Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINAPiù di 10mila sepolture a Mariupol

08.02.24 - 16:39
«Il numero totale di morti potrebbe essere molto più alto: in alcune tombe vi erano più corpi e alti potrebbero trovarsi sotto le macerie»
keystone-sda.ch / STR (Alex Babenko)
Fonte Ats ans
Più di 10mila sepolture a Mariupol
«Il numero totale di morti potrebbe essere molto più alto: in alcune tombe vi erano più corpi e alti potrebbero trovarsi sotto le macerie»

MARIUPOL - Dall'analisi di immagini satellitari, foto e video dei principali cimiteri di Mariupol, in Ucraina sud-orientale, è emerso che più di 10'000 persone sono state sepolte nella città tra marzo 2022 e febbraio 2023: confrontando l'aumento delle tombe con il tasso medio di mortalità della città, le organizzazioni Human Rights Watch e Truth Hounds stimano che almeno 8'000 persone siano morte a causa di combattimenti o per cause legate alla guerra; non si sa quanti fossero civili.

Il rapporto di 224 pagine "'Our City Was Gone': Russia's Devastation of Mariupol, Ukraine", un documento multimediale digitale con un video di 20 minuti, afferma che «il numero totale di morti potrebbe essere molto più alto: alcune tombe contenevano più corpi e i resti di altri sono stati probabilmente sepolti dalle macerie. Alcuni potrebbero essere rimasti in tombe di fortuna e altri potrebbero essere morti in seguito. Alcuni parenti dei dispersi stanno ancora cercando i loro cari».

«La devastazione di Mariupol da parte delle forze russe è uno dei capitoli peggiori dell'invasione dell'Ucraina», ha dichiarato Ida Sawyer, responsabile crisi e conflitti di Human Rights Watch. «Il presidente russo Vladimir Putin e altri alti funzionari dovrebbero essere indagati e adeguatamente perseguiti per il loro ruolo negli evidenti crimini di guerra commessi dalle forze russe durante i combattimenti, e la Russia dovrebbe fornire risarcimenti alle vittime delle violazioni delle leggi di guerra e alle loro famiglie», si legge nel rapporto.

Il rapporto di Hrw ha analizzato le sofferenze dei civili e i danni a migliaia di edifici, tra cui diverse centinaia di condomini, ospedali, strutture scolastiche e infrastrutture elettriche e idriche. E illustra i ripetuti tentativi dei funzionari ucraini e delle agenzie internazionali di organizzare evacuazioni e aiuti per i civili e l'ostruzionismo russo.

«Gli organismi internazionali e i governi impegnati a fare giustizia dovrebbero concentrarsi sull'investigazione degli alti funzionari russi che sembrano collegati alla supervisione dei crimini di guerra in questa città», ha detto Ida Sawyer.

«Nonostante le difficoltà di indagare sui crimini di guerra in aree rese inaccessibili dall'occupazione russa, noi e i nostri partner abbiamo trascorso quasi due anni a scoprire la verità sugli orribili crimini commessi dalle forze russe a Mariupol», ha dichiarato Roman Avramenko, direttore esecutivo di Truth Hounds, «Questa indagine mira a garantire che questi crimini non vengano mai dimenticati».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE