ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
53 min
La California fa causa a Uber e Lyft
Le due società sono accusate del reato di «furto salariale».
STATI UNITI
58 min
Twitter blocca l'account della campagna di Trump: «Fa disinformazione sul coronavirus»
Sotto accusa è finito un cinguettio che sosteneva che i bambini sono «quasi immuni» alla malattia.
STATI UNITI
1 ora
Arrestati per la festa alcolica sulla nave da crociera a New York
Il governatore Cuomo ha definito l'episodio «davvero spericolato, irresponsabile e illegale»
STATI UNITI
8 ore
Lavorare da casa? «Si lavora di più»
Lo sostiene uno studio americano, secondo il quale in media si lavora 48,5 minuti in più rispetto che in ufficio
FRANCIA
10 ore
Campeggio in fiamme a Marsiglia, 2'700 sfollati
Ora il rogo è sotto controllo. Sul posto sono intervenuti ben 1'800 vigili del fuoco
STATI UNITI
10 ore
New York Times: il web supera la carta
Non era mai successo: i profitti dell'edizione digitale superano quelli della versione cartacea
STATI UNITI
11 ore
Il verdetto del “mago delle previsioni”: «Joe Biden sarà il prossimo presidente»
Parola di Allan Lichtman, che dal 1984 ha azzeccato tutti i vincitori delle presidenziali americane
LIBANO
12 ore
Da "Svizzera del Medio Oriente" a "Nuovo Afghanistan"
Dopo i fasti degli anni '70, il Libano è diventato un Stato al collasso.
FOTO
LIBANO
13 ore
L'avviso sei mesi fa: «Potrebbe esplodere tutto»
Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale
NORVEGIA
13 ore
Una nave da crociera bloccata in Norvegia per il coronavirus
Quarantena per più di 200 persone fra passeggeri ed equipaggio, la nave ferma nel porto di Bodoe
ITALIA
14 ore
Ripescato nel lago di Como il cadavere di un consulente finanziario
Ritrovamento fortuito sul fondale di Varenna della salma di un uomo scomparso due mesi fa
IRAN
14 ore
L'Iran risarcirà le vittime del volo PS 752 abbattuto dall'esercito
Tutte le 176 persone a bordo erano morte, Teheran: «Un errore umano»
GERMANIA
15 ore
Una stretta agli spot del "junk food"
I Verdi tedeschi chiedono una limitazione delle pubblicità: dovrebbero essere ammesse solo alla sera
GERMANIA
15 ore
In volo con le ossa del marito in valigia
La donna è stata fermata lunedì all'aeroporto di Monaco. Il trasporto però era in regola
REGNO UNITO
25.07.2019 - 12:510
Aggiornamento : 14:20

Johnson: «Il Regno Unito diventerà il miglior Paese in cui vivere sulla Terra»

Il neo premier britannico ha confermato l'obiettivo di uscire dall'Ue il 31 ottobre e non ha risparmiato i superlativi. Proteste dall'opposizione

LONDRA - Nel suo primo discorso da premier alla Camera dei Comuni, Boris Johnson ha confermato l'obiettivo di completare la Brexit per il 31 ottobre, aggiungendo - fra le proteste dei banchi dell'opposizione - di voler fare del Regno Unito «il miglior Paese in cui vivere sulla Terra».

Un paese «verde, prospero, fiducioso e ambizioso» che possa diventare «la prima economia in Europa», ha aggiunto ironizzando sulle «negatività» degli oppositori e dei pessimisti.

«L'accordo di May è già bocciato e inaccettabile» - Johnson ha inoltre seppellito l'accordo sulla Brexit raggiunto dalla ex prima ministra Theresa May. «È stato bocciato già tre volte da questa Camera e i suoi termini sono inaccettabili», ha incalzato, insistendo di voler «negoziare in buona fede un'alternativa con l'Ue» e ribadendo la sua convinzione che il cosiddetto backstop possa essere sostituito da altre soluzioni per garantire il confine aperto irlandese senza restare «nell'unione doganale e nel mercato unico».

«Non nomineremo un commissario europeo britannico» - Il Regno Unito non designerà «in nessuna caso» un nuovo commissario europeo britannico per l'esecutivo entrante dell'Ue guidato da Ursula von der Leyen, ha poi specificato Johnson ribadendo che non avrebbe senso. Il nuovo governo, infatti, è impegnato a portare a termine la Brexit e il divorzio del Regno da Bruxelles il 31 ottobre senza alcun ulteriore rinvio.

La flotta va rafforzata - Johnson, si è impegnato a incrementare i fondi per la difesa, e in particolare per la Royal Navy, alla luce della crisi innescatasi nel Golfo per la cosiddetta guerra delle petroliere con l'Iran. Johnson ha parlato della necessità di costruire nuove navi militari, anche per poterle «esportare», dopo i tagli alla difesa imposti negli ultimi anni dalle politiche di austerità di bilancio degli stessi governi Tory. Ma non è entrato nei dettagli della sua strategia verso Teheran.

Ha invece attaccato il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, anche su questo dossier, accusandolo di essere stato «pagato da Press Tv» e di «aver preso ripetutamente le parti degli ayatollah» contro gli Usa. «È incredibile che si debba anche solo pensare di poter avere fiducia in questo gentleman nella gestione della sicurezza nazionale», ha concluso il nuovo primo ministro.

Ue: «La nostra posizione non cambia» - «Abbiamo sentito il discorso di (Boris) Jonhson, non lo commenterò, ma voglio ribadire quella che è la posizione dell'Ue che rimane la stessa». Così la portavoce della Commissione europea Mina Andreeva a chi le chiedeva di commentare quanto detto ieri dal premier britannico che aveva evocato un nuovo accordo con l'Ue.

«Abbiamo raggiunto un accordo sul ritiro con il Regno Unito che è il miglior accordo possibile» e «siamo pronti ad aggiungere elementi sulla dichiarazione politica, ma non riapriremo l'accordo di recesso». Andreeva ha poi precisato che anche sul backstop «la nostra posizione non è cambiata, speriamo che il Regno Unito onorerà i suoi impegni sulla questione della frontiera» nordirlandese.

Corbyn all'attacco - Il leader dell'opposizione laburista Jeremy Corbyn denuncia la mancanza di «un piano sulla Brexit» concreto e accusa il nuovo premier conservatore Boris Johnson di perseguire «uno sconsiderato piano verso il no deal» che sarebbe un disastro «per l'industria, i prezzi degli alimenti, i posti di lavoro».

Lo sfida inoltre a entrare nei dettagli sulla sua promessa di poter accantonare il backstop e individuare altre garanzie per mantenere il confine irlandese senza barriere.

Saluto polemico dalla Scozia - Il capogruppo degli indipendentisti scozzesi dell'Snp al parlamento britannico, Ian Blackford, ha salutato polemicamente il nuovo primo ministro Boris Johnson alla Camera dei Comuni come «l'ultimo premier di un Regno Unito unito», tornando a evocare la prospettiva di un nuovo referendum sulla secessione della Scozia. Ha poi definito «fantasie» i piani di Johnson di rinegoziare la Brexit con l'Ue, dicendosi convinto che il suo governo sarà «fermato dal Parlamento» sulla strada verso una possibile uscita dall'Unione senza un accordo.

«Lei non ha mandato in Scozia e non ha mandato in questa Camera», ha tuonato Blackford, contestando a Johnson di essere stato eletto solo dalla base degli iscritti Tory, lo 0,4% della popolazione del Regno. Johnson ha risposto ricordando in particolare come l'attuale leader dell'Snp, Nicola Sturgeon, sia stata eletta a suo tempo First Minister del governo locale scozzese al posto del suo predecessore, Alex Salmond, senza passare da elezioni, ma solo su designazione di partito. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 08:21:01 | 91.208.130.87