Keystone
Stefan Löfven (foto d'archivio)
SVEZIA
11.04.2020 - 15:560

Il primo ministro svedese ammette: «Mi sembra ovvio che non abbiamo fatto abbastanza»

Stoccolma ha introdotto misure minime contro il coronavirus. Ora sembra riconsiderare questa scelta.

STOCCOLMA - Per la prima volta dall'inizio della pandemia di coronavirus il premier svedese ha ammesso di non aver fatto abbastanza. La Svezia rimane uno dei Paesi con meno restrizioni: non ha imposto la serrata delle attività non essenziali e bar e ristoranti restano aperti così come la maggior parte dei commerci.

«Mi sembra ovvio che non abbiamo fatto abbastanza», ha ammesso alla tv svedese SVt il primo ministro Stefan Löfven di fronte all'aumento dei casi (9'685) e delle vittime (870) di Covid-19. Il numero dei morti in Svezia è molto più alto di quello nei Paesi vicini come Danimarca (247) e Norvegia (113), che hanno introdotto il confinamento a marzo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-19 17:59:42 | 91.208.130.87