keystone-sda.ch (MAXIM SHEMETOV / POOL)
Il segretario generale dell'ONU,  António Guterres (foto d'archivio)
STATI UNITI
16.05.2021 - 18:380
Aggiornamento : 19:20

In Israele e Palestina ostilità «assolutamente spaventose»

Consiglio di sicurezza dell'Onu riunito per valutare la situazione. Fra le parti, però, è muro contro muro.

NEW YORK - Dopo due incontri a porte chiuse nel corso della settimana, il Consiglio di sicurezza dell'Onu è riunito oggi in seduta pubblica per discutere dell'aggravarsi della situazione in Israele e a Gaza.

Nel suo discorso d'apertura, il segretario generale dell'Onu, António Guterres, ha definito «assolutamente spaventose» le ostilità in corso nei due territori. L'organizzazione internazionale, ha assicurato, sta «attivamente coinvolgendo tutte le parti nella direzione di una cessate il fuoco» e ha chiesto loro di «consentire l'intensificazione e il successo degli sforzi di mediazione».

I rappresentanti palestinesi e israeliani presenti virtualmente all'incontro, però, si sono dimostrati più inclini alla recriminazione. «Ogni volta che Israele sente un leader straniero parlare del suo diritto a difendersi è ulteriormente incoraggiato a continuare ad assassinare intere famiglie nel sonno», ha dichiarato in collegamento video il ministro degli Esteri di Ramallah, Riyad al-Malki. «Israele usa i suoi missili per proteggere i suoi bambini. Hamas usa i bambini per proteggere i suoi missili», ha ribattuto dal canto suo l'ambasciatore israeliano all'Onu, Gilad Erdan, alludendo alle accuse secondo le quali l'organizzazione che controlla Gaza userebbe i civili come scudi umani.

La Cina, che questo mese presiede il Consiglio di sicurezza, ha puntato invece il dito contro Washington. «Esortiamo gli Stati Uniti a farsi carico delle proprie responsabilità, a prendere una posizione giusta e, insieme alla maggior parte della comunità internazionale, a supportare il Consiglio di sicurezza nel calmare la situazione», ha affermato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi come riporta Reuters. Biden ha finora sottolineato il diritto d'Israele a difendersi.

Domenica, il numero di vittime della controffensiva israeliana nella Striscia di Gaza è salito a 181 in una settimana, fra le quali 47 minori. Dieci persone hanno invece perso la vita in Israele a causa dei razzi sparati da Gaza. Due di loro erano minori.

I tentativi di Nazioni Unite, Egitto e Qatar di arrivare a un cessate il fuoco non hanno finora registrato progressi.    

      

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
3000 anni e non è cambiato mai nulla
lollo68 6 mesi fa su tio
Un quarto delle vittime sono minorenni: chi è al potere ha tolto loro il futuro.😥
Wunder-Baum 6 mesi fa su tio
occhio, e' una zona calda !
Ro 6 mesi fa su tio
Un popolo che ha subito la Shoah non può comportasi in questo modo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 12:38:42 | 91.208.130.86