Screenshot Video
ZURIGO
23.01.2019 - 14:550
Aggiornamento : 22:14

Ben 65 ore per essere a Davos: «I potenti del mondo hanno fallito»

Intercettata alla stazione centrale di Zurigo l'attivista ambientalista Greta Thunberg ha espresso i suoi dubbi sul Forum Economico di Davos

ZURIGO - Il viaggio in treno dalla Svezia a Davos, e ritorno, dura 65 ore. Non certo una passeggiata per l'attivista ambientalista Greta Thunberg, in viaggio per Davos. 

La giovane svedese, che ha recentemente scosso la coscienza del mondo con un discorso sul clima alla Cop 24 in Polonia, intercettata dai colleghi di 20 Minuten a Zurigo, non nasconde scarse aspettative sul WEF  e torna, ancora una volta, a puntare sulla necessità di una azione concreta per arginare i cambiamenti climatici.

«Non so cosa aspettarmi dal meeting, ma non nutro grandi speranze», ammette. Quindi parla delle aspettative della sua generazione: «Sappiano che quanto si sta facendo non è abbastanza e non lo accettiamo. Ci hanno rubato il nostro futuro».

Cosa si aspetta dal meeting la giovane attivista? «Di incontrare molte persone».

«I potenti del mondo hanno fallito» - La scelta di viaggiare in treno è stata fatta perché gli aerei emettono importanti quantità di CO2 nell'atmosfera e risultano quindi dannosi per l'ambiente. Al suo arrivo a Davos è subito stata intervistata dai media, accorsi numerosi: «So cosa voglio e so cosa è giusto», ha dichiarato.

Al Forum economico mondiale (WEF) in corso nei Grigioni vuole dire ai potenti del pianeta che hanno fallito. Affermerà anche che nessun altro problema è importante se non si affronta prima quello climatico.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-26 02:26:31 | 91.208.130.87