Prizmatec
BELLINZONA
12.04.2018 - 20:080
Aggiornamento 16.04.2018 - 10:51

Japan Matsuri a tutto cosplay con Prizmatec

La famiglia italiana di cosmakers e cosplayers porterà sul palco un nuovo spettacolo, svelando alcuni segreti del suo lavoro. Sarà inoltre la giuria del contest di domenica

BELLINZONA - Anche quest’anno il festival giapponese Japan Matsuri che si terrà questo weekend a Bellinzona offrirà la sua consueta gara cosplay. I vincitori verranno scelti dai Prizmatec, i quali porteranno anche sul palco un nuovo spettacolo, svelando alcuni segreti del loro lavoro.

Il cosplay è l’arte di interpretare un personaggio indossandone il costume. Il cosplayer veste i panni del personaggio di anime, manga o videogiochi imitandone gesti e comportamenti.

Prizmatec Cosplay è una famiglia italiana di cosmakers e cosplayers che lavora in team: Gaetano e Paola (papà e mamma) con Riccardo ed Elisa (i figli) sono specializzati in spettacolari armature con cui hanno vinto svariati premi, esibendosi in molti contest.

Abbiamo parlato con Gaetano, che ci ha spiegato quando è nata questa passione e come è diventata un lavoro.

Da dove arrivano i Prizmatec?

«Nel 2012 io e mio figlio Riccardo siamo stati a un Comics. Abbiamo deciso di realizzare War Machine di “Iron Man”, ma sembrava davvero difficile. Su Internet abbiamo trovato tutorial e files gratuiti e con buona volontà ci abbiamo provato».

E non vi siete più fermati…

«Abbiamo tirato dentro anche mia figlia Elisa. È diventata una cosa di famiglia, un collante. Ci siamo inventati un nome, la Prizmatec. È iniziato come un gioco che adesso è diventato un lavoro. Abbiamo continuato a costruire armature e costumi sempre più grandi con materiali leggeri ed economici. All'inizio ero un padre che portava il figlio in giro, poi sono diventato uno di loro».

Anche la Renault vi ha contattato per una pubblicità.

«Sì, volevano un’armatura che non comparisse solo nello spot, ma che potessero portare in giro. Ci hanno dato un loro camion per ispirarci e abbiamo costruito questo super robot».

Come scegliete quali armature realizzare?

«Siamo tutti coinvolti. I suggerimenti arrivano da Riccardo, soprattutto per quanto riguarda i fumetti giapponesi da cui prende gli spunti. Una mano grossa ce la dà il cinema, con la Marvel. Si cerca di anticipare le armature dei film e c’è una sorta di gara con gli altri cosmakers a chi la realizza prima».

Chi di voi indossa il costume? È faticoso?

«Tutti e quattro, a turno. Più che altro dentro al costume fa caldo, ma cerchiamo di renderlo un po’ traspirante, anche se è difficile. Usiamo la materassina che è molto leggera, quindi l’armatura non supera mai i 10-15 chili di peso. Noi lavoriamo molto di più sui movimenti, che devono essere umanoidi».

Quali tra le vostre realizzazioni stanno avendo più successo?

«Thanos, il cattivo della Marvel. Ce l’hanno richiesto moltissime volte e lo abbiamo portato anche a Bellinzona lo scorso anno».

E quest’anno cosa presenterete al Ticino?

«Reinhard, del videogioco Overwatch. Lo possiamo indossare sia io che Riccardo».

Cosa pensi della gara cosplay di Bellinzona? È più piccola di altre a cui siete abituati…

«Io preferisco le piccole fiere, sono più intime e si può parlare con la gente. A Bellinzona c’era un bel clima lo scorso anno. I cosplayer stavano tutti insieme, erano uniti».

Domenica tutta la famiglia sarà in giuria. Siete d’accordo quando dovete valutare i lavori degli altri?

«Ognuno si focalizzerà su un aspetto diverso. Di sicuro ci sarà da scontrarsi...».

Sabato 14 aprile alle 16.45 l’Espocentro di Bellinzona ospiterà lo show dei Prizmatec, mentre la gara cosplay è prevista domenica 15 alle 16.45. Qui il programma completo del Japan Matsuri.

Prevendita su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche
Tags
cosplay
bellinzona
prizmatec
riccardo
japan
armature
gara
matsuri
japan matsuri
famiglia
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-23 07:47:10 | 91.208.130.87