Immobili
Veicoli

IRANLe università protestano per Mahsa

01.10.22 - 11:57
Gli studenti invitano al boicottaggio delle lezioni online in tutto il Paese
keystone-sda.ch / STR
Fonte Ats Ans
Le università protestano per Mahsa
Gli studenti invitano al boicottaggio delle lezioni online in tutto il Paese

TEHERAN - Alcune università iraniane hanno dato il via a proteste con sit-in e scioperi - unendosi alle dimostrazioni per Mahsa Amini, la 22enne morta il 16 settembre dopo essere stata arrestata dalla polizia perché non portava il velo in modo corretto.

L'iniziativa è nata in seguito a una campagna lanciata da studenti universitari che hanno invitato a boicottare le lezioni online in tutto il Paese.

Coinvolti nelle proteste, gli studenti delle università di Scienza e Tecnologia, Beheshti e Kharazmi nella capitale Teheran, mentre partecipano all'iniziativa anche atenei di Mashhad, Zanjan, Shiraz, Karaj, Kerman e molte altre città.

Ufficialmente, l'anno accademico è iniziato sabato scorso ma, a causa festività nazionali, di fatto oggi è il primo giorno di lezione. Il governo aveva annunciato che, nelle maggiori università, le lezioni si sarebbero tenute online per limitare la possibilità che gli studenti si radunassero per partecipare a proteste.

Le dimostrazioni sono continuate in tutto il Paese anche ieri, per la quindicesima notte di fila, non solo a Teheran ma anche a Karaj, Ilam, Kermanshah, Kerman, Rasht Ahwaz, Dezful, Mashhad, Orumiyeh e Bukan. A Zahedan, nel sud est del Paese, ci sono stati duri scontri con la polizia che ha ucciso decine di dimostranti.

NOTIZIE PIÙ LETTE