Keystone
Alexandria Ocasio-Cortez.
STATI UNITI
09.06.2021 - 09:120

Le critiche per l'intervento sui migranti di Kamala Harris

Arrivano dal suo stesso partito per voce di Alexandria Ocasio-Cortez ma anche da diverse Ong e associazioni umanitarie

WASHINGTON D.C. - L'invito ai guatemaltechi a non recarsi negli Stati Uniti, da parte della vicepresidente Kamala Harris non ha mancato di generare diverse polemiche, anche a parte dei compagni di schieramento.

Incaricata da Joe Biden di affrontare una delle più annose sfide degli Stati Uniti, Harris si è obiettivamente (e forse pure suo malgrado) trovata fra le mani una patata bollente che riunisce una componente umana innegabilmente drammatica - a cui in qualche modo bisogna porre rimedio - a una politica sensibile a gran parte dei democratici.

Non è quindi un caso che la voce più dura arrivi (via Twitter) proprio da Alexandria Ocasio-Cortez, che come altri parlamentari dem ha alle spalle un passato di migrazione: «Primo: cercare asilo negli Stati Uniti passando da uno dei suoi confini è una modalità assolutamente legale, secondo: gli Usa hanno passato decenni a destabilizzare l'America Latina, non possiamo dar fuoco a casa loro e poi dar loro la colpa se vogliono scappare».

Critiche, nei confronti delle decisioni di Harris (e dell'amministrazione Biden) anche diverse Ong e associazioni umanitarie che si occupano dei migranti latini. All'argomentazione di Ocasio-Cortez sulla legalità, diverse di queste aggiungono la questione della tutela della salute e dell'incolumità dei migranti, piuttosto che la dissuasione fine a sé stessa. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 23:01:13 | 91.208.130.85