Deposit Photos
STATI UNITI
19.02.2019 - 16:520
Aggiornamento : 17:21

«È il prossimo scandalo. Ci sono figli di preti ovunque»

Il Vaticano ha linee guida su cosa fare quando un prete rompe il voto del celibato e dal rapporto sessuale nascono dei figli

NEW YORK - Il Vaticano ha linee guida su cosa fare quando un prete rompe il voto del celibato e dal rapporto sessuale nascono dei figli. «Posso confermare che queste linee esistono», ha detto il portavoce della Santa Sede Alessandro Gisotti in risposta ad una richiesta del New York Times.

La rivelazione arriva alla vigilia del summit in Vaticano sulla crisi della pedofilia nel clero. «E' il prossimo scandalo. Ci sono figli dappertutto», ha detto al giornale Vincent Doyle, uno psicoterapeuta irlandese che a 28 anni ha scoperto di essere figlio di un sacerdote e che dopo lo shock iniziale ha creato un gruppo di sostegno per persone nelle sue condizioni.

Le linee guida del "documento interno" del 2017 sintetizzano decenni di procedure con «il principio fondamentale la protezione del bambino», ha detto Gisotti al New York Times. Le direttive prevedono che il padre lasci il sacerdozio e assuma le sue responsabilità di genitore dedicandosi esclusivamente al bambino. Un altro esponente vaticano, il sottosegretario della Congregazione per il Clero mons. Andrea Ripa, ha tuttavia detto al giornale che è impossibile imporre il licenziamento di un prete, considerazione avallata da esperti di diritto canonico.

Per alcuni religiosi e cattolici progressisti, casi come quello di Doyle tornano a sollevare la questione se non sia giunto il tempo di rendere il voto del celibato, codificato dalla Chiesa nel 12esimo secolo ma mai necessariamente rispettato anche ai livelli più alti, «una opzione come in altre chiese cristiane».

Doyle, che prima della scoperta pensava che suo padre fosse in realtà il suo padrino, è uno dei protagonisti della nuova crisi che ha investito la Chiesa. Ora è in viaggio verso Roma in vista del vertice che si aprirà giovedì e si chiuderà domenica: con lui, altri figli di preti, vittime di molestie sessuali di religiosi pedofili e suore aggredite sessualmente da sacerdoti.

Non ci sono stime su quanti siano i figli dei preti. Doyle ha detto al Times che il gruppo di sostegno online Coping International da lui creato conta 50 mila iscritti in 175 Paesi. Lo psicoterapeuta ha detto di aver preso visione delle linee guida vaticane per la prima volta nell'ottobre 2017 quando a mostrargliele sarebbe stato l'arcivescovo Ivan Jurkovic, nunzio Vaticano presso l'Onu a Ginevra: «Siete chiamati i 'figli degli ordinati'», gli avrebbe detto il nunzio: «Fui scioccato dall'apprendere che avevano un termine per definirci».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-25 22:54:10 | 91.208.130.87