Depositphotos (archivio)
CANADA
19.05.2020 - 19:000

YouTube e Covid-19: informazioni false con milioni di visualizzazioni

La disinformazione sul coronavirus viaggia anche sulla piattaforma di video-sharing. L'analisi degli esperti

OTTAWA - Da semplice piattaforma dedicata all’intrattenimento, YouTube è diventato per molti una fonte primaria da consultare anche quando si è alla ricerca di informazioni. Soprattutto i più giovani tendono a privilegiare la possibilità di premere play sulla thumbnail più accattivante piuttosto che scorrere tra le proposte monocolore di una tradizionale ricerca in Google. Occhio però a dove posate il puntatore del mouse, specialmente in tempi di pandemia.

Nel pieno dell’emergenza, YouTube si rivela essere infatti la proverbiale moneta a due facce. Con miliardi di visite ogni giorno «racchiude un potenziale incredibile sia nel promuovere che nell’intralciare gli sforzi» della sanità pubblica. A scriverlo è un team canadese di ricercatori, che - ricordando quanto accaduto in passato durante le epidemie di Ebola e di febbre Zika - ha messo sotto il microscopio il contenuto dei video maggiormente visualizzati in lingua inglese a tema Covid-19 sulla piattaforma. I risultati sono stati pubblicati da BMJ Global Health.

Dopo aver escluso duplicati, filmati in altre lingue e tutto il materiale solo audio, live o che eccedeva la durata di un'ora, sul "vetrino" sono finiti 69 video per un totale di 257,8 milioni di visualizzazioni. Di questi, ben 19 (pari al 27,5%) contenevano informazioni false e prive di fondamento scientifico (raccogliendo oltre 62 milioni di visualizzazioni), mentre gli altri 50 si attenevano rigorosamente ai fatti.

Servono collaborazioni forti - Il materiale video prodotto da professionisti del settore e fonti governative è risultato essere quello più accurato nei contenuti, ma al contempo ha collezionato molte meno visualizzazioni rispetto alle informazioni divulgate da notiziari online e pagine dedicate all'intrattenimento.

Secondo gli autori dello studio, considerata la posizione dominante di YouTube nel panorama mediatico, le agenzie di pubblica sanità dovrebbero instaurare una collaborazione più ampia con i produttori di contenuti che dispongono di audience importanti. «Educare e coinvolgere il pubblico è di primaria importanza nella gestione di questa pandemia. In questi tempi, i social media si sono dimostrati uno strumento potente per controllare la diffusione di informazioni e modellare i comportamenti». E in tal senso, una piattaforma come YouTube dispone di un grande potenziale non ancora sfruttato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Benj1986 1 anno fa su tio
Ogni media può essere controllato per quello che pubblica e afferma. L'unica verità è quella nella crediamo noi, laffuori ci sono delle potenze che dimostrano lo schifo che siamo diventati. Benvenuti nel nuovo ordine mondiale
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 13:13:34 | 91.208.130.85