Cerca e trova immobili

COPPA SVIZZERALugano a Basilea con la semifinale nel mirino

27.02.24 - 15:05
Croci-Torti: «A volte gli avversari sono più bravi. Speriamo non sia il caso»
Ti-press (Alessandro Crinari)
Lugano a Basilea con la semifinale nel mirino
Croci-Torti: «A volte gli avversari sono più bravi. Speriamo non sia il caso»
«Posso promettere a chiunque avrà voglia di guardare la partita…».
CALCIO: Risultati e classifiche

BASILEA - Il Basilea è un avversario complicato ma, in un match valevole per i quarti di finale di Coppa Svizzera, il Lugano lo affronterà con fiducia e motivazione. Questo traspare dalle parole di Croci-Torti, che in conferenza stampa ha raccontato uno degli incontri più importanti della stagione bianconera. Una stagione che, almeno nelle ultime uscite, ha mostrato una squadra difensivamente solida.

«Non prendere gol significa portare a casa un risultato positivo - ha spiegato proprio il tecnico ticinese - Quindi è molto importante. Ma per ottenere questo risultato non contano solo i difensori, quanto piuttosto come si muove il blocco squadra. Nelle ultime partite si è vista la voglia di far fare fatica agli avversari. La squadra sta lavorando bene, speriamo che continui così».

Continuare… in trasferta.
«Sarebbe bello giocare in casa ma ultimamente siamo stati sfortunati. Andiamo comunque nello stadio più affascinante della Svizzera e sappiamo tutti cosa vuol dire giocare a Basilea. Lì c’è un pubblico eccezionale, capace di spingerti quando il match si fa caldo. Vincere in quell’impianto è sempre ostico. Non solo quella disputata contro di loro tre settimane fa (finì 0-1) ma tutte le partite degli ultimi anni ci hanno comunque detto che fuori casa possiamo dire la nostra. Abbiamo giocatori che sono bravi ad attaccare lo spazio e la profondità».

E un Celar andato per il terzo anno consecutivo in doppia cifra.
«So quello che ha fatto nei primi due anni e cosa ha fatto in questo, nel quale ha anche avuto una forte concorrenza. Negli ultimi mesi penso abbia trovato quella fame agonistica per fare gol. Lui sa che abbiamo bisogno del suo lavoro e siamo contenti: alla fine di ogni stagione il suo palmares è da giocatore importante e ce lo teniamo stretto. Speriamo che possa continuare».

Per il Basilea, il Lugano avrà nuovamente i cerotti.
«Non sono cerotti. Manca gente, speriamo di recuperare Hajrizi e Bislimi, ma chi c’è ha dimostrato di poter fare bene. Importante è dare fiducia a chi c’è. Parlare di cerotti è una mancanza di rispetto per chi non ha mollato in queste settimane. Anche se è vero che come allenatore è sempre bello avere più giocatori a disposizione. Speriamo anche di smettere di perdere ragazzi già nel primo tempo delle partite».

L’allievo Croci-Torti è ora più bravo del maestro Celestini?
«Fabio è un allenatore che studia e si aggiorna e non vive nel passato. Dunque per entrargli nella testa bisogna studiarlo. Nelle ultime 48 ore ho riguardato le ultime quattro partite del Basilea; speriamo di sapere come giocheranno. Sicuramente l’assenza di Renato Vega nelle ultime partite aveva cambiato qualcosa. Domani rientra quindi ci saranno delle alternative in più. La verità è che ogni allenatore deve essere bravo a leggere l'incontro nei primi minuti perché, avendo rose ampie, può fare qualcosa di diverso per sorprendere gli avversari. Per quel che ci riguarda, non possiamo aspettare che il Basilea commetta errori per pensare di fargli male. Dobbiamo essere propositivi. Posso promettere a chiunque avrà voglia di guardare la partita, che vedrà un Lugano che non ha intenzione di subire il gioco del Basilea. Poi, a volte gli avversari sono più bravi. Speriamo non sia il caso». 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

cle72 1 mese fa su tio
Forza Lugano, grande Crus 💪
NOTIZIE PIÙ LETTE