Cagliari
0
Sampdoria
0
1. tempo
(0-0)
Cagliari
0
Sampdoria
0
1. tempo
(0-0)
Ti-Press
+12
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
40 min
«Sono stufo, basta Messi»
Patrice Evra sul Pallone d'Oro: «Deve andare a Jorginho o Kanté»
NHL
3 ore
Gioia Hofmann: primo punto in NHL
L'attaccante rossocrociato ha contribuito al successo dei Blue Jackets ottenuto sui Seattle Kraken (2-1 all'overtime).
PARIGI
4 ore
Wanda Nara tradita e arrabbiatissima: è finita con Icardi?
La showgirl argentina ha sfogato la sua rabbia su Instagram.
SERIE A
13 ore
Pazzesca rimonta del Milan
Nell'ultima mezzora di gioco i rossoneri hanno trovato tre volte il gol, con Giroud, Kessie e l'autorete di Gunter
NATIONAL LEAGUE
13 ore
Il Langnau vince ancora, il Friborgo non si ferma più
Weekend da sei punti per i Tigers, mentre i burgundi hanno centrato la nona vittoria di fila.
HCL
14 ore
Weekend buio per il Lugano: il Davos espugna la Cornèr Arena
Intraprendenti ma imprecisi, gli uomini di McSorley hanno ceduto ad un più cinico Davos.
HCAP
14 ore
Un ottimo primo tempo non basta: Ambrì battuto a Berna
Avanti 2-0 dopo 20' (reti di D'Agostini ed Heim), i leventinesi sono stati sconfitti 3-2.
SWISS LEAGUE
15 ore
Due punti per i Rockets
La squadra di Landry si è imposta 2-1 alla Bossard Arena.
SERIE A
16 ore
Simone Inzaghi mastica amaro contro la "sua" Lazio
Accelerata decisiva nel finale dei biancocelesti, vittoriosi 3-1 sui nerazzurri
BASKET
17 ore
La Spinelli Massagno sbanca Ginevra
La squadra di Gubitosa si è imposta 76-64 nella città di Calvino. Decisivo l'ultimo quarto.
MOTOGP
19 ore
Aleix Espargaro non ci sta: «Non ha cervello...»
Il pilota spagnolo ha sferrato un attacco durissimo nei confronti del manager di Deniz Oncu, ovvero Kenan Sofouglu.
NATIONAL LEAGUE
19 ore
Sebastian Wännström firma con l'Ajoie
Viste le numerose assenze, il club romando ha deciso di correre ai ripari
HOCKEY FEMMINILE
19 ore
HC Ladies battute dallo Zurigo
La squadra di Benjamin Rogger è stata sconfitta 3-1.
HCL
22 ore
Lugano: ecco Libor Hudacek
Negli ultimi due campionati lo slovacco ha giocato in KHL
HCL
1 gior
Il Lugano perde anche Walker
L'attaccante bianconero paga per un colpo alla testa inflitto ad Hächler.
LUGANO
18.08.2021 - 17:260
Aggiornamento : 19.08.2021 - 11:35

Joe Mansueto parla da bianconero: «Lugano, una delle città più belle del mondo»

Prima ufficiale della nuova proprietà del Lugano: con Mansueto e soci si può sognare

Stadio, mercato, investimenti: il nuovo Lugano parte in quarta.

LUGANO - La minilicenza, timbro finale della SFL a tutta l’operazione, non è ancora arrivata; vista la conclamata solidità degli acquirenti, si può però affermare che il Lugano è definitivamente passato di mano. Angelo Renzetti e Leonid Novoselskiy hanno ceduto le loro quote azionarie e Joe Mansueto (tramite la Walden Football LLC, con sede a Chicago) è salito sul ponte di comando. Anzi, è diventato l’armatore di una nave che - questo è il sogno dei tifosi - è destinata a solcare con ambizioni gli agitati mari del pallone nazionale e internazionale. Il timone è invece stato affidato al nuovo CEO Martin Blaser.

E di ambizione ha parlato proprio il miliardario statunitense il quale, sul lungo periodo, ha puntato il mirino sul titolo nazionale. 
«Dobbiamo essere realisti, oggi club come Basilea e Young Boys hanno budget “multipli” rispetto a noi, quindi il titolo è difficile. Forse la Coppa Svizzera è, sul corto termine, un traguardo raggiungibile. Però in futuro sì, provando a migliorare ogni anno dobbiamo tentare di arrivare anche al campionato».

Nel suo intervento Mansueto ci ha tenuto a ringraziare - ovviamente - Renzetti e Novoselskiy e ha spiegato perché ha scelto Lugano e qual è il progetto. «Grazie a tutte le persone che fanno parte del club e alla Città, per quello che ha fatto per lo sport. Se devo usare una parola per raccontare il Lugano dico “speciale”. Vogliamo fare qualcosa di speciale e lo faremo. Questa conferenza non è per me, non è per la mia società. È per la città, per la comunità. Se mi avessero detto qualche anno fa che avrei posseduto due club non ci avrei creduto. Ho cominciato su input dei miei figli e ora sono qui. Credo che questa, con il Lugano e i Chicago Fire, possa essere una win-win situation. Il Lugano non è un farm-team, considero le due società sullo stesso livello. E questo sarà interessante per lo scambio dei giocatori e i vari aiuti che si potranno dare dentro e fuori dal campo». 

Dagli USA alla Svizzera…
«Per lavorare con le persone locali, per investire, per creare lavoro, per portare gioia. Impegnarsi nell’industria dello sport è affascinante e, grazie ai miei qualificati collaboratori - con i quali mi confronterò spesso e che hanno tanto da insegnarmi -, voglio continuare a lungo. Prometto rispetto. Prometto costanza».

Non sarà quindi una toccata e fuga…
«Chi mi conosce sa che non sono un imprenditore che pensa sul corto termine. Per la Morningstar, che è cresciuta più di quanto potessi immaginare, ho lasciato la direzione ma sono ancora proprietario. Altre aziende le ho dal 2005. I Chicago Fire saranno miei per sempre… Ora penso alle passioni. Il calcio, gli investimenti immobiliari, i media». 

L’investimento sul Lugano passa dal nuovo stadio.
«L’avremmo fatto comunque per la storia e il prestigio del club. Siamo, al momento, estremamente positivi riguardo al fatto che il referendum non bloccherà la costruzione della struttura. Cosa succederebbe se non fosse così? Per il momento non abbiamo un piano B».

Il club avrà un’anima internazionale. Significa che anche giocatori che arriveranno da “fuori”?
«Vogliamo che il Settore giovanile sviluppi dei talenti da portare in Prima squadra e per questo teniamo molto alla collaborazione con il Team Ticino. Detto ciò, guarderemo anche a livello globale e in questo la collaborazione con i Chicago Fire sarà importantissima. Pensiamo al Ticino e guardiamo al mondo». 

Fin da questa finestra di mercato?
«Per il momento l’intenzione è quella di comprare, non di vendere i giocatori presenti in rosa. Investire, non disinvestire».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Elia Bianchi)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Trasp 1 mese fa su tio
Da quelli che vengono da fuori si pretendono mega investimenti, mentre noi non siamo neanche capaci di mettere a disposizione alla squadra della città uno stadiolino da che sia un'infrastruttura adatta per il calcio. In svizzera vi sono diverse società di challenge league messe meglio. E se no si fa uno stadio al ceneri per le 2/3 squadre del cantone che si spera possano giocare in superleague o challenge league.
F/A-19 1 mese fa su tio
@Trasp Uno stadio al ceneri, che idea bislacca....😅!
Genchi 67 1 mese fa su tio
Puntiamo al titolo? Magari prima salvarsi?questi proclami spaventano
marco17 1 mese fa su tio
Fidarsi degli Americani: chiedete agli Afghani.
Alex 1 mese fa su tio
@marco17 esattamente
seo56 1 mese fa su tio
😂🤐😂
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 12:40:29 | 91.208.130.85