Immobili
Veicoli

BERNACoronavirus, quando la distilleria decide di dare una mano

12.03.20 - 06:15
In una distilleria di Berna normalmente si producono gin e vodka.
20 Minuten
Fonte 20 Minuten/rc
Coronavirus, quando la distilleria decide di dare una mano
In una distilleria di Berna normalmente si producono gin e vodka.
Ma a causa del coronavirus si è deciso di differenziare la produzione. E la richiesta è enorme

BERNA - I disinfettanti scarseggiano nelle farmacie e nei supermercati. A causa del coronavirus, la loro richiesta è enorme. Un aiuto in questo senso può essere fornito dalle distillerie, che sono in grado di produrre autonomamente gli ambiti liquidi.

«Abbiamo chiesto all'Ufficio federale della sanità pubblica se potevamo dare una mano», afferma Adrian Gass, vice responsabile della Matte-Brennerei di Berna. E l'UFSP ha concesso loro un permesso eccezionale. Il prodotto è attualmente in produzione e verrà consegnato alla Coop la prossima settimana. Sarà disponibile in varie filiali del cantone.

Design diverso - La distilleria non è particolarmente orgogliosa del suo nuovo reddito aggiuntivo: «Stiamo cercando di distinguere chiaramente il disinfettante dai nostri prodotti convenzionali», afferma Gass. Questo è il motivo per cui le bottiglie di disinfettante non avranno lo stesso design che hanno i distillati (principalmente gin, ma anche vodka o assenzio).

Meno entrate - La situazione attuale ha costretto la distilleria ad aprire nuove strade. Gass: «Molte persone hanno annullano l'iscrizione ai nostri eventi. Questo porta a una perdita di guadagno che cerchiamo di compensare con il disinfettante».

Alcool e qualche additivo - Produrlo, per loro, è infatti piuttosto semplice: «Il principio attivo del disinfettante è l'alcol ad alta resistenza, integrato da vari additivi e all'acqua», spiega Gass. Gli additivi sono necessari affinché il disinfettante sia più compatibile con la pelle e non possa essere bevuto.

Fenomeno che crescerà - Augustin Mettler, Presidente dell'Associazione dei distillatori svizzeri, si felicita per l'impegno della distilleria Matte: «Certo che è un'ottima idea. Anche perché non c'è carenza di alcol in Svizzera». Anche le aziende più piccole avrebbero diverse centinaia di litri in giacenza. Tuttavia, Mettler è sorpreso dalla forte domanda: «Molte distillerie diventeranno probabilmente produttori di disinfettanti nelle prossime settimane», afferma Mettler.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA