Immobili
Veicoli

CINAShenzhen in lockdown, contraccolpo per Apple

14.03.22 - 07:38
Il blocco imposto dalle autorità cinesi per contenere i casi di Covid interessa anche diversi fornitori del colosso
Depositphotos (Vividrange)
CINA
14.03.22 - 07:38
Shenzhen in lockdown, contraccolpo per Apple
Il blocco imposto dalle autorità cinesi per contenere i casi di Covid interessa anche diversi fornitori del colosso

SHENZHEN - I fornitori di Apple, tra cui Foxconn, hanno sospeso la produzione dopo che la Cina ha bloccato le città di Shenzhen e Shanghai (per ora parzialmente) negli sforzi per contenere l'aumento dei casi di Covid-19 e della variante Omicron.

Lo rende noto il Nikkei, ricordando che il governo di Shenzhen ha dichiarato ieri sera la sospensione di tutti i trasporti pubblici e di tutte le attività non essenziali da oggi e fino al 20 marzo, disponendo l'adozione da parte di tutti i parchi industriali e delle aree residenziali di Shenzhen delle misure di blocco, con l'avvio dei test di massa anti-Covid per gli oltre 17 milioni di residenti.

Solo le attività essenziali per la vita quotidiana, come mercati, farmacie e istituzioni mediche, possono continuare a funzionare normalmente, mentre i ristoranti possono solo accettare ordini per la consegna. Un freno è previsto anche per gli spostamenti: è possibile lasciare la città solo se è necessario, ha affermato il governo di Shenzhen.

La megalopoli, ormai un unico conglomerato urbano con Hong Kong, è sede di importanti società tecnologiche come Huawei, Oppo e TCL ed è anche uno dei più grandi centri di produzione per Foxconn, il colosso taiwanese che rifornisce clienti da Apple a Google fino ad Amazon. Il blocco della produzione nell'area è un ulteriore colpo alla catena globale degli approvvigionamenti globale già alle prese con la carenza di semiconduttori e la guerra in Ucraina.

Foxconn, il più grande produttore mondiale di elettronica a contratto, ha riferito oggi la sospensione della produzione negli stabilimenti di Longhua e Guanlan a Shenzhen fino a nuovo avviso da parte del governo locale, attivando un piano di parziale compensazione in altri impianti.

Shenzhen è il secondo centro cinese di produzione per Foxconn dopo Zhengzhou nella provincia di Henan, che è il più grande per gli iPhone al mondo, ma ha anche i laboratori sono sviluppati i prototipi. General Interface Solution (Gis), consociata di Foxconn nei pannelli, ha dichiarato in un file di Borsa che il suo stabilimento di Shenzhen fermerà da oggi la produzione, destinata a colossi come Apple e Samsung. Il più grande produttore di circuiti stampati di Taiwan, Unimicron, fornitore chiave della casa di Cupertino, di Intel e Nvidia, ha dichiarato che la sua filiale della megalopoli del Guangdong si fermerà.

Il governo della città di Shanghai ha esortato i residenti a non andarsene a meno che non sia assolutamente necessario, mentre chiunque viaggi in entrata o in uscita dalla città deve presentare un risultato di test negativo agli acidi nucleici delle ultime 48 ore. Servizi di autobus tra la città e altre province, come Anhui, Shandong e Jiangxi, sono sospesi. Shanghai è il più importante centro di produzione di semiconduttori della Cina, nonché il suo hub finanziario.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA