CANTONE
23.05.2018 - 16:310

In 9000 alla quinta edizione del Sun Valley Festival

Ottimo bilancio per l'edizione 2018 della rassegna musicale che si è tenuta a Malvaglia dal 17 al 21 maggio

MALVAGLIA - È da cinque anni una bella realtà, ed è una realtà che funziona e che attira migliaia di persone e appassionati di musica.

Stiamo parlando del Sun Valley Festival, un appuntamento musicale spalmato su più giorni (quattro serate di spettacoli e concerti) promosso e organizzato da un gruppo di giovani di Malvaglia e Serravalle, riuniti nella società Asilo Beach.

Questa associazione no profit, che ora conta 154 soci, è stata creata 15 anni fa da ragazzi del posto che allora avevano tra i 14 e i 17 anni e che, col passare del tempo, ha organizzato eventi di vario tipo nella zona. 

Sempre a scopo sociale e, in qualsiasi occasione, non a scopo di lucro. Il comitato organizzatore conta sei persone: sono in pochi, ma fanno tanto: tant'è vero che si sta già pensando e preparando l’edizione 2019 (si stimano tra le 200 e 250 ore di lavoro). Al loro fianco, un centinaio di volontari principalmente di Serravalle, ma anche della regione che collaborano attivamente e senza i quali un evento di questa portata non potrebbe essere organizzato.

Quest’anno, come noto, l’evento si è svolto dal 17 al 21 maggio e, malgrado il tempo spesso uggioso ma non troppo piovoso, il Sun Valley Festival ha ancora ottenuto un grande successo di pubblico e di critica. Il presidente di Asilo Beach e consigliere comunale di Serravalle Pascal Venti ci comunica che «sono state infatti circa 9'000 le persone, di ogni età, che hanno partecipato a uno o più concerti proposti sui tre palchi e/o alle innumerevoli manifestazioni collaterali, tra cui il Motors Day e la tradizionale Bimbinfesta».

Anche l’area dedicata al campeggio, a sud degli spazi dove si sono svolti i concerti, ha registrato un ottimo risultato, con la presenza di oltre 500 campeggiatori che hanno potuto piazzare le loro tende a titolo gratuito. Apprezzatissima è stata anche la novità di quest’anno, ossia il Wine e il Whiskey bar. Nel contempo, ha collezionato numerosi complimenti anche la cucina curata da Nadir Notari, pure membro di comitato, coadiuvato dai suoi collaboratori.

A livello di sicurezza, ci conferma Stefano Geninasca - responsabile in comitato di questo settore - «non vi sono stati problemi di rilievo; il pubblico ha seguito e fatto suo lo spirito autentico e genuino, proprio del Sun Valley Festival privilegiando gioia e divertimento». Molto graditi dai presenti, sul grande palco, gli effetti speciali tra cui fuoco, coriandoli, coreografie varie e decorazioni spettacolari come i due gufi laterali alti 7 metri ideate dal vicepresidente Damiano Notari. «Il programma musicale proposto – osserva il direttore artistico Alex Sassella a poche ore dalla conclusione del grande evento - ha quindi largamente soddisfatto i presenti a 360 gradi, dato che le proposte erano molto variate e tra il pubblico si sono notate anche persone provenienti dalla Svizzera tedesca, dalla Germania, dalla Polonia, dalla vicina Italia e, ovviamente, da tutto il Canton Ticino».

Una bella realtà, di cui la Valle di Blenio può andar fiera!

Info: sunvalleyfestival.com

Guarda le 4 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-23 00:18:27 | 91.208.130.87