© Panos Pictures
+2
Svizzera/Cina
17.11.2021 - 11:420
Aggiornamento : 19.11.2021 - 11:31

La catena di moda Shein dà un solo giorno libero al mese ai suoi lavoratori

Un'inchiesta di Public Eye fa luce sulla catena di produzione del retailer di fast fashion più fiorente del momento

BERNA/GUANGZHOU - Sicurezza, assicurazione sul lavoro e giorni liberi. Queste sono le cose che mancano ai dipendenti di Shein. Quello che hanno sono settimane lavorative con una media di 75 ore e stipendi che non garantiscono una buona qualità di vita. Il più grande retailer sul mercato in un'inchiesta dell'Ong Public Eye.

Con meno di 20 franchi si può comporre tutto un outfit, se i vestiti vengono acquistati su Shein. La marca cinese è nota ai più giovani, soprattutto agli utenti di TikTok, e ha conosciuto dal 2020 una crescita enorme. Fondata nel 2015, si stima che l'anno scorso abbia avuto un fatturato di almeno 10 miliardi di dollari e per il 2021 si pensa che questo possa raddoppiare fino ai 20 miliardi. Il suo boom, che minaccia gli altri grandi retailer della fast fashion come Zara e H&M, è dovuto soprattutto a campagne aggressive sui social e anche all'hashtag #sheinhaul che, secondo i dati di Public Eye, ha ricevuto almeno 3,7 miliardi d'interazioni su TikTok.

Il successo tra i giovani è anche dovuto al suo modo di comunicare inclusivo. Recentemente all'evento "Shein X Rock the Runway", trasmesso in diretta su Youtube, Instagram e sull'applicazione dello store, i partecipanti, che potevano essere cantanti o ballerini, dichiaravano sul palco come Shein fosse riuscita a riunire tutte le etnie, le forme e le taglie. Ma la politica inclusiva del gigante si ferma alle apparenze.

Le condizioni in cui versano i lavoratori della catena di moda sono illegali. Ogni giorno sul sito di Shein è possibile comprare articoli che la veglia nemmeno esistevano. Per fare questo, è necessario un ritmo non stop, sette giorni su sette, 24 ore su 24. Un'inchiesta di Public Eye condotta in 17 dei mille stabilimenti di produzione in Cina di Shein ha portato alla luce la miseria e il pericolo in cui i dipendenti si trovano ogni giorno. Fino a dodici ore di lavoro giornaliere, con due pause, una sola sera libera a settimana e un solo giorno di libero al mese. «In virtù alla legge sul diritto del lavoro in Cina, una settimana lavorativa non può superare le 40 ore settimanali e le ore supplementari possono essere al massimo 36 ore su base mensile e, inoltre, è previsto almeno un giorno libero a settimana».

Le paghe variano in base alla funzione che si ricopre e alla complessità di un capo. Chi taglia il filo, prende 4'000 yuan al mese, chi impacchetta 5'000 e chi passa il ferro da stiro 7'000. Come scritto da Public Eye, la differenza nella remunerazione è da attribuire al se si passa un'intera giornata in piedi e alle temperature a cui si è esposti. Nel migliore dei casi, un impiegato può guadagnare fino a 10'000 yuan al mese, che espressi in moneta svizzera corrispondono a 1'400 franchi, il costo di una vita media con un appartamento al limite dell'essenziale.

© Panos Pictures
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 10:38:21 | 91.208.130.86