Depositphotos (IgorVetushko)
Le grandi aziende farmaceutiche Usa s'impegnano a non chiedere l'autorizzazione del governo finché non ci sarà la certezza che il vaccino da loro elaborato sia efficace e sicuro.
STATI UNITI
05.09.2020 - 08:320

Le case farmaceutiche promettono: niente corsa sregolata al vaccino

I big dell'industria si impegneranno a rispettare i più elevati standard scientifici ed etici

WASHINGTON - Le grandi case farmaceutiche impegnate nello sviluppo del vaccino contro il coronavirus si apprestano a impegnarsi pubblicamente a non chiedere l'approvazione dei governi fino a che non saranno certe della sicurezza dei loro prodotti. Lo riportano i media Usa.

Fra le società firmatarie ci sarebbero Moderna (che ha firmato un contratto federale), Pfizer, Johnson & Johnson, GlaxoSmithKline e Sanofi. Si tratta di una mossa inconsueta che fa seguito ai timori su una corsa al vaccino. Le società si impegneranno anche a rispettare i più elevati standard scientifici ed etici.

«Riteniamo che questo impegno aiuterà ad assicurare la fiducia pubblica sui vaccini Covid-19 che alla fine saranno approvati e sul rispetto del processo regolamentare con sui sono valutati», si legge in una bozza del comunicato a cui i colossi farmaceutici stanno lavorando e riportata dal Wall Street Journal.

Molti americani sono scettici sul vaccino e sulla sua possibile autorizzazione, temendo che ci sia una corsa. Le società si impegnano a presentare al governo la richiesta di autorizzazione di emergenza sulla base di «sostanziali prove di sicurezza ed efficacia» dai test di Fase 3 condotti sotto la guida della Food and Drug Administration (Fda).
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
più che "temere una corsa" c'é da temerne il contenuto.
miba 1 anno fa su tio
In questo caso si chiama management agreement e serve a fare in modo che tutte le parti interessate al business, alias le case farmaceutiche, possano approfittare a piene mani dell'ipocondrodia (creata ad arte) di questa generazione
Gimmi 1 anno fa su tio
Speriamo nel buon senso!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 12:28:34 | 91.208.130.85