Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Joe Giddens)
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
1 ora
Frutta e verdura? La bontà, prima della bellezza
Il WWF se la prende con il "culto della bellezza" che crea grandi sprechi
MONDO
5 ore
Le Big Tech consumano più energia del Portogallo
Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google hanno adoperato 49,7 milioni di megawattora in un anno
MONDO
8 ore
Guerra, inflazione e lockdown ostacolano la crescita
La frenata del Pil delle economie avanzate è pari allo 0,6% in un paio di mesi, secondo Moody's
STATI UNITI
10 ore
Privacy e pubblicità, Twitter sborsa 150 milioni
L'azienda era accusata di aver «impropriamente raccolto dati degli utenti»
CANTONE / ZURIGO
1 gior
Fallimenti, Ticino in controtendenza
Sensibile l'aumento delle aziende che devono abbassare la saracinesca.
ZUGO 
1 gior
Corruzione, Glencore dovrà pagare 1 miliardo di dollari a Usa e Brasile
La società si è dichiarata colpevole di attività di corruzione in Africa e in Sudamerica.
REGNO UNITO
1 gior
Un centesimo qua, un centesimo là: ecco come il pollo diventa caro come il manzo
I fast food hanno già rivisto il prezzo verso l'alto e nei supermercati è necessario spendere 50 centesimi in più
STATI UNITI
2 gior
Un algoritmo per far collaborare al meglio umani e robot
A svilupparlo sono stati ricercatori americani dell'Istituto di robotica della Carnagie Mellon
CINA
2 gior
Troppi lockdown: Airbnb si ferma
Sulla piattaforma non sarà possibile prenotare soggiorni nel paese per date successive al 29 luglio
SVIZZERA
2 gior
Axpo, 24 turbine eoliche passano di mano
Gli impianti sono stati sviluppati e messi in funzione tra il 2017 e il 2022
SVIZZERA/MONDO
2 gior
Huawei non molla la spinta sugli orologi (e sul fitness)
Samsung, dal canto suo, punta ad investire ancor più nei semiconduttori
SVIZZERA
2 gior
Più di un milione di resi nella pattumiera
Un nuovo rapporto di Public Eye si china sulla questione moda e e-commerce. Al centro: Zalando, Amazon, Asos e Shein
SVIZZERA
2 gior
Nei negozi un'inflazione limitata
L'aumento dei prezzi dovrebbe mantenersi in media sull'1,2 per cento quest'anno in Svizzera
IRLANDA
3 gior
Meno emissioni di Co2? EasyJet accelera
Il vettore ha lanciato un nuovo obbiettivo intermedio: ridurle del 35% entro il 2035
MONDO
13.10.2021 - 19:070
Aggiornamento : 14.10.2021 - 17:08

«Il sistema comincia a mostrare problemi in tutti i suoi angoli»

La crisi globale dell'approvvigionamento per ora non ci riguarda ma c'è chi sostiene che presto potrebbe peggiorare

LONDRA - Mancano i “pezzi“ per fare le cose, manca l'energia per produrle e mancano i mezzi di trasporto per prenderle dai porti affollati e consegnarle nei negozi. Viviamo in un momento difficile a livello globale - e fortunatamente un po' meno a livello locale - per quanto riguarda la produzione, il trasporto e la distribuzione delle merci.

I motivi sono diversi, alcuni di carattere endemico e legati a come alcune materie prime vengono prodotte (soprattutto riguardo ai chip, che sono molto difficili da realizzare e vengono prodotti in una manciata di stabilimenti attorno al mondo) e trasportate (in questo senso i vincoli sono spesso moltissimi e vengono sopportati da una fascia di professionisti che lavorano duramente tutto l'anno). Altri sono però legati alla pandemia che ha frenato tutto ovunque - e continua a farlo - ostacolando tanto le fabbriche quanto navi e camion.

A questo freno è poi seguita la voglia di ripartire globale, istantanea e non graduale, dopo il primo lockdown. Una volta esauriti gli stock, ci si è finalmente resi conto che qualcosa non andava. Che tanto le auto quanto le console e i telefonini non si potevano assemblare perché, semplicemente, non era possibile. Con ulteriori freni alla produzione, frustrazioni e rischio licenziamento per decine di migliaia di lavoratori.

Una situazione difficile, dicevamo che al momento però non ci tange. Non ci manca la benzina, il gas non rincarerà e nei negozi gli scaffali non si stanno svuotando. Non è chiaro se, e per quanto, questa situazione potrà continuare e se la Svizzera, e l'Europa, potranno uscirne indenni recuperando il gap prima che questo possa farsi sentire.

Non ne sono convinti gli analisti di Moody's, secondo i quali la crisi globale dell'approvigionamento «dovrà peggiorare ancora prima di migliorare», scrive la Cnn, «il sistema globale inizia ora a mostrare tutta una serie di problemi in tutti i suoi angoli». Una versione che non convince, invece, la banca americana JP Morgan Chase che sostiene come tutto tornerà presto alla normalità.

Come spesso capita con queste cose solo il tempo potrà confermare ma alcuni indicatori possono farci capire dove gli effetti potrebbero farsi sentire un po' di più e dove meno. Uno di questi potrebbe essere il tasso di intasamento dei porti, dove milioni di container sono stoccati, in attesa di disbrigo.

Al primo posto - riporta Bloomberg nel suo report periodico - c'è quello di Los Angeles, Long Beach, con tempi di ritardo superiori ai 6 giorni. Si tratta della struttura più in difficoltà al mondo, e ha attirato anche l'interesse del presidente Joe Biden. Segue Shanghai (5 giorni) e Rotterdam (4 giorni), e quest'ultimo forse ci riguarda un po' più da vicino visto che molte merci che arrivano da noi vengono proprio da lì.

Non in classifica, ma comunque in grande difficoltà c'è il porto Felixstowe, non lontano da Londra, dove sono bloccate merci per 1.5 miliardi di sterline e che sono attese nei negozi per Natale. In questo caso, come negli altri, il vero anello debole si sono rivelati i camionisti: troppo pochi (anche perché molti hanno alzato bandiera bianca) per un fabbisogno che invece non è affatto calato, anzi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
Ecco che si palesa la famosa crisi di cui parlavamo un anno e mezzo fa. Ora vedremo chi voleva restrizioni quasi totali cosa dirà quando nei prossimi anni aumenterà il prezzo di tutto. Se non sbaglio oggi mancano carta, petrolio, elettricità ''verde'' (il vento germanico), metano, legno, ossigeno e componenti elettronici (quindi auto, elettrodomestici, telefoni, ...). Vedremo quale sarà la prossima carenza.
Elisa_S 7 mesi fa su tio
@Mattiatr se servirà a ridisegnare al nostro modo di consumare ...e ad orientarci verso una vita più green...allora benvenga
cle72 7 mesi fa su tio
Sappiamo chi bisogna ringraziare per questo...
francox 7 mesi fa su tio
Mica dobbiamo ridimensionarci e rallentare? Et voilà.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 20:14:21 | 91.208.130.89