LA Kings
2
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 1-1 : 0-0)
LA Kings
2
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 1-1 : 0-0)
Ti-Press
+12
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
MOTOMONDIALE
8 ore
«Mai avrei dovuto prendere Valentino Rossi»
Razlan Razali, ex team manager della Petronas, senza peli sulla lingua
SERIE A
8 ore
Otto gol e tante recriminazioni: Lazio all’inferno e (quasi) ritorno
La Lazio di Sarri si è fatta stoppare sul 4-4 (al 99') dall'Udinese
SCI ALPINO
10 ore
Odermatt intrattabile: che trionfo
Marco Odermatt ha vinto il superG di Beaver Creek
TENNIS
11 ore
Alla Russia non serve il doppio
Cancellata la Svezia, in semifinale la Russia sfiderà la Germania
ODENSE
13 ore
Eriksen è tornato in campo 173 giorni dopo l'arresto cardiaco
Il centrocampista dell'Inter ha lavorato insieme al suo preparatore sul campo dell'Odense.
NAZIONALE U20
15 ore
La Svizzera U20 guarda ai Mondiali
Selezionati anche Brian Zanetti e Lorenzo Canonica, cresciuti nel settore giovanile del Lugano.
SCI ALPINO
16 ore
Soppressa la quarantena obbligatoria: eccezione per le atlete dello sci
Autorizzazione eccezionale per le atlete impegnate in Coppa del Mondo, in arrivo a St. Moritz direttamente dal Canada
IL SORPASSO A… DUE RUOTE
16 ore
Chi dorme non piglia pesci: Suzuki, com’è lontana la festa mondiale
Sonno-Suzuki, mentre la KTM fa incetta di dirigenti
SPORT AWARDS
18 ore
Ponti, Del Ponte e Gut-Behrami tra gli sportivi svizzeri dell'anno
I prestigiosi riconoscimenti saranno assegnati il 12 dicembre
SWISS LEAGUE
19 ore
Olten, semaforo verde: verso una NL a 14 squadre?
Il dossier dei solettesi soddisfa i requisiti necessari.
NATIONAL LEAGUE
20 ore
Gross multato per simulazione
Il difensore dello Zugo ha ricevuto un'ammenda di 800 franchi.
NATIONAL LEAGUE
23 ore
Magic moment Rappi: «Piedi per terra, ma...»
Il Rapperswil di Profico, atteso dai match con Ginevra e Friborgo, è la grande sorpresa di questa prima metà stagione.
TENNIS
1 gior
Sofferenza Serbia, ma poi arriva Nole…
La Serbia si è qualificata per le semifinali di Coppa Davis piegando 2-1 il Kazakistan
SERIE A
1 gior
Ibra-Messias: il Milan vola e accorcia sul Napoli
I rossoneri vincono 3-0 contro il Genoa, il Napoli si fa rimontare dal 2-0 e impatta col Sassuolo (2-2).
FCL
1 gior
Lugano ribaltato, l'YB vince in rimonta
Gli uomini di Croci-Torti, avanti al 27' con Lovric, sono stati sconfitti 3-1 a Berna.
LUGANO
18.08.2021 - 17:260
Aggiornamento : 19.08.2021 - 11:35

Joe Mansueto parla da bianconero: «Lugano, una delle città più belle del mondo»

Prima ufficiale della nuova proprietà del Lugano: con Mansueto e soci si può sognare

Stadio, mercato, investimenti: il nuovo Lugano parte in quarta.

LUGANO - La minilicenza, timbro finale della SFL a tutta l’operazione, non è ancora arrivata; vista la conclamata solidità degli acquirenti, si può però affermare che il Lugano è definitivamente passato di mano. Angelo Renzetti e Leonid Novoselskiy hanno ceduto le loro quote azionarie e Joe Mansueto (tramite la Walden Football LLC, con sede a Chicago) è salito sul ponte di comando. Anzi, è diventato l’armatore di una nave che - questo è il sogno dei tifosi - è destinata a solcare con ambizioni gli agitati mari del pallone nazionale e internazionale. Il timone è invece stato affidato al nuovo CEO Martin Blaser.

E di ambizione ha parlato proprio il miliardario statunitense il quale, sul lungo periodo, ha puntato il mirino sul titolo nazionale. 
«Dobbiamo essere realisti, oggi club come Basilea e Young Boys hanno budget “multipli” rispetto a noi, quindi il titolo è difficile. Forse la Coppa Svizzera è, sul corto termine, un traguardo raggiungibile. Però in futuro sì, provando a migliorare ogni anno dobbiamo tentare di arrivare anche al campionato».

Nel suo intervento Mansueto ci ha tenuto a ringraziare - ovviamente - Renzetti e Novoselskiy e ha spiegato perché ha scelto Lugano e qual è il progetto. «Grazie a tutte le persone che fanno parte del club e alla Città, per quello che ha fatto per lo sport. Se devo usare una parola per raccontare il Lugano dico “speciale”. Vogliamo fare qualcosa di speciale e lo faremo. Questa conferenza non è per me, non è per la mia società. È per la città, per la comunità. Se mi avessero detto qualche anno fa che avrei posseduto due club non ci avrei creduto. Ho cominciato su input dei miei figli e ora sono qui. Credo che questa, con il Lugano e i Chicago Fire, possa essere una win-win situation. Il Lugano non è un farm-team, considero le due società sullo stesso livello. E questo sarà interessante per lo scambio dei giocatori e i vari aiuti che si potranno dare dentro e fuori dal campo». 

Dagli USA alla Svizzera…
«Per lavorare con le persone locali, per investire, per creare lavoro, per portare gioia. Impegnarsi nell’industria dello sport è affascinante e, grazie ai miei qualificati collaboratori - con i quali mi confronterò spesso e che hanno tanto da insegnarmi -, voglio continuare a lungo. Prometto rispetto. Prometto costanza».

Non sarà quindi una toccata e fuga…
«Chi mi conosce sa che non sono un imprenditore che pensa sul corto termine. Per la Morningstar, che è cresciuta più di quanto potessi immaginare, ho lasciato la direzione ma sono ancora proprietario. Altre aziende le ho dal 2005. I Chicago Fire saranno miei per sempre… Ora penso alle passioni. Il calcio, gli investimenti immobiliari, i media». 

L’investimento sul Lugano passa dal nuovo stadio.
«L’avremmo fatto comunque per la storia e il prestigio del club. Siamo, al momento, estremamente positivi riguardo al fatto che il referendum non bloccherà la costruzione della struttura. Cosa succederebbe se non fosse così? Per il momento non abbiamo un piano B».

Il club avrà un’anima internazionale. Significa che anche giocatori che arriveranno da “fuori”?
«Vogliamo che il Settore giovanile sviluppi dei talenti da portare in Prima squadra e per questo teniamo molto alla collaborazione con il Team Ticino. Detto ciò, guarderemo anche a livello globale e in questo la collaborazione con i Chicago Fire sarà importantissima. Pensiamo al Ticino e guardiamo al mondo». 

Fin da questa finestra di mercato?
«Per il momento l’intenzione è quella di comprare, non di vendere i giocatori presenti in rosa. Investire, non disinvestire».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Elia Bianchi)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Trasp 3 mesi fa su tio
Da quelli che vengono da fuori si pretendono mega investimenti, mentre noi non siamo neanche capaci di mettere a disposizione alla squadra della città uno stadiolino da che sia un'infrastruttura adatta per il calcio. In svizzera vi sono diverse società di challenge league messe meglio. E se no si fa uno stadio al ceneri per le 2/3 squadre del cantone che si spera possano giocare in superleague o challenge league.
F/A-19 3 mesi fa su tio
@Trasp Uno stadio al ceneri, che idea bislacca....😅!
Genchi 67 3 mesi fa su tio
Puntiamo al titolo? Magari prima salvarsi?questi proclami spaventano
marco17 3 mesi fa su tio
Fidarsi degli Americani: chiedete agli Afghani.
Alex 3 mesi fa su tio
@marco17 esattamente
seo56 3 mesi fa su tio
😂🤐😂
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 07:48:14 | 91.208.130.87