ha registrato un incremento di 20 milioni di franchi, raggiungendo quota 240 milioni: si tratta tuttavia di un effetto non duraturo, precisa la Posta.

Soprattutto a causa degli attuali livelli dei tassi d'interesse, i ricavi d'esercizio sono scesi di 44 milioni di franchi, raggiungendo i 1'660 milioni. «Risulta evidente che, nell'attuale contesto di tassi negativi, non possiamo compensare lo svantaggio concorrenziale legato all'impossibilità di offrire autonomamente crediti e ipoteche» dichiara il CEO di PostFinance Hansruedi Köng.

Sempre più pacchi - PostLogistics ha chiuso il 2019 con un risultato d'esercizio (Ebit) peggiore dell'anno precedente, totalizzando 128 milioni di franchi (-17 milioni). L'aumento del volume di pacchi (+7,3%) renderà necessari nuovi investimenti per centinaia di milioni di franchi per la costruzione di nuovi centri di smistamento.

A incidere negativamente sul risultato di PostLogistics sono stati la vendita di un gruppo di società affiliate, la costituzione di accantonamenti e i costi derivanti da una rapina a un portavalori. Per contro, i ricavi d'esercizio hanno registrato un aumento di 44 milioni di franchi per arrivare a quota 1708 milioni.

Per quanto riguarda AutoPostale, succursale nella bufera in seguito a irregolarità contabili, la Posta precisa che grazie a un ulteriore potenziamento dell'offerta, la prestazione chilometrica annua è aumentata del 3,3% a 127,4 milioni di chilometri. I ricavi d'esercizio sono aumentati del 2%, mentre il risultato d'esercizio è stato pari a -24 milioni di franchi. Questo valore negativo «è riconducibile soprattutto a una serie di riduzioni di valore dell'attivo fisso» precisa la nota.

«Agire, ora!» - Nel corso degli anni - enfatizza il Gigante giallo - la Posta ha destinato ingenti somme all'infrastruttura e ai servizi, all'innovazione, alla crescita professionale dei collaboratori e alla sostenibilità. Solo nel 2019 il gruppo ha investito circa 470 milioni di franchi. «Finora la Posta ha autofinanziato questi investimenti attingendo al flusso di denaro derivante dall'attività operativa» spiega Glanzmann.

Ora restano pochi anni per adottare le misure necessarie per mantenersi redditizi e al passo con i tempi: «In questo lasso di tempo la Posta, la Confederazione e il mondo politico devono reagire alle sfide principali e gettare le basi per le soluzioni». Secondo Glanzmann, infatti, «mantenere lo status quo non è un'opzione. Se le condizioni quadro a livello politico e aziendale non cambieranno, in un futuro prossimo il margine finanziario della Posta sarà troppo esiguo perché quest'ultima possa mantenere la sua capacità di agire».

«La Posta si trova davanti a una svolta decisiva», e non è la prima volta che deve superare sfide simili, sottolinea afferma Urs Schwaller, presidente del Consiglio di amministrazione. La Posta vuole rimanere un'azienda solida e non sovvenzionata.

L'obiettivo - dichiara dal canto suo il direttore generale Roberto Cirillo - è aggiungere un nuovo capitolo alla storia di successo della Posta e continuare ad autofinanziare il servizio universale. «Vogliamo fornire un servizio pubblico di qualità anche in futuro e siamo orgogliosi di finanziarlo con le nostre risorse».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-25 23:14:21 | 91.208.130.85