Keystone
CINA
28.12.2020 - 17:070

Altro vaccino cinese pronto per i test sull'essere umano

È prodotto a partire dal sangue di scimpanzé. Tra i vantaggi: le limitate reazioni avverse.

La fase 3 sarà condotta prevalentemente fuori dalla Cina. Attualmente, infatti, nel paese asiatico ci sono troppe poche persone positive al nuovo coronavirus.

PECHINO - Un altro potenziale vaccino cinese contro il Covid-19 basato su un vettore adenovirale è pronto alla sperimentazione sugli esseri umani sia in Cina che all'estero. Lo hanno reso noto oggi i ricercatori della Tsinghua University, della Tianjin Medical University e della Walvax Biotechnology Co. Ltd. di Kunming, che hanno iniziato a sviluppare il prodotto sin dallo scoppio dell'epidemia.

Rispetto ad altri potenziali vaccini, questo è stato realizzato utilizzando sangue di scimpanzé.

Visto che, generalmente, nel corpo umano non esiste un anticorpo neutralizzante contro l'adenovirus dello scimpanzé, il vaccino basato su questo vettore adenovirale possiede diversi vantaggi, ha spiegato il ricercatore Zhang Linqi della Tsinghua University, a capo del progetto di sviluppo. Tra di essi si contano il numero limitato di possibili reazioni avverse, le elevate capacità di produzione e l'alto livello d'immunizzazione dopo la somministrazione.

Gli sviluppatori del potenziale vaccino hanno completato i test sugli animali e iniziato a fare domanda per avviare le sperimentazioni sugli esseri umani sia in Cina sia all'estero.

«Non si sono verificati effetti collaterali gravi negli animali», ha rimarcato Zhang, secondo cui i risultati della ricerca pre-clinica evidenziano la sicurezza di questo vaccino e ne suggeriscono l'elevato potenziale per ulteriori test clinici.

La fase 3 di sperimentazione clinica, ha osservato il ricercatore, serve a verificare l'efficacia del potenziale vaccino e sarà eseguita in varie aree afflitte dalla pandemia all'estero.«Come per altri vaccini cinesi contro il Covid-19, dobbiamo far fronte all'insufficiente numero di pazienti positivi in Cina che possano partecipare agli studi di fase 3».

Un impianto per la produzione industriale è stato fondato ieri nel distretto di Daxing a Pechino. Se il vaccino si dimostrerà efficace in sede di studi clinici, sarà prodotto in serie all'interno dello stabilimento.

Gli impianti produttivi sono attualmente in costruzione e il vaccino dovrebbe arrivare sul mercato a metà del 2021. Secondo una nota divulgata dalla Walvax, la capacità di produzione annua di questo vaccino contro il Covid-19 supererà i 200 milioni di dosi.

Attualmente, ha rivelato a inizio dicembre un funzionario della Commissione sanitaria nazionale, cinque vaccini cinesi sono entrati nella fase 3 di sperimentazione clinica, compreso uno basato su un vettore adenovirale sviluppato dall'Accademia delle Scienze Militari e dalla CanSino Biologics Inc.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Volpino. 3 mesi fa su tio
Mi sa che è quello giusto ...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 20:48:50 | 91.208.130.85