Immobili
Veicoli

UCRAINAMosca «è responsabile delle violazioni della Convenzione sul genocidio in Ucraina»

27.05.22 - 16:00
È la conclusione di 30 esperti internazionali di diritto, nel primo rapporto indipendente dall'inizio del conflitto
keystone-sda.ch / STR (OLEG PETRASYUK)
UCRAINA
27.05.22 - 16:00
Mosca «è responsabile delle violazioni della Convenzione sul genocidio in Ucraina»
È la conclusione di 30 esperti internazionali di diritto, nel primo rapporto indipendente dall'inizio del conflitto

KIEV - La Russia sta spingendo verso un genocidio in Ucraina e, commettendo atrocità intese, mira a distruggere il popolo ucraino: lo affermano 30 esperti internazionali di diritto nel primo rapporto indipendente dall'inizio del conflitto, di cui l'emittente televisiva statunitense Cnn ha avuto visione.

Nel documento, elaborato dal New Lines Institute for Strategy and Policy, think tank con sede negli Stati Uniti, e dal Raoul Wallenberg Center for Human Rights, con sede in Canada, vengono fornite «ampie e dettagliate prove su uccisioni di massa di civili, deportazioni forzate e retorica disumanizzante usata da alti funzionari russi per negare l'esistenza di un'identità ucraina».

Mosca «è responsabile delle violazioni della Convenzione sul genocidio in Ucraina», ha detto alla Cnn Azeem Ibrahim del New Lines Institute, che ha visitato l'Ucraina a marzo per raccogliere prove per il rapporto, che verrà distribuito a governi, parlamenti e organismi internazionali in tutto il mondo. «Quello che abbiamo visto finora è che questa guerra è di natura genocida, in termini di linguaggio usato e nel modo in cui viene eseguita».

Gli esperti, tra le altre cose, sottolineano le ripetute dichiarazioni del presidente russo Vladimir Putin secondo cui l'Ucraina non avrebbe il diritto di esistere come Stato indipendente. E indicano il «linguaggio disumanizzante usato dagli alti funzionari russi per descrivere gli ucraini».

Quanto alle forze armate russe, l'accusa è di aver compiuto «un modello di atrocità coerenti e pervasive contro i civili ucraini nella loro collettività» durante l'invasione. E si fa riferimento alle «ben documentate esecuzioni sommarie a Bucha, Staryi Bykiv e nelle regioni di Sumy e Chernihiv, gli attacchi deliberati della Russia ai rifugi, alle vie di sfollamento e alle strutture sanitarie, così come gli attacchi e i bombardamenti indiscriminati di aree residenziali, stupri, assedi, furti di grano e deportazioni forzate in Russia, che equivalgono tutti a un modello di distruzione genocida».

Il New Lines Institute e il Raoul Wallenberg Center hanno precedentemente indagato sulle persecuzioni dei rohingya e degli uiguri in Birmania e in Cina.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO