Immobili
Veicoli

POLONIA / SVIZZERASanzioni contro Vekselberg in Polonia, colpite anche Sulzer e Medmix

16.05.22 - 08:26
Le perdite si aggirano attorno alle decine di milioni di franchi
Deposit
Sanzioni contro Vekselberg in Polonia, colpite anche Sulzer e Medmix
Le perdite si aggirano attorno alle decine di milioni di franchi

VARSAVIA - Sulzer e Medmix devono sospendere le loro attività in Polonia a causa del loro azionista principale, Viktor Vekselberg. L'oligarca è nel mirino delle autorità polacche in relazione alla guerra in Ucraina.

Le attività polacche del conglomerato industriale Sulzer sono ostacolate dalle sanzioni adottate dal governo locale contro le sue due filiali, ha dichiarato oggi l'azienda di Winterthur. Sulzer Pumps Wastewater Poland e Sulzer Turbo Services Poland, che impiegano 192 persone, non possono più continuare la loro attività nel Paese. Se la sospensione delle attività dovesse continuare, potrebbe avere un impatto negativo sulle vendite fino a 21 milioni di franchi, pari a circa lo 0,6% del fatturato totale nel 2021.

Le sanzioni polacche si applicano a Viktor Vekselberg, che possiede il 49% di Sulzer attraverso Tiwel Holding. Sono state estese alle due filiali polacche del gruppo, «sebbene Vekselberg non abbia il controllo o la proprietà di alcuna filiale Sulzer e sia privato dei suoi diritti economici in Sulzer», precisa il comunicato. L'azienda ritiene quindi che le sanzioni siano «errate» e continua a chiederne la revoca.

Anche Medmix ha annunciato la chiusura del suo sito produttivo di Breslavia a causa delle stesse sanzioni. Viktor Vekselberg detiene una partecipazione del 40% in Medmix, tramite Tiwel Holding, e quindi Medmix Poland non può più continuare la sua attività. La direzione sta cercando di rimuovere l'azienda dall'elenco delle società sanzionate, ma se non riceverà una risposta sarà costretta a interrompere la produzione, che genera un fatturato settimanale di 1,6 milioni di franchi, si legge nel comunicato stampa. Medmix ha 283 dipendenti in Polonia.

Oerlikon, in cui Viktor Vekselberg detiene una partecipazione azionaria del 41% attraverso Liwet Holding, non ha ancora indicato se le nuove sanzioni polacche ostacolano le attività, sebbene l'azienda abbia diversi siti produttivi in Polonia.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA