Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
5 ore
Da Los Angeles alla Cina, il mondo piange Bryant
Un fiume inarrestabile di omaggi ha coinvolto personaggi noti e gente comune
CINA
6 ore
Coronavirus, picco a fine aprile: «Scenari da incubo»
Il rischio è ormai globale, riguarda tutti i continenti
CINA
7 ore
La febbre dei mercati, il coronavirus brucia 222 miliardi
Registrato il loro primo lunedì nero dall'inizio dell'anno
STATI UNITI
8 ore
Il Pentagono conferma
L'aereo caduto in Afghanistan è un velivolo militare statunitense
STATI UNITI
9 ore
Teneva la sorella malata in una gabbia di legno in salotto
Una 51enne della Pennsylvania è accusata di falsa detenzione e abuso. La vittima è stata ricoverata in ospedale
REGNO UNITO
10 ore
Johnson apre al 5G di Huawei (ma con limitazioni)
Queste introdotte per non irritare ancora di più gli Stati Uniti, il premier britannico: «Vittoria strategica»
COREA DEL NORD
10 ore
Dopo sei anni ricompare la zia di Kim Jong-un
Non si avevano più sue notizie dall'esecuzione del marito per alto tradimento
CINA
11 ore
Coronavirus: primo morto a Pechino. OMS: «Rischio "elevato"»
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ammesso un errore di valutazione
AFGHANISTAN
12 ore
Aereo precipitato, potrebbe essere un velivolo militare statunitense
L'area interessata dall'incidente è sotto il controllo dei talebani
FOTO
BRASILE
13 ore
Un anno dopo il disastro, Brumadinho ricorda le sue vittime
Il crollo della diga, avvenuto il 25 gennaio dell'anno scorso, provocò 270 vittime
ITALIA
13 ore
Calabria, flop dei 5 Stelle. Sono fuori dal Consiglio regionale
I grillini non raggiungono il quorum, fermandosi al 7,35%. Eletta la candidata di Forza Italia Jole Santelli con il 55,29%
IRAN
14 ore
«Sostituire le elezioni con le nomine? Grande pericolo per la democrazia»
Il presidente Rohani si è espresso dopo la bocciatura di oltre due terzi dei candidati
ITALIA
14 ore
Collusioni con la camorra, in manette cinque carabinieri
Altri tre sono stati sospesi. Il gip ha escluso l'aggravante mafiosa. Un loro collega fu pedinato e intimidito con una bomba carta sotto l'auto
STATI UNITI
14 ore
Identificate tutte le 9 vittime dello schianto dell'elicottero di Kobe Bryant
Oltre alla figlia 13enne Gianna c'erano anche altre due ragazzine, con i genitori, e un'allenatrice di basket giovanile
STATI UNITI
15 ore
«Amazon può fare di più per proteggere il clima»
Lo sostengono 357 dipendenti del colosso che hanno firmato un post corale sulla piattaforma Medium
CONGO
13.01.2020 - 08:540

Il cobalto che uccide i bimbi per un franco al giorno

40.000 ragazzini impegnati nelle miniere. 13.800 minorenni che vivono di elemosina e prostituzione. Benvenuti in Congo

di Redazione

BRAZZAVILLE - La vita degli invisibili. Quella dei bambini sfruttati, schiavi, oppressi. Lo sfruttamento del lavoro minorile è di certo una delle piaghe del mondo. Lo è specialmente nelle realtà meno sviluppate. Uno dei tanti dolori esempi è il Congo. Nella sola capitale Kinshasa, che oggi ospita oltre 10 milioni di persone in quartieri disastrati, l’UNICEF stima vi siano più di 13.800 shegué, bambini e bambine di strada che sopravvivono di lavoretti nei mercati, elemosina e piccoli furti, ma spesso anche di prostituzione, attività illegali e altri espedienti. Un grande bacino da sfruttare dove migliaia di ragazzini sono costretti a lavorare per estrarre  il cobalto, indispensabile per le batterie dei tanti strumenti a carica elettrica che ogni giorno migliorano la nostra vita.

Lì, dove quelli che potrebbero essere dei nostri figli soffrono e in alcuni casi, muoiono, per un dollaro al giorno. Una frontiera relativamente nuova dello  sfruttamento minorile e dell’economia nei paesi sottosviluppati. La nuova eldorado è data dalla richiesta sempre più grande di cobalto, sottoprodotto di
nichel e rame, schizzata alle stelle con l’incremento di richiesta e produzione di auto elettriche e ibride.
Il prezzo oscilla tra i 30 e i 32 mila dollari a tonnellata e il Congo – che garantisce da solo il 60% del fabbisogno mondiale - è divenuto un polo di sregolata attrazione per tantissime multinazionali. Il 60% dei bambini della zona di Kolwezi, ex Katanga (oltre la metà del cobalto si estrae da lì, ndr) è impiegato in miniera e la quasi totalità di questi, abbandona la scuola fin dal ciclo elementare.
In un report investigativo condotto dall’Ipis, Servizio di Informazione Internazionale sulla Pace, viene smascherato come l’intero processo di sfruttamento delle risorse umane e naturali del Congo sia funzionale per l’Europa, l’America e l’Asia a guadagnare i massimi vantaggi per lo sviluppo capitalistico e imperialista, supportando una guerra economica in Africa senza precedenti.
Le ultime stime di Unicef e Amnesty International di 40.000 ragazzi e ragazze minorenni impegnati nelle miniere del sud della Repubblica democratica del Congo  sono da considerarsi oramai da aggiornare, purtroppo verso l’altro, visto il boom del cobalto di cui sopra. Questi bambini, denuncia Amnesty, lavorano in condizioni estreme, alcuni di loro più di dodici ore al giorno, senza alcuna protezione e percependo salari da fame, un dollaro al giorno, altrove anche due euro a settimana. Si  ammalano prima e più dei loro coetanei. Rischiano ogni giorno incidenti sul lavoro a causa di carichi troppo pesanti fino alla morte a causa dei frequenti crolli nelle grotte artigianali. Spesso sono picchiati e maltrattati dalle guardie della sicurezza se oltrepassano i confini della miniera.

Uno sfruttamento che però qualcuno sta cercando di fermare. Come rivelato dal Guardian nei giorni scorsi, il gruppo International Rights Advocates ha intentato causa contro Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla a nome di quattordici famiglie della Repubblica Democratica del Congo, i cui bambini sono morti o sono rimasti menomati durante il lavoro nelle miniere di cobalto. Secondo le accuse contenute nella documentazione prodotta da IRAdvocates, i bambini lavoravano illegalmente in miniere di proprietà della compagnia anglosvizzera Glencore, la quale vende il cobalto a Umicore, un trader basato a Bruxelles che poi li distribuisce alle aziende incriminate.

Sfruttamento lavoro minorile, piaga mondiale
Sempre difficile parlare di numeri in questi casi. Perché non ci sono dati ma solo stime, purtroppo spesso al ribasso, o meglio ottimistiche. Secondo quanto pubblicato sul sito ufficiale dell’Unicef, nel mondo sono più di 150 milioni i bambini intrappolati in impieghi che mettono a rischio la loro salute mentale e fisica e li condannano ad una vita senza svago né istruzione. L’Organizzazione Internazionale del Lavoro, ILO, è un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite che si
occupa di promuovere la giustizia sociale e i diritti umani internazionalmente riconosciuti. Secondo i dati in loro possesso, nel mondo, 74 milioni di bambini sono impiegati in varie forme di lavoro pericoloso, come il lavoro in miniera, a contatto con sostanze chimiche e pesticidi agricoli o con macchinari pericolosi. E' il caso, scrive sempre il sito dell’Unicef, dei bambini impiegati nelle miniere in Cambogia, nelle piantagioni di tè nello Zimbabwe, o che fabbricano bracciali di vetro in India. Tra le peggiori forme di lavoro minorile rientra anche il lavoro di strada, ovvero l'impiego di tutti qui bambini che, visibili nelle metropoli asiatiche, latino-americane e africane, cercano di sopravvivere raccogliendo rifiuti da riciclare o vendendo cibo e bevande.
Altri dati disponibili su Action Aid, associazione che si occupa di programmi di sostegno a distanza, sarebbero 98 milioni i bambini che lavorano nei campi; 78 milioni i bambini che lavorano in Asia e nei Paesi del Pacifico; 59 milioni i bambini che lavorano si trovano nell'Africa subsahariana; 13 milioni in America Latina e Caraibi e 9 milioni che lavorano nel Medio Oriente e nell'Africa settentrionale. Numeri spaventosi, come la vita di questi bambini dall’infanzia strappata.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-28 04:51:17 | 91.208.130.89