keystone-sda.ch / STF (MARTIN DIVISEK)
Agenti sanitari al lavoro a Praga, Repubblica Ceca.
UNIONE EUROPEA
27.03.2020 - 14:270

L'UE chiede di stanziare 80 milioni di € in più per far fronte alla pandemia

Da usare per il rimpatrio, da versare agli stati membri e per rimpolpare lo stock europeo di materiale medico

BRUXELLES - Aumentare di quasi 80 milioni di euro il finanziamento dell'Ue alle azioni necessarie per affrontare l'emergenza coronavirus. Questa la proposta avanzata dalla Commissione Ue attraverso una serie di emendamenti - che ora dovranno essere approvati dalle altre istituzioni comunitarie - per rendere la spesa 2020 in linea con le attuali priorità.

Nel dettaglio, l'esecutivo chiede di mettere altri 45 milioni di euro a disposizione degli Stati membri per organizzare il rimpatrio di cittadini europei bloccati fuori dall'Unione. Dall'inizio dell'epidemia, grazie alle operazioni organizzate nel quadro nel Meccanismo di protezione civile europeo, sono state rimpatriate 2.312 persone. Altri 80 voli sono stati pianificati nei prossimi giorni.

Ulteriori 30 milioni serviranno ad allestire lo stock europeo di materiale medico (come respiratori e mascherine) nel quadro di RescEU, la protezione civile Ue. Il bilancio totale dedicato allo stock arriverebbe così a 80 milioni di euro. Gli emendamenti prevedono anche 3,6 milioni per potenziare la capacità operativa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 04:22:34 | 91.208.130.85