Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
CANTONE
30.03.2020 - 12:550

«Regazzi? Predica bene e razzola male»

Al Governo l'interpellanza per chiedere lumi sull'atteggiamento, definito «riprovevole», del consigliere nazionale

Mal digerita sembra essere la ripresa delle attività della ditta del politico, attiva nel settore della metalcostruzione

Un atteggiamento «molto riprovevole». Così viene definito dall'Mps l'agire di Fabio Regazzi, consigliere nazionale PPD e presidente AITI, nel contesto dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.

In un'interpellanza al Governo, il Movimento per il socialismo sottolinea come la Regazzi SA, attiva nel settore della metalcostruzione, «malgrado il blocco delle attività nei cantieri per due giorni», abbia «continuato tranquillamente l’attività». «Alcuni dipendenti - si legge nell'atto parlamentare - sono stati mandati a cambiare le tapparelle in una scuola media. Altri suoi operai sono stati occupati a montar infissi negli stabili del futuro campus universitario USI / SUPSI di Viganello».

Quindi si incalza: «Non contento Regazzi ed il suo compare Modenini, a nome della AITI, avevano chiesto al consiglio di stato di permettere alle aziende industriali di poter lavorare durante il ponte di San Giuseppe, malgrado questi due giorni fossero stati decretati come festivi».

L'Mps punta il dito anche contro quelli che definisce «gli amici di Regazzi». «Swissmem ed Economisuisse - si prosegue -, hanno fatto di tutto per minare la decisione del Consiglio di stato ticinese di decretare il blocco di tutte le attività produttive non socialmente necessarie. Un tentativo riuscito [...] mentre Regazzi firmava l’appello dei “ticinesi” al consiglio federale con cui si chiede di “fermare subito ogni attività economica e sociale non indispensabile alla vita"».

Oggi, 30 marzo, Fabio Regazzi avrebbe fatto riprendere il lavoro ai suoi dipendenti. «A dimostrazione che per il capo degli industriali ticinesi ciò che conta è il proprio tornaconto economico personale. La salute di chi lavora in Ticino viene dopo…».

Proprio in seguito a questa ripresa, al Governo vengono quindi poste le seguenti domande:

  • La Regazzi SA ha richiesto l’autorizzazione a lavorare a partire dal 30 marzo 2020?
  • Come risaputo la Regazzi SA svolge lavori di metalcostruzione e in modo prevalente tapparelle. L’autorizzazione è stata data sulla base di quale motivo: urgenza, indispensabilità tecnica, preminente interesse pubblico, attività non procrastinabili?
  • La Regazzi SA ha fatto richiesta per crediti o fideiussioni concessi dalla Confederazione per il COVID-19.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 07:49:12 | 91.208.130.86