DFAE
L'interno dell'ambasciata svizzera a Libano.
+2
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
12 min
Luoghi di culto: la limitazione del numero di fedeli andrà rivista
Lo ha stabilito il massimo tribunale amministrativo. Chiede solamente «misure strettamente proporzionate».
CITTÀ DEL VATICANO
1 ora
Basta a «lamentele, vittimismo e complotti»
Al discorso d'introduzione dei nuovi cardinali, Papa Francesco ha discusso d'indifferenza e carità in tempi di crisi
STATI UNITI
1 ora
Trump avanti tutta nonostante gli insuccessi: «Abbiamo trovato molti voti illegali»
Respinto un ricorso contro il voto per posta in Pennsylvania e nessuno stravolgimento dal riconteggio nel Wisconsin.
GIAPPONE
3 ore
Oltre la metà dei residenti di Fukushima non vuole tornare a casa
Il risultato dell'indagine pone seri interrogativi sull'intero processo di ricostruzione dell'area
FOTO
PAKISTAN
3 ore
Oggi trasloca l'elefante "più solo al mondo"
La popstar Cher ha avuto un ruolo chiave nel suo salvataggio
STATI UNITI
3 ore
Più di quattro milioni di contagi solo a novembre
Attualmente la media è di 170mila nuovi casi al giorno
STATI UNITI
3 ore
Il misterioso monolite dello Utah è scomparso
Venerdì sera sarebbe stato rimosso «da sconosciuti»
MONDO
15 ore
Il coronavirus era già in mezzo mondo, prima di Wuhan
Un team cinese pensa che la prima trasmissione tra esseri umani possa aver avuto luogo nel subcontinente indiano
STATI UNITI
15 ore
Donald Trump si prepara alla prima intervista, Melania pensa a un libro
Il presidente degli USA dovrebbe parlare per la prima volta dopo la sua non rielezione domani (alle 16 ora svizzera).
ARGENTINA
17 ore
«Riesumate Maradona, voglio scoprire se è mio padre»
Il 19enne Santiago Lara è figlio di una modella morta anni fa in giovane età. «Non voglio soldi, solo la verità», dice.
ITALIA
17 ore
Cala il tasso di positività: ora è all'11,7%
Diminuiscono anche i ricoveri in Lombardia
FOTO
FRANCIA
18 ore
Disordini alla Marcia per le libertà
Manifestazione pacifica per quasi tutto il giorno, fino all'arrivo alla Bastiglia
ITALIA
21 ore
Alluvione in Sardegna, tre morti
L'area più flagellata dal maltempo è quella della provincia di Nuoro
FRANCIA / ITALIA
21 ore
Piste chiuse: proteste e timori di una mazzata economica
Centinaia di persone hanno manifestato a Gap, mentre una ricerca ipotizza una perdita di fatturato fino al 70% in Italia
LIBANO
05.08.2020 - 09:180
Aggiornamento : 11:05

Beirut, il giorno dopo proseguono le ricerche dei dispersi: sono oltre 100

Fonti della Difesa Usa smentiscono Trump e affermano che al momento non ci sono elementi per parlare di attentato

Svizzeri coinvolti: al momento l'unica a essere rimasta leggermente ferita è l'ambasciatrice Monika Schmutz

BEIRUT - I soccorritori continuano a lavorare nel porto di Beirut, devastato ieri da una terrificante esplosione che ha causato almeno 100 morti e oltre 4000 feriti. Bilancio che è destinato però ada aggravarsi: il governatore della capitale libanese ha comunicato che i dispersi sono più di un centinaio.

Attentato? La Difesa Usa frena - Il presidente degli Stati Uniti Trump ha dichiarato che i militari pensano che quello di Beirut sia stato un attentato e che «gli Usa aiuteranno il Libano». Ma la Cnn cita tre fonti della Difesa (che hanno chiesto l'anonimato) secondo cui non ci sono al momento elementi tali da poter affermare che quello di ieri sia stato un attacco deliberato.

Anche per i britannici è troppo presto - Il Regno Unito pensa che non sia ancora il momento per stabilire la causa dell'esplosione di ieri. «Le autorità libanesi stanno indagando sulle cause della tragedia e prima di avere i risultati dell'inchiesta è prematuro fare speculazioni» ha dichiarato Nick Gibb, ministro del governo Johnson.

Il corrispondente Ansa: «Vivi per miracolo» - Lorenzo Trombetta, corrispondente dell'agenzia stampa italiana Ansa, ha twittato nella notte: «Sono vivo. Ma le schegge hanno ferito i miei più cari. Vivi per miracolo. Pensavo di averne viste tante. Oggi sono entrato in un inferno mai visto. Ancora devo rendermi conto. Grazie a chi mi ha chiesto come stiamo. Mi scuso con colleghi a cui non ho risposto. Non si dorme».

Ferito un militare italiano - Un militare del contingente italiano in Libano è rimasto ferito in modo non grave. Altri sono in stato di choc e sono in osservazione in ospedale. Lo riferisce la Rai.

Morto un australiano - Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dato notizia di almeno una vittima australiana. «Posso confermare che un australiano è stato ucciso», ha dichiarato, stando a quanto riportato sui media australiani. In Libano vive una «grande comunità australiana», ha proseguito Morrison, spiegando che l'ambasciata è stata danneggiata «in modo significativo». L'edificio si trova a 1,8 chilometri di distanza dal punto dell'esplosione. «Possiamo dire che tutto il personale sta bene, ma l'edificio dell'ambasciata è significativamente compromesso».

Due filippini tra le vittime - Il ministero degli Esteri delle Filippine ha comunicato che ci sono due morti, otto feriti e 11 dispersi provenienti dalla nazione asiatica. In Libano vivono circa 33mila filippini. Le vittime prestavano servizio nelle abitazioni dei loro datori di lavoro al momento della tragedia, ha comunicato il portavoce del ministero Eduardo Menez.

La Francia invia aiuti e medici - Tra le prime nazioni a rispondere alla richiesta di aiuti internazionali c'è la Francia. «Medici di emergenza raggiungeranno Beirut il prima possibile per rafforzare gli ospedali» ha twittato il presidente Emmanuel Macron. Insieme a loro saranno inviate «diverse tonnellate di materiale sanitario» e un distaccamento di sicurezza civile.

Collaborazione tedesca - Anche la Germania ha offerto collaborazione alle autorità libanesi. «Offriremo al Libano il nostro sostegno» ha dichiarato la vice-portavoce del governo Ulrike Demmer, comunicando la solidarietà della cancelliera Angela Merkel. «I nostri pensieri sono per coloro che hanno perso i loro congiunti. Ai feriti auguriamo una pronta guarigione».

Iran pronto a curare i feriti - L'Iran è pronto a mandare aiuti medici in Libano. Lo ha dichiarato il presidente Hassan Rohani, citato dalla tv di Stato. «Speriamo che le circostanze dell'incidente siano determinate il più presto possibile e che la pace ritorni a Beirut».

Svizzeri coinvolti - Il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) sta ancora verificando la presenza di svizzeri coinvolti nell'esplosione. A parte l'ambasciatrice Monika Schmutz, che è rimasta leggermente ferita e si è recata in ospedale per ulteriori accertamenti.

Oggi Schmutz è tornata al lavoro e il suo stato di salute è buono date le circostanze, comunica il Dfae. Il resto del personale dell'ambasciata è rimasto illeso ed è in buona salute. Il Dfae non dispone attualmente d'informazioni su possibili vittime tra i cittadini svizzeri a Beirut. Attualmente in Libano vivono 1500 cittadini svizzeri. Inoltre, circa 20 turisti svizzeri sono attualmente registrati presso l’Ambasciata svizzera.

L’ambasciata svizzera è stata gravemente danneggiata a causa dell’esplosione di martedì pomeriggio.

keystone-sda.ch / STF (Hassan Ammar)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 11:59:55 | 91.208.130.85