Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
CANTONE
3 ore
Sia NFT, che rivista: l'idea che arriva da Lugano
Si tratta di un progetto della società con sede a Lugano The Cryptonomist, in collaborazione con l'italiana ArtRights
Canada
4 ore
Zara, Adidas e LVMH sono coinvolte nella deforestazione dell'Amazzonia
Gli alberi vengono abbattuti per fare spazio ai capi di bestiame grazie ai quali si producono borse, scarpe e portafogli
UNIONE EUROPEA
13 ore
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
16 ore
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
18 ore
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
20 ore
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
23 ore
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
TICINO / SVIZZERA
1 gior
I lingotti ticinesi di PAMP si fondono... con MKS
La nuova azienda impiegherà circa 270 persone in tutta la Svizzera, di cui 200 in Ticino
Francia
1 gior
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
1 gior
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
18.11.2021 - 12:520

Nel 2020 il tempo di lavoro è diminuito di 6,4 giorni

Il calo più forte si è registrato negli alberghi, nei ristoranti e nel settore della cultura

Nel decennio dal 2010 al 2020, la durata annuale effettiva di lavoro per persona occupata è diminuita in media di 13,8 giorni

NEUCHÂTEL - Nel 2020, il primo anno segnato dalla pandemia di Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito in media di 6,4 giorni pro capite rispetto all'anno precedente. Il dato corrisponde pressoché alla riduzione del volume di lavoro registrata nei nove anni prima. Il fenomeno è stato particolarmente marcato nei settori alberghiero e della ristorazione, con un calo del lavoro del 22,2%.

Nel decennio dal 2010 al 2020, la durata annuale effettiva di lavoro per persona occupata è diminuita in media di 13,8 giorni. Negli anni precedenti la pandemia, la riduzione può essere spiegata in particolare dall'aumento del lavoro a tempo parziale, delle vacanze e dal calo degli straordinari, indica oggi l'Ufficio federale di statistica (UST) in una pubblicazione ad hoc intitolata Evoluzione delle durate del lavoro dal 2010 al 2020, disponibile in tedesco e francese.

Tra il 2019 e il 2020, invece, il calo è dovuto principalmente al lavoro ridotto e ad "altri motivi" - per esempio la quarantena o le restrizioni commerciali per i lavoratori indipendenti nel contesto della crisi sanitaria.

Colpisce la discrepanza tra uomini e donne: i primi hanno lavorato circa 18,5 giorni in meno nel 2020 rispetto al 2010, mentre le seconde hanno avuto solo sette giorni liberi in più. La differenza è dovuta principalmente agli anni prima della pandemia. Nel 2020, le ore di lavoro sono diminuite in modo analogo per entrambi i sessi.

Secondo l'UST, il fatto che le ore di lavoro siano diminuite più significativamente per gli uomini che per le donne negli ultimi dieci anni è dovuto al maggiore aumento del lavoro a tempo parziale tra i maschi. Le donne hanno sempre lavorato molto a tempo parziale, soprattutto per motivi familiari.

Stranieri meno occupati nel 2020
Anche la nazionalità è determinante: prima del Covid-19, il volume di lavoro dei cittadini svizzeri è diminuito di 8,7 giorni, contro 6,5 giorni per gli stranieri.

Nel primo anno dell'epidemia la situazione si è invertita: nel 2020, il tempo di lavoro degli stranieri è diminuito di 10,1 giorni, mentre quello degli svizzeri di meno della metà (4,6 giorni). In tutti i dieci anni, la differenza si è quasi livellata e ammonta a solo 1,2 punti percentuali.

Differenzia anche il modello di attività: durante l'intero decennio, il volume di lavoro degli indipendenti è diminuito di 20,5 giorni, contro 13,1 giorni pro capite tra i dipendenti. Prima della pandemia, la differenza si riduceva di anno in anno; nel 2020, il divario si è allargato di nuovo.

Calo più forte in alberghi, ristoranti e cultura
A distinguere l'andamento concorre in modo determinante anche il ramo economico. Prima del Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito più della media nella cultura, nell'agricoltura, nella silvicoltura e nell'amministrazione pubblica. Al contrario, nei settori "trasporti e stoccaggio", "costruzione" e "attività industriale/fornitura di energia", nel 2020 il volume di lavoro è risultato analogo a quello di un decennio prima.

Nel primo anno di pandemia, le discrepanze sono aumentate considerevolmente: "Strutture ricettive e ristorazione" hanno registrato un calo del volume di lavoro del 22,2% rispetto al 2019; nella cultura la contrazione ha raggiunto quasi il 10% e nelle imprese dei settori "trasporti e stoccaggio" e "commercio e riparazione" le ore di lavoro sono diminuite rispettivamente del 5,4% e 4,6%

Italia, Francia e Austria hanno sofferto di più nel 2020
Nel confronto internazionale, il volume di lavoro tra il 2010 e il 2020 è diminuito in modo analogo in Svizzera, con un -7,2%, e nell'Unione europea (Ue, -7,3%). Il calo è invece più marcato nell'eurozona (-8,3%) e in tre paesi limitrofi - Italia (-12,3%), Austria (-9,8%) e Francia (-9,0%). La Germania ha invece registrato un -6,6%.

L'effetto della crisi sanitaria sulle ore di lavoro in Svizzera è stato meno marcato che nell'Ue (-3,4% contro -5,0%) e nei paesi limitrofi. Tuttavia, il calo più pronunciato nella Confederazione tra il 2010 e il 2019 (-3,9% contro -2,4% nell'Ue) porta a una diminuzione della stessa entità in dieci anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Leonardo-P 1 sett fa su tio
E c’era bisogno di uno studio e di un articolo da dove si poteva semplicemente esortare con un “e grazie ar ca…”?!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 10:53:18 | 91.208.130.89