Cerca e trova immobili

MESSICOMigranti in piazza per i visti

02.01.23 - 20:30
Almeno cinquemila persone hanno protestato davanti alla sede della Commissione aiuto ai rifugiati
Foto Keystone
Fonte ATS
Migranti in piazza per i visti
Almeno cinquemila persone hanno protestato davanti alla sede della Commissione aiuto ai rifugiati

CITTÀ DEL MESSICO - Un folto gruppo di circa 5.000 migranti provenienti da vari Paesi d'America latina, ma anche dall'Africa, ha vivacemente manifestato oggi davanti alla sede della governativa Commissione messicana di aiuto ai rifugiati (Comar) a Tapachula, città del Messico meridionale alla frontiera con il Guatemala, esigendo una procedura più rapida per i visti di residenza, in attesa di poter entrare negli Stati Uniti.

Secondo la tv Canal 13 Tapachula, la locale sede del Comar aveva aperto stamani dopo un lungo periodo di chiusura, ma di fronte alla grande quantità di persone affollatesi al suo ingresso, ha nuovamente sospeso l'attività.

Fra l'altro, ha indicato l'emittente, la presenza di un così gran numero di migranti ha spinto i commercianti del vicino mercato di Los Laureles a sospendere la vendita di prodotti, chiudendo negozi e ritirando i banchi di esposizione dei prodotti.

I media locali segnalano che gli aspiranti ad ottenere il visto di residenza sono per lo più haitiani, venezuelani, cubani, peruviani, panamensi, di altri paesi centroamericani, ma anche di diversi Paesi africani.

Questa mobilitazione è un segnale che la spinta a emigrare verso gli Usa non si esaurirà neppure quest'anno, dopo che nel 2022 i servizi migratori statunitensi hanno arrestato la cifra record di oltre 2.760.000 persone prive di documentazione regolare.
 
 

COMMENTI
 

dan007 1 anno fa su tio
Europa come America la Francia succube dell’immigrazione violenza droga ghettizzazione l’Italia segue a ruota punto di partenza della tratta degli esseri umani America bombardata da tutte le parti vittima di un immigrazione che comunque se non e controllato porta degrado nella società occorre ripristinare la democrazia nel loro paese con la forza perché e un atto di guerra un invasione e cole tale la responsabilità cade hai governi di provenienza se non sono capaci di governare colonizziamoli con un modello europeo senza però sfruttare le loro risorse per farci comodo ma Che siano giustificare solo per coprire i costi della gestione di un Paese
NOTIZIE PIÙ LETTE