keystone-sda.ch / STR (Santiago Billy)
Componenti della carovana al confine con il Guatemala
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
5 ore
Covid, gli anticorpi «scompaiono dopo poche settimane»
Lo indica uno studio canadese, pubblicato dalla rivista medica mBio
STATI UNITI
5 ore
Terremoto di magnitudo 7.4 in Alaska
È stata diramata un'allerta tsunami
IRLANDA
5 ore
L'Irlanda va in lockdown per sei settimane
Il primo ministro Micheál Martin ha invitato la popolazione a «restare a casa».
STATI UNITI
7 ore
È morto il figlio di Robert Redford
Attivista, si era schierato contro i negazionisti del Covid-19
ITALIA
7 ore
Il coprifuoco lombardo e la mediazione di Conte con i sindaci
La bordata di Confindustria: «Provo sconforto per un Paese in confusione».
CINA
9 ore
Guardiano dello zoo sbranato dagli orsi
Ad assistere alla scena un gruppo di turisti a bordo di un bus
MONDO
10 ore
Il coronavirus accelera in Europa e America del Nord
«Quando la capacità dell'ospedale viene superata, è una situazione molto difficile e pericolosa» avverte l'Oms
STATI UNITI
10 ore
«La gente è stanca di sentir parlare di coronavirus Anthony Fauci e tutti quegli idioti»
È quanto ha rivelato Donald Trump al suo staff.
ITALIA
10 ore
La Lombardia chiede al governo un coprifuoco dalle 23, Speranza è d'accordo
Altri 1687 contagi nella regione, il rapporto tra tamponi e positivi sale all'11,5%.
STATI UNITI
10 ore
New York, in vigore da oggi la messa al bando delle buste di plastica
Diversi proprietari di piccole botteghe e negozi di alimentari, tuttavia, sono contrari al divieto
FRANCIA
11 ore
Prof decapitato: 15 persone fermate
Mercoledì si terrà alla Sorbona l'omaggio a Samuel Paty
FRANCIA
11 ore
La moglie di Macron è in isolamento
«Prenderà precauzioni anche nella sua vita privata», riferisce il suo entourage
REGNO UNITO
11 ore
Brexit, «negoziati senza senso» poi la marcia indietro
C'è ancora molto da fare sulla questione delle frontiere irlandesi, afferma il vicepresidente della Commissione europea
POLONIA
12 ore
Kaczynski da oggi è in quarantena
Il 71enne si sente bene ed è in attesa delle altre decisioni delle autorità sanitarie
CINA
13 ore
Botteghino, la Cina supera gli USA
La pandemia ha contribuito ad accelerare la transizione
SPAZIO
13 ore
In arrivo le stelle cadenti 'figlie' della cometa di Halley
Le condizioni di osservazione, nuvole permettendo, sono ottimali: la luna non sarà visibile
REGNO UNITO
14 ore
Galles: un lockdown “lampo” per frenare il virus
Lo ha decretato il governo e avrà luogo a partire da venerdì, aperti solo i negozi di generi essenziali
MONDO
16 ore
Scatta il coprifuoco in Belgio e in Slovenia
Gli ultimi aggiornamenti internazionali sull'evoluzione della pandemia di Covid-19
FRANCIA
16 ore
Insegnante decapitato: il terrorista ha offerto soldi agli alunni perché glielo indicassero
Uno scolaro 15enne è in stato di fermo. Samuel Paty aveva mostrato in classe le vignette su Maometto di Charlie Hebdo.
POLONIA
16 ore
Covid-19: ospedale da campo nello stadio di Varsavia
Nel fine settimana la Polonia è stata confrontata a oltre centro decessi legati al nuovo coronavirus.
STATI UNITI
17 ore
Un uomo armato si è barricato negli studi della Paramount Pictures
Si tratta di una persona accusata di violenze sessuali che è fuggita dagli agenti che lo volevano arrestare
FOTO
CILE
18 ore
Santiago, fra le proteste bruciano anche due chiese
Il primo anniversario delle manifestazioni del 2019 è degenerato nella notte con scontri e danni ingenti
HONDURAS
20.01.2020 - 06:000
Aggiornamento : 21.01.2020 - 16:11

Dal Ticino all'Honduras che fugge: «Il Paese è in un circolo vizioso»

Delegato della Croce Rossa Svizzera, il malcantonese Fabio Baiardi ci ha parlato delle sfide che affronta lo Stato centroamericano, dal quale è partita una nuova carovana di migranti

TEGUCIGALPA - La scorsa settimana una nuova carovana di migranti, la prima di quest’anno, è partita dall’Honduras alla volta degli Stati Uniti. In 3’500 hanno varcato la frontiera col vicino Guatemala: in maggioranza honduregni ma anche salvadoregni, nicaraguensi e cubani diretti a nord, in cerca di una vita migliore o di protezione. 

Come nel 2018 - quando la prima colonna a lasciare l’Honduras attirò l’attenzione del mondo -, al confine non sono mancati affrontamenti con la polizia ed è possibile che altri ne seguano all’ingresso in Messico. Poi rimarrà solo la frontiera statunitense: insormontabile per i più e letale per alcuni.

Con il ticinese Fabio Baiardi, delegato della Croce Rossa Svizzera (CRS) in Honduras, abbiamo parlato della situazione nel Paese centroamericano di 9 milioni di abitanti e delle attività della CRS laggiù (v. anche box più sotto). Malcantonese, Baiardi, 58 anni, è stato attivo con la Croce Rossa in Somalia, Azerbaigian, Colombia e Kenya e ha vissuto numerose altre esperienze internazionali, nel settore umanitario e non, in Cecenia, Moldavia, Nigeria e Sierra Leone. Da febbraio 2019 si trova in Honduras.     

Signor Baiardi, la situazione in Honduras è peggiorata o migliorata rispetto al 2018, quando molte persone si erano messe in marcia verso gli Stati Uniti?
Malgrado gli sforzi dell’attuale governo - la cui legittimità è fortemente contestata sia a livello nazionale sia internazionale - non si nota un miglioramento socioeconomico per la popolazione vulnerabile a rischio migrazione. Il fenomeno migratorio in atto da diversi anni - in particolare dall’Honduras verso il Nord ma anche verso la Spagna per i più fortunati - non si affievolisce.

La disoccupazione figura tra le sfide più importanti? 
Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), attualmente la disoccupazione è superiore al 7%: storicamente non aveva mai superato il 4%. La sottoccupazione, però, è intorno al 42%, il che rende il salario minimo ufficiale - all’incirca di 550 CHF al mese - una realtà per pochi. Si stima che il settore informale occupi all’incirca il 70% della forza-lavoro.

Come sta l’economia del Paese?
Negli ultimi anni l'Honduras ha registrato il secondo più alto tasso di crescita economica dell'America Centrale, superato solo da Panama. Il PIL è cresciuto del 4,8% nel 2017, del 3,7% nel 2018 e per il 2019 si prevede una crescita del 3,3%, superiore alla media dell'America Centrale e ben al di sopra della media dell'America Latina e dei Caraibi (ALC). Ma la crescita economica in Honduras, ironia della sorte, è dovuta principalmente all'aumento dei trasferimenti di denaro dagli emigranti all’estero. 

Crescita economica e povertà convivono insomma… 
Malgrado il tasso di povertà sia diminuito dall’inizio del secolo, il paese si trova ad affrontare alti livelli di povertà e di disuguaglianza, tra le più alte della regione e del mondo. Circa il 50% della popolazione vive in povertà (ovvero con meno di 5,5 dollari al giorno). Circa il 17% vive in estrema povertà (meno di 1,90 dollari al giorno), seconda solo ad Haiti in quell’area. L’Honduras presenta altresì una delle più piccole classi medie dell’ALC: vi appartiene circa l’11% della popolazione rispetto alla media regionale del 35%. 

Quali sono le altre principali emergenze? 
La corruzione e l’impunità, la siccità ricorrente, le inondazioni e l’emergenza sanitaria. Nel 2019, 180 persone sono morte a causa del virus Dengue e 112’708 si sono ammalate. Il Paese è inoltre altamente esposto al cambiamento climatico e al relativo aumento del rischio indotto da catastrofi naturali. Infine, nonostante negli ultimi anni si sia ridotto, il tasso di omicidi intenzionali si situa ancora a circa 40 ogni 100’000 abitanti, uno dei più alti al mondo.

Ci sono regioni più esposte di altre? 
Corruzione e impunità interessano tutto il Paese. Per quanto concerne il virus Dengue e le inondazioni, invece, a essere colpita è la zona Nord (Dipartimenti di Cortés e Francisco Morazán) mentre per la siccità la zona Sud.

Come potrebbe uscire l’Honduras da questa situazione?
Il Paese necessita ancora di rafforzare il quadro macroeconomico con riforme economiche e istituzionali atte a migliorare il buon governo e il clima imprenditoriale. Elementi che potrebbero contribuire a sviluppare un quadro per una crescita inclusiva di tutta la popolazione. Il paese si trova in un circolo vizioso dal quale è difficile uscire. Le iniziative dei Paesi cooperanti (tra cui la Svizzera) e della CRS contribuiscono, seppur modestamente e localmente, se non a invertire, perlomeno a rallentare questo circolo vizioso.

La Croce Rossa Svizzera in Honduras
La Croce Rossa Svizzera (CRS) è attiva in Honduras con sei progetti più un progetto d’urgenza a breve termine. Per l’organizzazione umanitaria elvetica, si tratta dell’impegno all’estero più consistente dopo quello in Laos. Gli interventi si concentrano in particolare negli ambiti del rafforzamento istituzionale della CRH e di altre controparti; della prevenzione e della gestione del rischio indotto dalle catastrofi naturali; e della salute comunitaria e dell’integrazione sociale. I progetti - portati avanti dalla Croce Rossa Honduregna (CRH) con l’appoggio tecnico e finanziario della Croce Rosse Svizzera - si trovano principalmente nella regione Sud del Paese, denominata “Corredor seco” (o “Corridoio secco”) a causa delle gravi siccità cui è soggetta per non essendo risparmiata anche da inondazioni e tempeste tropicali.

Un po’ di storia 
L’azione della Croce Rossa Svizzera (CRS) in Honduras iniziò dopo l’uragano Mitch del 1998, che fece perlomeno 10'000 morti e 9’000 dispersi. Fu uno dei peggiori disastri naturali del Paese, che rimase bloccato per settimane dopo la catastrofe. In questo ambito la “Catena della Solidarietà” raccolse 34,4 milioni di franchi: un primato. La Confederazione svizzera mise invece a disposizione 43 milioni di franchi per la ricostruzione in Centro America. Dopo Mitch, la CRS ricostruì due quartieri di Tegucigalpa, la capitale: Colonia Betania e Colonia España (beneficiari totali: 317 famiglie). 

La CRS, che quest’anno festeggerà i suoi 20 anni in Honduras, ha gestito direttamente i suoi progetti fino a fine 2017, quando ha iniziato un processo d’integrazione tutt’ora in corso con la Croce Rossa Honduregna (CRH). Ora si parla di “progetti implementati direttamente dalla CRH con il supporto finanziario e tecnico della CRS”. 

Per quasi vent’anni, delegato della CRS in Honduras è stato Claudio Stauffer, deceduto nell’agosto del 2018. Da febbraio 2019 questo ruolo è ora ricoperto dal ticinese Fabio Baiardi.

L’impegno in numeri
La delegazione della CRS in Honduras: 8 collaboratori, tra i quali figurano un delegato svizzero e sette collaboratori locali sotto contratto della CRH.

Spesa annuale: 2,825 milioni di franchi (2018).

Beneficiari: ca. 80'000 persone grazie ai programmi di sviluppo (3); ca. 65'000 persone grazie al Programma nazionale del sangue della Croce Rossa Honduregna; ca. 20'000 famiglie residenti nel bacino del fiume Goascorán (mandato della Direzione dello sviluppo e della cooperazione-DSC implementato in consorzio con GFA Consulting).

Gentile concessione di Fabio Baiardi
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fromrussiawith<3 9 mesi fa su tio
Alcuni quä in Ticino si chiedono, ha giusta ragione, se non sia più appropriato, e non avesse un impatto positivo ben maggiore nelle loro vite se la Confederazione utilizzasse i miliardi spesi per i migranti economici e li investisse per creare progetti nei paesi dai quali fuggono... la rimessa non credo aiuti ad eliminare i meccanismi sociali, economici, e politici responsabili dell'inefficienza e povertà e garantire la maturità istituzionale necessaria
fromrussiawith<3 9 mesi fa su tio
La migrazione è un argomento complesso; spalancare le porte come ha fatto l’UE non risolve il problema. Ora la popolazione dei paesi poveri non combatte più per i loro diritti nei paesi d’origine, ma combattono per i diritti di vivere nei nostri paesi, pure a costo di crearsi un profilo di rifugiato che non gli avvale. Non solo, le forze politiche corrotte dei paesi dai quali fuggono hanno il loro interesse nel lasciare che quella povera gente migri verso altri paesi, ad indebolire le forze di opposizione e i dissidenti; per non parlare dei gruppi terroristici in Africa che si sono rafforzati in termini economici grazie alla migrazione. La sinistra Europea dovrebbe essere tenuta responsabile per la morte di migliaia di migranti che hanno perso la vita, sono stati abusati sessualmente, alcuni di loro forzati alla schiavitù per pagarsi il biglietto verso l’Europa, per i migranti ritornati nei loro paesi dopo aver indebitato le loro famiglie, per aver aperto le porte pure a terroristi… il climate change ora giustifica la migrazione, decenni di fallimento dei nostri paesi e NGO nel aiutare quei paesi… un’altra “coincidenza” che una carovana sia partita proprio nel periodo delle votazioni US?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-20 05:05:41 | 91.208.130.87