Imago
+11
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
LIVE TV
TOKYO 2020
7 ore
Sorprese, primizie e record del mondo: Tokyo da leccarsi i baffi
Gare a raffica: tante conferme e qualche delusione
LIVE-TICKER
TOKYO 2020
LIVE
Pioggia di medaglie olimpiche
Nuoto, scherma, taekwondo e molto altro
MERCATO
12 ore
Lovric tra Sassuolo, Lugano e... Modric
Il centrocampista bianconero su un possibile futuro in Italia: «La Serie A è la Serie A...»
SUPER LEAGUE
12 ore
Il San Gallo espugna Losanna
Youan scatenato e autore di una doppietta: i biancoverdi vincono 2-1 in terra vodese
NHL
14 ore
Brian Zanetti draftato dai Philadelphia Flyers
Il difensore 18enne del Lugano è stato selezionato al quarto turno, come scelta numero 110
SUPER LEAGUE
15 ore
Bentornata Super League: pazzo YB, che rimonta
Partita palpitante alla swissporarena: sotto 3-1 a poco più di mezzora dalla fine, i bernesi si sono imposti 4-3
PROMOTION LEAGUE
16 ore
Basic: confermato il colpo del Bellinzona
L'ex giocatore del Lugano si è accasato nella capitale
SERIE A
18 ore
«Ecco perché ho rinnovato...»
Valon Behrami ha confermato che quella alle porte sarà la sua ultima stagione agonistica.
PARIGI
19 ore
Il mercato si infiamma: il futuro di Ronaldo dipende da Mbappé
Il talento francese vuole a tutti i costi il Real: se l'operazione dovesse andare in porto il PSG punterebbe su Cr7.
TENNIS
20 ore
A Gstaad finale Gaston-Ruud
Sulla terra battuta bernese battuti in semifinale rispettivamente Djere e Kopriva.
TOKYO 2020
1 gior
Gara in linea: oro a Carapaz!
L'ecuadoriano è scattato negli ultimi 6 km. Preceduti  Van Aert e Pogacar
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
07.04.2021 - 07:000
Aggiornamento : 15:05

«Cristiano Ronaldo è leader solo di sé stesso»

«Bianconeri più deboli del passato, ma con un altro allenatore...».

Arno Rossini chiude un capitolo: «Juve, dev’essere ricostruzione. Fuori i “vecchietti” e dentro almeno quattro-cinque giocatori di spessore».

TORINO - C’è la Champions League, c’è la Coppa Svizzera, c’è un match di Liga e ci sono due partite di Serie A. Per gli appassionati pallonari si prospetta un mercoledì grasso. Tenendo conto del fatto che la coppa dalle grandi orecchie offrirà “solo” l’andata di due quarti di finale, che il Lugano non dovrebbe avere problemi contro il Monthey e che in Spagna si esibiranno due squadre “medie”, le partite che potrebbero davvero lasciare un segno profondo sul prosieguo stagionale sono quelle che si disputeranno in Italia. Impegnata contro il Sassuolo, l’Inter potrebbe definitivamente mollare gli ormeggi e prendere il largo, navigando verso un meritato scudetto. In piena frenata, se non dovesse fare risultato contro il Napoli la Juventus potrebbe invece continuare a imbarcare acqua, rischiando l’incredibile affondamento. A proposito di bianconeri, l’opinione pubblica è spaccata in due. Da una parte, pur riconoscendone gli errori, ci sono i sostenitori di Andrea Pirlo. Dall’altra sono invece schierati quelli che, numeri alla mano, del tecnico chiedono la testa. 

«L’azienda Juventus deve produrre, non può permettersi di aspettare nessuno - ha sottolineato Arno Rossini - e soprattutto non può permettersi un altro anno negativo. Perché siamo d’accordo che questo non può essere considerato positivo, vero?».

Quindi è giusto mandare a casa il mister?
«Gli ottavi europei con l’eliminazione dal Porto sono un risultato insufficiente. Perdere lo scudetto è uno smacco. Sì, credo che tutto ciò non giochi a favore di Pirlo. Se poi i bianconeri non dovessero neppure qualificarsi per la prossima Champions League, allora il discorso sarebbe direttamente chiuso. Non ci sarebbero più dubbi riguardo a quale sia la scelta migliore». 

Pirlo non ha saputo gestire le situazioni complicate. Ma è tutta colpa sua?
«Andrea ha tutto per diventare un ottimo allenatore; il problema è che ancora non lo è. E una nuova scommessa la Juve non può sostenerla. Il tecnico non ha mostrato la personalità necessaria per gestire un gruppo di campioni e per imporre la propria idea tattica; ha insomma incontrato difficoltà normali per chi è all’inizio di un percorso. Problemi che, se avesse avuto la giusta esperienza, avrebbe probabilmente saputo risolvere. O quantomeno affrontare. Prima di arrivare, gli è mancato il “percorso”. Quello che invece hanno completato Inzaghi o Gattuso, per fare due nomi». 

La rosa a sua disposizione è comunque meno competitiva rispetto a quelle del recente passato.
«Vero, verissimo, la società ha sbagliato tanto non mettendolo in condizione di lavorare al top. Un altro tecnico al suo posto - penso ad Allegri, a Sarri o a Conte, per parlare degli ultimi passati su quella panchina - avrebbe però ottenuto risultati migliori. Magari il titolo non sarebbe arrivato comunque; una Champions più lunga e una lotta più feroce all’Inter in campionato sarebbero in ogni caso state sicure».

Squadra più debole e mister al momento inadatto. Per tornare a vincere la Juve deve mettere in conto anni bui?
«Almeno un paio, secondo me. Dovranno ricostruire, provando a sbagliare meno mosse possibili. Dovranno salutare i “vecchietti” del gruppo, ormai inaffidabili sull’arco di una stagione, e ingaggiare almeno quattro-cinque giocatori di spessore. Forti ora e in prospettiva fortissimi». 

E Ronaldo?
«Eccezionale. Ma è il leader solo di sé stesso, non della squadra. Non si può discutere quel che dà in campo ma è pure indiscutibile il fatto che sia un grosso problema a livello tattico». 

La nuova Juve deve ripartire da lui?
«Difficile da dire. Ha senso puntare su CR7 e non avere poi una rosa in grado di supportarlo?».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (ALESSANDRO DI MARCO - Z63)
Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-25 11:14:54 | 91.208.130.89