Keystone
La situazione a Liegi è allarmante.
BELGIO
28.10.2020 - 06:300

Medici al lavoro nonostante la positività al Covid-19

«Non c'è altra scelta», spiega il medico Philippe Devos, «per tentare di evitare il collasso del sistema sanitario»

Nella regione di Liegi, lo tsunami di nuovi contagi e infezioni non è più sotto controllo, spiegano le autorità

LIEGI - Ai dottori della città belga di Liegi è stato chiesto di continuare a lavorare anche se positivi al coronavirus, a causa dell'urgente necessità di personale medico dopo l'ondata di nuovi contagi e di ricoveri ospedalieri.

La situazione della città di Liegi è molto preoccupante, tanto che è stata definita da molti la "Bergamo della seconda ondata".

Ora, come riferisce la Bbc, circa il 25% del personale medico negli ospedali di Liegi è stato contagiato con il Covid-19. Tuttavia, per contrastare l'emergenza sanitaria, le strutture non possono permettersi l'assenza di un medico su quattro.

Da qui la richiesta congiunta di 10 nosocomi di far continuare a lavorare il personale che è risultato positivo e che non presenta sintomi.

Secondo il capo dell'Associazione belga dei sindacati medici, Philippe Devos, non c'è altra scelta: è l'unico modo per tentare di evitare il collasso del sistema ospedaliero nei prossimi giorni. «La situazione è catastrofica» ha confermato ai media il medico, impiegato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Liegi.

Gli ospedali della regione hanno nel frattempo già iniziato a trasferire i pazienti e a cancellare gli interventi non urgenti, con il ministro della Salute Frank Vandenbroucke che ha avvertito il Paese dell'arrivo di uno tsunami di infezioni, nel quale le autorità non riescono più a «tenere sotto controllo ciò che sta accadendo».

A Liegi, lo ricordiamo, il tasso d'infezione resta impressionante: una persona su tre di coloro che fanno il tampone risulta positiva al virus.

Il Belgio, inoltre, ha il più alto tasso di contagi da coronavirus in Europa. Lo riporta Keystone-ATS, sulla base di un rapporto del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). La stessa agenzia di stampa indica che il Covid-19 ha ucciso in media 49 persone ogni giorno (e ne sono state contagiate in media 13'052 al giorno) in Belgio tra il 17 e il 23 ottobre, e che il numero di letti di terapia intensiva occupati da pazienti Covid negli ospedali belgi è aumento dell'81% rispetto alla settimana precedente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri
Mara Athena 1 mese fa su fb
Non succede solo in Belgio .... 😅
Don Quijote 1 mese fa su tio
Non vedo il problema se il medico è un positivo asintomatico che assiste i positivi malati, il virus è già dappertutto e comunque rimane il male minore. A questo punto la vittima muore per conto suo aiutata dal virus o per incompetenza del medico ma non per il contagio. I governi sono perle di saggezza, stipendiati proporzionalmente al merito ...
pillola rossa 1 mese fa su tio
@Don Quijote Concordo, però intanto scassano ai non medici dai quali pretendono comportamenti assurdi...
pillola rossa 1 mese fa su tio
Credibilità...
Michela Ceriani 1 mese fa su fb
Si chiudono scuole, attività, economie e poi nel luogo dove si dovrebbe guarire ci sono i medici malati?! Io capisco che non possa fare il cambio, ma così davvero non se ne esce... Mi domando se anche qui ci sia questo modo di operare...
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
i medici che sono tornati al lavoro, anche se positivi, ovviamente sono asintomatici, hanno valutato che é meglio farli tornare al lavoro per aiutare piuttosto che far morire piu' gente, lavorando a contatto con positivi non é che possono infettarli. Qui a breve decideranno chi salvare e chi no, forse é meglio far rientrare i medici positivi asintomatici
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:50:47 | 91.208.130.89