Cerca e trova immobili

SVIZZERANasce una nuova Migros. Obiettivo: migliorare il rapporto prezzo-prestazione

30.06.23 - 14:54
L'azienda rimane vaga sulla nuova organizzazione. Il presidente Irminger: «Abbiamo perso quote di mercato ed è calata l'efficienza»
20 MIN
Fonte ATS/20 MIN
Nasce una nuova Migros. Obiettivo: migliorare il rapporto prezzo-prestazione
L'azienda rimane vaga sulla nuova organizzazione. Il presidente Irminger: «Abbiamo perso quote di mercato ed è calata l'efficienza»

BERNA - Lunedì prossimo inizia la pianificazione della nuova e centralizzata Migros Supermarkt AG. In un odierno incontro coi media non sono però emersi molti elementi concreti. Con la centralizzazione delle operazioni Migros vuole fondamentalmente alleggerire l'amministrazione. Il tutto pensando in primo luogo ai clienti, è stato più volte ripetuto. «Il nostro obiettivo è offrire il miglior rapporto prezzo-prestazione, cosa che negli ultimi anni è diventata sempre più difficile», ha detto il presidente della direzione generale della Federazione delle cooperative Migros (FCM) Mario Irminger.

Cosa cambierà
A partire dal prossimo anno Migros istituirà un'organizzazione centrale di supermercati. Finora ciascuna delle dieci cooperative regionali gestiva l'attività da sola, ora la Federazione delle cooperative Migros la gestisce centralmente come affiliata. Le cooperative detengono il 70% del nuovo supermercato Migros AG, il 30% della FCM. Il CEO sarà Peter Diethelm, amministratore delegato della cooperativa Migros nella Svizzera orientale. Lunedì inizierà il suo lavoro.

In che modo i clienti ne trarranno vantaggio?

Centralizzando gli acquisti, Migros spera di ottenere una posizione più forte nei confronti dei fornitori. Il CEO di Migros Irminger ha promesso prezzi più interessanti, ma non ha potuto ancora fornire dettagli su quando i clienti potranno beneficiare della trasformazione. Quest'anno, Migros ha prezzi dell'elettricità raddoppiati, come afferma il capo del supermercato Diethelm. Pertanto, potrebbero esserci ancora aumenti di prezzo in alcune aree, ma i prezzi stanno già scendendo su tutta la linea. La concorrenza si è fatta più forte: «Migros ha perso quote di mercato ed ha subito cali nell'efficienza», ha proseguito Mario Irminger. In un certo senso, l'azienda potrebbe essersi messa il bastone fra le ruote da sola, e una parte dei motivi va ricercata proprio nella struttura federalistica e nella complicata organizzazione.

I prodotti regionali scompariranno?
Stando a quanto è stato riferito oggi durante la conferenza stampa dovrebbero continuare ad esistere. 

Quanti posti di lavoro andranno perduti?
Nell'operazione di snellimento organizzativo non sono esclusi tagli al personale, anche se elementi concreti non sono fino ad ora emersi. Irminger ha però garantito che vi sarà un approccio "molto sociale" da parte della Migros, che ha tuttavia ancora 2.000 posti vacanti a causa della carenza di lavoratori qualificati.
 
 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

robinson 1 anno fa su tio
I prezzi Migros sono cari, troppo cari Per fortuna ci sono Lidl e Aldi che ci permettono di fare la spesa a prezzi abbordabili (con prodotti di ottima qualità) E non da dimenticare che per fare la spesa in parecchi negozi Migros in città bisogna aggiungere anche i soldi del posteggio

Talos63 1 anno fa su tio
Così facendo si eludono gli statuti che vogliono la Migros come cooperativa e non come SA… sono 20 anni che si è cercato di fare questo cambiamento ed ora sembra ci siano riusciti. Duttweiler continua a girarsi nella tomba!

Pingu 1968 1 anno fa su tio
Ma non avete mai fatto caso che se andate nelle Migros di paese trovate solo i prodotti più cari e non sempre ci sono le azioni come nei centri così fanno cassa sulle persone Anziani che non possono spostarsi . Sono finiti i tempi del camion che si aspettava nelle valli bei tempi

angelina 1 anno fa su tio
speriamo che non si perdano posti di lavoro in TI, e poi che i prodotti non siano troppo "germanizzati".

Jackb 1 anno fa su tio
Migros deve tornare ad essere il negozio del popolo! Basta con prodotti selection e chicche del genere a prezzi assurdi che finiscono sicuro tutti al macero! Identità Umiltà Territorio Dipendenti Cliente Assumete gente che conosce il mondo del commercio al dettaglio, fate far carriera a chi è già in ditta e non a neo laureati che non distinguono un limone da un pompelmo! Inutile tagliare posti in vendita per assumere poi dirigenti!

F/A-19 1 anno fa su tio
Ma non hanno sempre detto che tutto andava a gonfie vele? I nodi prima o poi arrivano al pettine ma lo capisce anche un bambino che questi nuovi arrivati lidel ed aldi avrebbero preso la loro fetta di mercato e quindi migros e Coop al posto di far vedere i muscoli dovevano da subito attuare misure di contrasto. Ora è tardi perché la gente ha meno soldi e si è abituata ai nuovi entrati, difficile tornare indietro ma si sa che ogni cosa ha un principio ed una fine.

PanDan 1 anno fa su tio
quello che fanno questi,lo dovrebbe fare il Cantone e forse con una marcia in più...

Gufo1 1 anno fa su tio
Secondo una recente statistica Migros è spesso perfino cara di Coop, che è tutto dire. Tutti e due i marchi hanno perso la loro integrità (morale) in quanto aziende cooperative: lo statuto di una cooperativa prevede che lo scopo primario sia quello di fare gli interessi dei soci e non di ricercare il profitto. Semmai si conseguisse il profitto questo può essere investito per lo sviluppo dell’azienda. Le due aziende conseguono ogni anno centinaia di milioni di utili ed in effetti questi sono stati utilizzati unicamente per eliminare quanti più concorrenti possibili e consolidare con questo il loro duopolio. Il sottoscritto però - in quanto socio di tutti e due i marchi da decenni - non ha mai visto un Franco. Piuttosto che abbassare i prezzi sembra preferiscano costruire iper-centri (cattedrali di cristallo) ed abbandonare la periferia. Il buon Gottlieb Duttweiler si rivolterà nella tomba perché non è questo che avrebbe voluto: il suo obiettivo fu quello di permettere a tutti i residenti del Paese di avere accesso a beni di prima necessità, sotto casa, a prezzi moderati. Quanto è rimasto di tutto ciò?

PanDan 1 anno fa su tio
Risposta a Gufo1
sosteniamo Aldi e Lidl...

falco8 1 anno fa su tio
togliere l'umano da tutte le casse, automatizzare tutta l'amministrazione togliendo gli umani, idem per la logistica e sostituire il consiglio d'amministrazione con un AI, é quello che accadrà in molti settori, svegliatevi! la società e la nostra ragione di essere devono cambiare radicalmente, altro che pensione a 70 anni...

PanDan 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
87 é la mia proposta...

PanDan 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
no, scusa, 97

PanDan 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
anzi No 107

PanDan 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
108 e non parliamone più, con un'aliquota sullo stipendio del 60% così facciamo felice la politica.

Ascot 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
Ma tu non sei normale

Facocerorosso 1 anno fa su tio
Tutti dalla concorrenza mi pare normale ;) Coop e Migros sono troppo costose per la gente.

Gimmi 1 anno fa su tio
Grazie ha Lidl e Aldi ,che vi hanno una lezione, di poter fare quello che volevate con i prezzi!!

Rusky 1 anno fa su tio
svegliatevi che è tardissimo voi incompetenti ai piani alti ! La concorrenza Al. E Li non ha mai dormito ! Dovete offrire piú prodotti di marca propria a prezzi da discounter ! per es il formaggio quello con gli angeli il Caprice è carissimo ma nei Discounter si trova la marca propria prodotta dallo stesso fabbricante ad un prezzo bassissimo. qualitá e finitura è tutto uguale cambia solo l etichetta e la confezione !

M70 1 anno fa su tio
Migros iniziate a calare i prezzi, e ad assumere personale residente! vergognatevi in Ticino assumete fronta.. senza qualifiche e poi vi lamentate avete perso mercato?

pegis 1 anno fa su tio
Questo succede quando si dorme sugli allori. Adesso che i buoi sono scappati volete fare le porte di ferro?
NOTIZIE PIÙ LETTE