Immobili
Veicoli

GERMANIADocce fredde e monumenti al buio, la Germania si prepara alla crisi energetica

28.07.22 - 20:40
Fontane spente e getti gelati nei bagni pubblici, nel Paese tedesco in vista di un inverno che si preannuncia delicato
keystone-sda.ch (CLEMENS BILAN)
Fonte Ats ans
Docce fredde e monumenti al buio, la Germania si prepara alla crisi energetica
Fontane spente e getti gelati nei bagni pubblici, nel Paese tedesco in vista di un inverno che si preannuncia delicato

BERLINO - La città tedesca di Hannover ha deciso che nelle piscine, nelle palestre e in altri spazi pubblici sarà possibile fare solo docce fredde. Le fontane pubbliche verranno invece spente.

L'obiettivo è risparmiare almeno il 15% di energia e affrontare meglio l'emergenza che sta colpendo la Germania a causa dei tagli del gas russo.Da ogni provvedimento sono esenti ovviamente scuole, ospedali, asili, case di riposo.

La crisi dovuta ai tagli del gas russo diventa sempre più complessa in Germania e le autorità locali tedesche cercano nuove soluzioni: ogni kilowattora conta.

Ad Hannover le docce pubbliche saranno solo fredde. Il provvedimento varrà per piscine, palestre, centri sportivi. Fontane e fontanelle, invece, verranno direttamente spente. La capitale del Land Bassa Sassonia è la prima grande città a scegliere un provvedimento simile per risparmiare almeno il 15% di energia.

Come riporta Bild, a Monaco di Baviera l'acqua calda sarà tolta dagli uffici pubblici, mentre anche Lipsia vuole sviluppare un nuovo piano salva-energia.

La capitale Berlino ha intanto deciso che nel prossimo mese verranno progressivamente spente le luci notturne di 200 tra monumenti ed edifici. Anche il presidente della repubblica, Frank-Walter Steinmeier, taglierà l'illuminazione della sua residenza berlinese, il castello Bellevue.

Già a inizio luglio era nato un acceso dibattito sull'uso delle docce nelle abitazioni private dei tedeschi. Il ministro di Economia e Clima, il verde Robert Habeck, aveva dichiarato che per risparmiare avrebbe accorciato ancora di più le tempistiche della propria doccia, parlando addirittura di tempi record tra gli 1 e i 2 minuti.

Secondo gli studi, la maggioranza dei tedeschi farebbe una doccia giornaliera della durata di 11 minuti in media. Habeck è in prima linea nello sforzo tedesco per resistere all'attuale crisi energetica e le sue parole avevano aperto un tema per niente trascurabile: come e quanto dovranno cambiare le abitudini dei cittadini questo inverno, quando si prevedono i momenti più difficili della crisi energetica?

Proprio oggi il ministro ha ribadito che la Germania deve diminuire del 15%-20% il consumo di gas rispetto agli anni precedenti e ha previsto che per ogni nucleo familiare la bolletta del gas potrà crescere di "alcune centinaia di euro all'anno".

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO