keystone-sda.ch (JESSICA GOW / TT)
+15
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO E VIDEO
ITALIA
3 ore
Guerriglia urbana a Napoli
Migliaia di cittadini contestano il coprifuoco e la possibilità di un lockdown. Scontri davanti alla Regione
FOTO
POLONIA
4 ore
Migliaia in piazza contro la legge anti-aborto
Nuove manifestazioni di protesta sono in programma sabato
STATI UNITI
5 ore
Vaccino Oxford-AstraZeneca, i test possono riprendere
Lo stop era dovuto a due casi di possibile effetto neurologico collaterale su altrettanti volontari
ITALIA
6 ore
5G, il governo avrebbe vietato a Fastweb di rivolgersi a Huawei
L'esecutivo avrebbe invitato la società controllata da Swisscom ad ampliare i canali di fornitura
MONDO
6 ore
Israele e Sudan normalizzano le loro relazioni
Donald Trump toglierà il Paese africano dalla lista degli sponsor del terrorismo
SPAGNA
8 ore
Verso un nuovo "stato di allarme"
Il presidente del governo Sanchez ha fatto appello alla «disciplina» e «unità» politica
ITALIA
8 ore
I nuovi contagi sono oltre 19mila
La percentuale tra tamponi e positivi è del 10,5%
STATI UNITI
9 ore
Barbie è più forte del virus
Record di vendite per Mattel, grazie a un ritorno al giocattolo tradizionale che si è visto durante il lockdown
ITALIA
10 ore
Allarme dalla Campania: «A un passo dalla tragedia»
Il governatore della Campania invoca un lockdown di almeno un mese: «Non voglio vedere la fila dei camion con le bare»
ITALIA
12 ore
Conte: «Dobbiamo scongiurare un secondo lockdown»
Nel frattempo un centinaio di scienziati chiedono misure più drastiche per evitare l'aumento dei decessi
ITALIA
12 ore
In Lombardia è scattato il coprifuoco... e ci sono le prime multe
Durante il primo giorno a Milano sono state controllate cinquanta persone
BELGIO
14 ore
Bruxelles e Vallonia regioni più colpite d'Europa
Annunciate nuove misure per combattere l'aumento esponenziale dei casi di coronavirus
SVEZIA
07.04.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:34

Nessun dietrofront nel Paese scandinavo

«Le misure prese sono davvero molto leggere, ci si fida del cittadino».

Il virologo svedese Michael Kann: «Sabato a Gotebörg c'erano poche persone, soprattutto adolescenti».

STOCCOLMA - Ultima della lista, la Svezia si è accorta della violenza del coronavirus ed è quindi corsa ai ripari? Non è proprio così.

Nel Paese scandinavo non c'è stato alcun improvviso dietrofront. La via indicata da Anders Tegnell, epidemiologo di Stato supportato dal Primo Ministro Stefan Löfven, non è cambiata e mira a restringere, distanziare, bloccare il meno possibile. Almeno per obbligo. La scelta non è popolare né condivisa da tutti, cittadini in primis e Stati vicini in secundis, ma denota – questo è indubbio – grande coerenza. Nonostante l'impennata di contagiati nella zona di Stoccolma e la situazione generale comunque non certo semplice, la via del “fidiamoci del cittadino” ha insomma finora prevalso sul lockdown.

«Quel che sta succedendo nel nostro Paese non è quello suggerito dalle immagini pubblicate dai media – ci ha raccontato Michael Kann, presidente della Società Europa di Virologia – Già da tempo infatti le abitudini sono molto cambiate. Molti scatti nel centro delle città sono fatti con lenti e obiettivi particolari, che hanno l'effetto di “condensare” le persone. I tram sono quasi vuoti, lo stesso vale per i ristoranti. Nelle scuole secondarie e nelle università ci sono le tele-lezioni, gli esami per i dottorati sono a distanza... Per la maggior parte, quando vengono a contatto, le persone si tengono a distanza. Ma questo è anche molto scandinavo: qui la “flight zone”, chiamiamola così, è molto più grande rispetto agli altri Paesi nei quali ho vissuto. Penso per esempio al Sud della Francia».

È però vero che, con l'avanzata del contagio, nel weekend il Governo ha adottato misure più stringenti.
«Che sono in ogni caso davvero molto leggere e che molti virologi dubitano possano avere successo. Un esempio della leggerezza di tali raccomandazioni? Ai datori di lavoro che hanno la possibilità di attivare l'home -working per i dipendenti viene solo consigliato di farlo. La mia opinione è che, almeno nelle aree dove il contagio sta avanzando più rapidamente, come quella attorno a Stoccolma, debbano essere presi provvedimenti più duri. Aspettare ancora potrebbe essere rischioso e, in più, creare dei conflitti con la politica di altri Paesi europei, dove presumibilmente, con il tempo, le misure andranno alleggerendosi. Difficile pensare che a quel punto qui si possano fare più stringenti».

Una motivazione per spiegare tanta libertà deve pur esserci...
«Le misure prese da tempo già hanno lasciato il segno. Sabato pomeriggio ero a Göteborg. Tutti i negozi, a eccezione degli alimentari e delle farmacie, erano chiusi. In giro a passeggio c'erano pochissime persone, soprattutto adolescenti. Si può quindi dire che, in larga misura, la popolazione si sta muovendo in maniera responsabile».

keystone-sda.ch (Henrik Montgomery)
Guarda tutte le 19 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sergio Nobile 6 mesi fa su fb
Guarda caso la Svezia è il paese scandinavo con più casi e decessi.
Энтони Демарки 6 mesi fa su fb
La Svezia ha preso la pandemia alla leggera, Boris Johnson rideva del virus, così come Trump. Ora molte persone in Svezia, Inghilterra e negli Stati Uniti stanno pagando con la vita l'incompetenza del governo nazionale. E nel nostro Paese certi politici vogliono allentare le misure, anche se siamo solo all'inizio della maratona.
Don Quijote 6 mesi fa su tio
Far decidere a un politico della mia vita è la cosa più apocalittica che mi poteva capitare, avrei preferito una scelta con i dadi!
Ben8 6 mesi fa su tio
Anche il buonsenso funziona!
Thor61 6 mesi fa su tio
@Ben8 Quello che chiami buon senso, in realtà suppongo si chiami più correttamente PAURA del contagio. Saluti
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
Spero che a Zurigo controllino tutti i passeggeri in arrivo dalla Svezia e vengano messi ii quarantena.. O non si può neanche questo?
Gladys Je 6 mesi fa su fb
Damiano Iannino Schipilliti ma io mi auguro che si faccia come in Austria, fino a che non c'è una cura non si fanno viaggi. Se per lavoro o famiglia devono essere "tracciati" e messi in quarantena. Perchè il problema virus resterà fino alla possibile cura in ogni caso.
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
Gladys Je ma a Zurigo continuano a sbarcare però
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 02:31:45 | 91.208.130.85