Depositphotos (foto d'archivio)
Giovani che lasciano il Cantone senza fare ritorno; la manodopera che cala e la popolazione che invecchia: è lo scenario evocato in un'interrogazione interpartitica che chiede al governo di agire.
ULTIME NOTIZIE Ticino
RIVERA
26 min
Ciclopiche demolizioni: giù le cisterne da 175 milioni di litri
L'approvvigionamento di carburante oggi è "just in time", così City Carburoil smantella i suoi due depositi
TENERO
6 ore
Tensione al centro Tertianum Al Vigneto
Dipendenti scontenti per quanto starebbe accadendo nelle ultime settimane. Nel mirino la nuova direttrice. 
GAMBAROGNO
9 ore
Quanto è complicato avere un cane da protezione
Greggi e lupo: la recente giornata informativa del Cantone mette a nudo tutte le difficoltà dei contadini.
LUGANO
11 ore
Polo sportivo, si voterà il 28 novembre
Il referendum lanciato dall'MPS è formalmente riuscito
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
La danza che unisce, premiati due progetti ticinesi
MOPS_DanceSyndrome e Mix-Dance New Ability si sono spariti il premio principale dell'associazione ilmioequilibrio.
CANTONE
12 ore
Inchiesta sul funzionario del DSS: «Vogliamo risposte»
Tamara Merlo e Maura Mossi Nembrini chiedono lumi sulle conclusioni dell'inchiesta amministrativa.
LUGANO
13 ore
L'OSI torna a esibirsi (dal vivo) al LAC
Dopo mesi di concerti in streaming, l'Orchestra potrà tornare in sala per offrire la propria musica.
CANTONE
14 ore
Gli alberghi di lusso guardano al futuro con cauto ottimismo
Ha avuto luogo oggi a Lugano l'assemblea generale dell'associazione Swiss Deluxe Hotels
LUGANO
14 ore
Premiati i migliori allievi di quarta media dell'Istituto Sant'Anna
Le medie più alte sono di Tristan Luisoni, Elias Wullschleger, Brayan Ferrarini e Federico Fabio.
BELLINZONA
15 ore
Ristrutturazione del Liceo: «Un progetto che nasce vecchio»
L'MPS prende posizione rispetto al piano pensato dal Governo e non risparmia critiche.
CANTONE / GRIGIONI
18 ore
Dopo la frana, riapre la strada del Lucomagno
Per motivi di sicurezza, in prossimità del passo il collegamento è percorribile su una sola corsia
BELLINZONA
18 ore
Il Tavolino Magico compie 15 anni e trasloca
Il centro di distribuzione di Bellinzona si trova ora al centro Spazio Aperto.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Niente più mascherine sui marciapiedi delle stazioni
La decisione è stata presa dopo che il Consiglio federale ha revocato l'obbligo d'indossarla all'aperto.
SANT'ANTONINO/LOCARNO
18 ore
Una notte di bus sostitutivi al posto dei TILO
La perturbazione concernerà la tratta Sant'Antonino-Locarno dalle 22 di domenica alla fine del servizio.
CERENTINO
19 ore
Lavori stradali a Cerentino
Dal 30 giugno fino alla metà di ottobre 2021 è previsto il rifacimento della pavimentazione lungo la cantonale
CANTONE
20 ore
Il ventiseiesimo giorno senza decessi
In Ticino si segnalano altri cinque contagi in ventiquattro ore
LUGANO
20 ore
Due mesi di disagi al traffico dei bus
Autopostale annuncia che, causa cantiere, fino a fine agosto ci saranno sostituzioni e soppressioni di fermate.
CANTONE
20 ore
Un Super Puma per la radioattività
Il 30 giugno l'elicottero effettuerà dei voli di misurazione sopra Lugano e altre aree ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
In Svizzera si contano 343'000 frontalieri
Alla fine del 2020 la percentuale più alta si registrava in Ticino. Un ritratto dei lavoratori provenienti dall'estero
LUGANO
23 ore
Il neonato paga la piscina: ma il Comune rimedia
Tariffe "baby" fino a tre anni nei Lidi della Città. Il caso di un bambino di 14 giorni a Carona
CANTONE
23 ore
Si può tornare a comprare birra e vino alla sera
Non ci sono stati ricorsi o referendum: il divieto serale è confermato solo per i superalcolici
CANTONE
1 gior
Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo
Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure
MENDRISIO
1 gior
Avvicinare il Magnifico Borgo al lago, ecco "Mendrisio Beach"
Valorizzare il lungolago di Capolago, oggi un po' trascurato, creando una spiaggia e accessi per gli sport acquatici.
CANTONE
06.03.2021 - 12:190
Aggiornamento : 17:52

«Il Ticino perderà 18mila abitanti in 30 anni. Occorre agire»

Un'interrogazione di Sabrina Aldi, Laura Riget e Fiorenzo Dadò chiede al governo di chinarsi sul calo demografico

Gli interroganti propongono al Consiglio di Stato di implementare un «monitoraggio integrato dell'evoluzione della popolazione».

BELLINZONA - Una «trasformazione epocale della struttura della popolazione ticinese» che richiede una «chiara risposta delle nostre istituzioni». A suonare il campanello di allarme è un'interrogazione interpartitica presentata oggi al Consiglio di Stato dai deputati Sabrina Aldi (Lega dei Ticinesi), Laura Riget (PS) e Fiorenzo Dadò (PPD).

«Le stime dicono che» il Ticino «perderà oltre 18'000 abitanti nei prossimi 30 anni, in un contesto nazionale di forte crescita demografica complessiva: questo è evidentemente un problema cruciale», scrivono i tre granconsiglieri, invitando l'esecutivo cantonale a riflettere sulla questione e proponendo l'introduzione di un «monitoraggio integrato dell'evoluzione della popolazione».

A preoccupare gli interroganti non è solo il calo demografico, ma il conseguente squilibrio che questo andrà a generare. Da un lato c'è il fenomeno della "fuga di cervelli" dei giovani, che scavalcano le Alpi e non fanno ritorno in Ticino. Dall'altro l'ulteriore invecchiamento della popolazione. Uno scenario caratterizzato da una «vera e propria carenza di manodopera» e «costi enormi per lo Stato», scrivono i tre firmatari dell'interrogazione, chiedendo al Governo in quale modo la «politica familiare, di promozione economica, salariale, immobiliare, di accoglienza di persone di altri cantoni o di altri paesi, potrebbe contribuire a limitare il calo demografico».

Le domande dell'interrogazione

  1. Ritiene il calo demografico un problema importante per il Ticino? In caso contrario, quali sono le ragioni per cui tale calo non sarebbe un problema importante?
  2. Non ritiene opportuno disporre di un monitoraggio integrato dell’evoluzione della popolazione in relazione alla natalità, alla mortalità, al saldo migratorio, ai permessi di domicilio e di dimora, delle abitazioni vuote nelle diverse regioni del cantone Ticino?
  3. Quali sono le conseguenze in termini di minori introiti fiscali per cantone e comuni a causa del calo demografico registrato fra il 2017 e il 2020 in Ticino?
  4. Quali strategie intende sviluppare e attivare per rispondere al calo demografico? Non ritiene che la strategia promossa dal Consiglio di Stato del Canton Neuchâtel, un cantone con un calo demografico minore del Ticino, con il suo progetto in consultazione del 4 febbraio 2021, possa essere un punto di partenza cui ispirarsi?
  5. In che modo la politica familiare, di promozione economica, di politica salariale, immobiliare, di accoglienza di persone di altri cantoni o di altri paesi, potrebbe contribuire a limitare il calo demografico?
  6. Il Ticino è confrontato da alcuni anni da una “fuga di cervelli”, ossia giovani ticinesi perlopiù formati che una volta varcate le Alpi non tornano più in Ticino. Quali sono le strategie che il Consiglio di Stato intende sviluppare per contrastare questa tendenza? Non ritiene utile promuovere delle misure a favore dei giovani per creare le giuste condizioni di impiego con posti innovativi e attrattivi anche in Ticino ? Non sarebbe il caso di dedicare, come è stato fatto per la pianificazione integrata LAnz- LACD/2021-2030, i mezzi necessari per favorire una maggiore attrattività del cantone nei confronti delle nuove generazioni?
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 3 mesi fa su tio
Niente lavoro per chi vi abita e quindi niente futuro e quindi niente figli. Semplice Watson. Ma ben venga comunque questa diminuzione demografica visto che abbiamo già superato la soglia di vivibilità.
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
In pochi si sta meglio.
Evry 3 mesi fa su tio
Conseguenza dei datori.. di lavoro che impiegano FRONTALIERI !!!!!! e nüm a pagom !
F/A-19 3 mesi fa su tio
Io lo dico da un pezzo che la gente se ne va da questo cantone sempre meno attrattivo, tra l’altro se ne va gente capace è piena di iniziativa, anzi, se ne va proprio perché capisce che qui non c’è futuro. In compenso arrivano i mafiosi, per loro qui c’è molto da fare, infatti se ne vedono in giro sempre di più.
P63 3 mesi fa su tio
70000 frontaliers credo non bisogna aggiungere altro... Pover Tesin.
DS 3 mesi fa su tio
non c'è lavoro... normale
gigipippa 3 mesi fa su tio
Lungimiranti o procacciatori di opportunità ? È chiaro che quelli nati durante il periodo del baby boom pian piano cominceranno ad andarsene. Immagino che i giovani deputati temono perché molto probabilmente la nostra è l`ultima generazione in grado di autofinanziarsi anche dopo il pensionamento.
Dragon76 3 mesi fa su tio
Desolante, i politici non fanno più i politici ma i tecnici, sono diventati dei burocrati (spesso anche corrotti) questo da tempo... manca la visione, lo spirito, il coraggio, l'intelligenza, le idee, il terreno è sterile per costruire un futuro bello e prosperoso per i nostri figli, che se restano qui, avranno molto da fare. Ormai non si fa più in tempo a invertire la tendenza solo puntanto sulla popolazione indigena, soltanto un flusso immigratorio di giovani (che sia residente non di frontalierato) potrebbe cambiare gli equilibri... ma i ticinesi lo vogliono??
Dragon76 3 mesi fa su tio
Desolante, i politici non fanno più i politici ma i tecnici, sono diventati dei burocrati (spesso anche corrotti) questo da tempo... manca la visione, lo spirito, il coraggio, l'intelligenza, le idee, il terreno è sterile per costruire un futuro bello e prosperoso per i nostri figli, che se restano qui, avranno molto da fare. Ormai non si fa più in tempo a invertire la tendenza solo puntanto sulla popolazione indigena, solo un flusso immigratorio di giovani (che sia residente non di frontalierato) può cambiare gli equilibri ma i ticinesi lo voglioni??
MrBlack 3 mesi fa su tio
Una soluzione ci sarebbe...tutti i ticinesi dovrebbero comprare solo in Italia. Le ditte ticinesi chiudono e si riparte da capo. Magari con più consapevolezza delle aziende sul danno che creano facendo le furbe. Senza clienti ticinesi capiranno quanto posso contare sui clienti frontalieri.
joe69 3 mesi fa su tio
@MrBlack La fai semplicemente tu... 😁😂 dove hai studiato economia? Sul Monopoli?? Alla Cepu?? Tutti i ticinesi vanno a comprare in italia, Le ditte ticinesi chiudono... poi?? Che soluzione del menga è???? Tutti i disoccupati che creerebbero le chiusure , vengono a casa tua a mangiare dopo?? Li mantieni tu?? ... bello fare discorsi populisti e demagocici... serve a molto😉
marco17 3 mesi fa su tio
@MrBlack Già i cervelli fuggono, mentre coloro ai quali è sfuggito il cervello rimangono e hanno idee brillanti come la tua che ricorda la storia del cornuto che si tagli gli zebedei per ripicca.
ciapp 3 mesi fa su tio
io non aspettero' il 2030
TGas 3 mesi fa su tio
Fuga di cervelli? Grazie al cavolo. Il Ticino non offre niente agli studenti, ne a livello universitario, che a livello economico. Ci sono studenti in gamba in situazioni economiche critiche che non ricevono aiuti dal cantone (risposta negativa): ci credo che se ne vanno via dal Ticino!
ceresade36@gmail.com 3 mesi fa su tio
Normale gli Svizzeri se ne vanno altroi per tantte motivi Gli straneiri andiamo via di qui per tutte queste restripsioni che ci impongono e per il motivo di avere nostri familiari lontano ci metono il bastone fra le rote per no darci neanche un recunggiungimento famigliare Ma la Svizzera è molto bella solo che qui no si puo piu vivere
dan007 3 mesi fa su tio
Allora perché continuano a costruire bisogna ristrutturare l’esistenza la vita di questa città e diventata frenetica in pochissimo tempo
Capra 3 mesi fa su tio
Pazienza!
F/A-19 3 mesi fa su tio
Malgrado questo i progetti faraonici avanzano senza vergogna, è evidente che questi lavori pagati dai contribuenti sempre più poveri servono per riempire le tasche dei soliti noti che da sempre fanno il bello ed il brutto tempo.
joe69 3 mesi fa su tio
@F/A-19 I progetti faraonici crescono perché, putroppo, tenere i capitali in banca ora costa... (interessi passivi) , costa meno costruire brutture.... anche addirittura lasciandole sfitte🙄 per i vari gruppi economici (assicurazioni, ecc...) è una soluzione migliore a quella di pagare interessi passivi sul capitale... è un mero calcolo economico. Ci vorrebbe una legge ad hoc per regolamentare il tutto, così da impedire speculazioni sfacciate...
F/A-19 3 mesi fa su tio
@joe69 Vero anche quello
Biaggi 3 mesi fa su tio
Via noi avanti gli altri
Meck1970 3 mesi fa su tio
verrà compensato da gente da altre nazioni. Il ticinese con il tempo sparirà se la politica non fa qualcosa
pontsort 3 mesi fa su tio
Non é per forza un male, almeno la pressione sul territorio calerà. E soprattutto non c'é bisogno di compensare i calo con più immigrazione
Booble63 3 mesi fa su tio
@pontsort Questo o è un ragionamento terra terra o da ecosinistro.. guarda che il buon funzionamento di uno stato ma soprattutto il finanziamento delle nostre pensioni è possibile grazie alle tasse e al prelievo sui salari di chi lavora, residenti ticinesi o non e anche frontalieri. Un popolo in declino demografico non riesce a finanziare le proprie necessità. Unica soluzione è l’aumento delle tasse e dei prelievi: se è proprio questo che desideri.. io preferirei vedere qualche bimbo in più grazie ad una politica mirata.
joe69 3 mesi fa su tio
@pontsort E invece c'è ne bisogno.... a livello demografico saremmo sempre più anziani e meno giovani... chi ci pagherà le pensioni?? Te lo dico io, tanti immigrati.... Justin Trudeau e Canada insegnano.... hanno perseguito una politica di immigrazione vincente...
pontsort 3 mesi fa su tio
@joe69 é solo un rimandare il problema. La popolazione non può aumentare all'infinito, e per egoisticamente passare noi la pensione nel lusso, le future generazioni avranno un territorio ancora più sovrappopolato e distrutto e non potranno nemmeno più contare sulla migrazione perché non ci sarà più ne posto ne risorse
pontsort 3 mesi fa su tio
@Booble63 È solo logica. La crescita infinita é impossibile. Prima o poi la popolazione dovra stagnare o diminuire. È chiaro che é una bomba ad e se non toccherà a noi toccherà ai nostri figli o nipoti affrontarlo.
pontsort 3 mesi fa su tio
@Booble63 Oltretutto con l'automazione é possibilismo aumentare la produzione anche con un calo della popolazione
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 06:26:25 | 91.208.130.86