keystone-sda.ch / STR (XIONG QI / XINHUA)
Le vittime del contagio sono salite a 41. 1'300 i casi accertati. Morto anche un medico.
CINA
25.01.2020 - 08:140
Aggiornamento : 09:46

La Cina corre ai ripari contro il coronavirus

Il Paese ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti: «Il bilancio delle vittime è aumentato in maniera spropositata»

di Redazione
ats ans

PECHINO - La Cina ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti del coronavirus su treni, aerei e autobus poiché il bilancio delle vittime e il numero di pazienti è aumentato in maniera spropositata.

Saranno istituiti alcuni punti di ispezione e tutti i viaggiatori con sintomi di polmonite saranno «immediatamente trasportati» in un centro medico, ha annunciato la Commissione nazionale sanitaria in una nota.

La Cina ha inoltre esteso il cordone sanitario volto a circoscrivere l'infezione del coronavirus simile alla Sars. Lo hanno annunciato le autorità, precisando che i provvedimenti riguardano ora 56 milioni di persone.

Le regole includono la chiusura dei collegamenti per il trasporto pubblico e l'accesso alle autostrade nelle città, hanno affermato le autorità locali. Al momento, sono 18 le città che hanno adottato una sorta di restrizione per i viaggi nella provincia centrale di Hubei.

Tra i 41 morti anche un medico - Nel frattempo è salito a 41, dopo un susseguirsi di bollettini medici, il numero delle vittime del coronavirus simile alla Sars in Cina. E tra di esse vi è anche un medico: Liang Wudong di 62 anni, morto dopo essere stato contagiato dalla malattia mentre lavorava nell'Hubei Xinhua Hospital di Wuhan, epicentro dell'epidemia. I casi accertati nel Paese sono 1'300 e il contagio sbarca in Europa con tre pazienti conclamati in Francia. L'Australia conta invece il suo primo paziente.

Per far fronte all'epidemia, in Cina oggi - che si festeggia il Capodanno lunare - saranno bandite feste e manifestazioni che potrebbero favorire il contagio. Tredici città sono state isolate, chiuse la Grande Muraglia e la Città proibita.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-03 11:46:25 | 91.208.130.86