Tipress (archivio)
Il Centro Somen era già stato al centro di due interrogazioni di Matteo Pronzini.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Frana sulla strada per Mergoscia, disagi al traffico
La polizia ha momentaneamente chiuso la strada, in entrambe le direzioni
CANTONE
4 ore
Vandali in azione, ennesimo distributore K.O.
Ignoti hanno sventrato, e razziato, un altro distributore automatico
CANTONE
7 ore
Ecco le località in cui spunterà un radar
La polizia cantonale informa sui controlli di velocità previsti tra dal 17 al 23 agosto 2020
BIOGGIO
8 ore
Passeggiata con amara sorpresa
Non è il primo furto che avviene ai danni dei veicoli parcheggiati in zona Mulini
BREGGIA
8 ore
Acqua di nuovo potabile a Cabbio e Muggio
Si consiglia però di farla scorrere per cinque minuti in tutti i rubinetti.
CANTONE
9 ore
Lavori notturni (con deviazioni) allo svincolo di Bellinzona Sud
Inizieranno lunedì prossimo e dovrebbero terminare entro la metà di settembre.
ASCONA
9 ore
Soppressa la fermata Via Pancaldi Mola
Dal 17 agosto e fino a nuovo avviso
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
11 ore
Auto contro un muro: ferite serie per una 82enne
L'incidente ha avuto luogo oggi poco dopo mezzogiorno in via Ravecchia a Bellinzona
FOTOGALLERY
QUINTO
11 ore
La Nuova Valascia prende sempre più forma
Procedono spediti i lavori al cantiere della futura pista dell'Ambrì-Piotta.
CANTONE
12 ore
Vedeggio-Cassarate chiusa per 7 notti
Si tratta delle notti fra il 17 e 19 agosto e tra il 23 e il 28 agosto.
FOTO E VIDEO
CANTONE
14 ore
Otto modi per scoprire la biodiversità delle foreste ticinesi
Il DT lancia un video promozionale e otto percorsi didattici sulla scia dell’omonima campagna federale.
VIDEO
CANTONE
15 ore
«Meno fatica + attenzione»
È la nuova campagna di sensibilizzazione per chi si sposta in sella a un e-bike.
CANTONE
15 ore
Il Ticino registra tre nuovi casi di coronavirus
Da inizio settimana sono 17 i tamponi risultati positivi al Covid-19 nel nostro cantone
VIDEO
CANTONE
16 ore
Ragazzo di Cadenazzo aiuta un senza tetto
Il video "gira" su TikTok. Tutta scena? No. Chi lo ha realizzato, lo ha fatto col cuore.
CANTONE
18 ore
«Non ci sono dati che il virus è più debole. Usate le mascherine»
Cifre che dicono tutto e niente. Valanghe di interrogativi. E l'epatologo Andreas Cerny non ci tira certo su di morale.
CANTONE
18 ore
Il coronavirus colpisce i Bed&Breakfast
Raiffeisen: «Probabilmente molti alloggi sono stati riconvertiti in appartamenti in affitto».
MENDRISIO
18 ore
La prima cieca laureata USI «Io, salva grazie alla lettura»
Per Cecilia Soresina, non vedente dalla nascita, la lettura ha rappresentato molto più che una semplice passione:
CANTONE
1 gior
Canicola bye bye
Il rischio di una nuova ondata di calore viene definito «molto basso» dagli esperti di Meteosvizzera
CANTONE
1 gior
La "bonaccia" prima della tempesta
«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento
FOTO
CANTONE
1 gior
Gli avvoltoi monaci sono tornati, puntualissimi
La scorsa estate ne erano stati avvistati quattro esemplari, quest'anno ce n'è (per ora) uno in più.
LUGANO
1 gior
«Tanta tristezza, ma ci sono altre priorità»
Niente rally del Ticino a causa del Covid. La delusione degli ultimi vincitori, Andrea Crugnola e Moira Lucca.
CANTONE
1 gior
Test in tempo reale, ecco il dispositivo portatile
Il progetto si chiama MicroCoVSens ed è sviluppato da SUPSI, IOR ed EPFL.
CANTONE
1 gior
Meno criminalità transfrontaliera durante il lockdown
Il fenomeno è dovuto alle restrizioni di viaggio. Per Berna i controlli sistematici alla frontiera «non sono necessari»
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Settore sanitario: il Governo risponde picche a Carobbio e Marchesi
La prima chiedeva di formare più medici, il secondo di non essere dipendenti dalla manodopera estera.
CANTONE
26.02.2020 - 11:500

Centro Somen, l'MPS torna alla carica: «Siamo stati profeti?»

I deputati Lepori, Arigoni e Pronzini interpellano il Consiglio di Stato. Il caso di una paziente di 91 anni

BELLINZONA - Il Movimento per il socialismo torna nuovamente alla carica puntando il dito contro la «carenza di qualità» delle cure riscontrata presso il Centro Somen di Sementina, già oggetto di due interrogazioni firmate da Matteo Pronzini e risalenti rispettivamente ai mesi di marzo del 2018 e del 2019.

Il caso - «Siamo stati facili profeti?» scrivono oggi in un’interpellanza i deputati MPS, rivolgendo una nuova serie di domande al Consiglio di Stato accompagnate dalla segnalazione di un caso risalente allo scorso mese di ottobre. Nella fattispecie si parla del “soggiorno terapeutico temporaneo” di una paziente di 91 anni, che un paio di settimane dopo il ricovero ha iniziato ad accusare gravi problemi di salute.

«Assenza di reazione da parte del personale sanitario». Settimane di diarrea «dovuta ad un accumulo di lassativi». Acuti dolori alla schiena «trattati con delle semplici Dafalgan». Una situazione che «stava precipitando», ha spiegato la nipote dell’anziana che ha quindi convinto la prozia a farsi dimettere dal centro*.

Struttura e condizioni del personale - Alla luce della testimonianza i deputati Lepori, Arigoni e Pronzini hanno così deciso di interpellare nuovamente il Governo, chiedendo di quantificare il numero di ricoveri dal Centro Somen al pronto soccorso dell’Ospedale di Bellinzona dall’apertura del centro ad oggi, quanti di questi sono imputabili a «una presa a carico insoddisfacente/insufficiente da parte del medico del centro» e quanti pazienti hanno volontariamente abbandonato la struttura.

Sul tavolo l’MPS mette anche la questione della qualità del lavoro presso il Centro Somen, chiedendo al Consiglio di Stato se sia a conoscenza o meno delle «regolari vessazioni» subite dal personale e invitandolo a fornire le cifre sul numero di «malattie riconducibili al sovraccarico lavorativo/burnout» verificatesi dall’apertura della struttura.

*La testimonianza riportata dall'MPS

“Nel corso del mese di ottobre 2019 la mia prozia, classe 1928, è stata ospite del Centro Somen di Sementina per un cosiddetto “soggiorno terapeutico temporaneo”. Scopo del ricovero: rinforzare il suo stato di salute, farle “cambiare aria” e permetterle di approfittare quotidianamente di sedute di fisioterapia. 

Una premessa è d'obbligo: stiamo parlando di una donna che vive sola, capace di discernimento e perfettamente lucida mentalmente. 

Tutto si è svolto per il meglio fino a quando, dopo due settimane di permanenza al centro, la mia prozia ha iniziato ad accusare gravi problemi di salute. Lei che al momento dell'entrata nella struttura era in grado di camminare, si è trovata, incapace di alzarsi se non con l'aiuto di terzi, in preda ad acuti dolori alla schiena. 

Si dirà che lo stato di salute di una signora di 91 anni è precario, delicato, vulnerabile.  
Il problema è però un altro: l’assenza di reazione da parte del personale medico. 

Trattato con delle semplici Dafalgan il dolore non ha fatto che aumentare. Abbiamo più volte insistito affinché un medico la visitasse ed eseguisse degli accertamenti, ma il nostro desiderio è rimasto inascoltato. 

Indebolita da una diarrea inarrestabile durata settimane, la mia prozia ha inoltre dovuto combattere affinché la sua dieta venisse adattata al suo stato di salute. Finalmente annotata nella cartella clinica, la modifica non è però stata comunicata ai responsabili della mensa. Vedendosi servire lo stesso pasto degli altri ospiti, si è dunque rifiutata di mangiare ribadendo che le spettava un diverso menù. “Signora, ma lei deve mangiare, altrimenti non potrà prendere le medicine per la schiena”. Mangiare sì, ma cosa? Il buon senso, da solo, sarebbe bastato a capire che un minestrone non era certo l'opzione più adatta.

Dopo otto giorni di dolore, finalmente un medico è entrato in camera della mia prozia. Senza visitarla si è limitato ad indicare che:

  • la diarrea era dovuta ad un accumulo di lassativi
  • i dolori alla schiena erano dovuti al fatto che la paziente non dormiva sul materasso di casa sua
  • trovava inopportuno somministrarle antidolorifici più potenti per il rischio di stordimenti e cadute                                                                                      

Di punto in bianco e senza preavvisare nessuno, a mia prozia viene poi fatta una flebo per trattare l’osteoporosi. Questo trattamento viene eseguito dal suo medico di famiglia una volta all’anno, esclusivamente quando la paziente è in buona salute. Nel caso specifico si era deciso di non procedere al trattamento vista la sua incompatibilità con l’estrazione di un dente che la prozia avrebbe forse dovuto subire in primavera.

La situazione stava dunque precipitando, quando una ricerca online mi ha permesso di risalire alle sue due interpellanze al Consiglio di Stato.  Sono raggelata, quello a cui assistevamo era dunque prassi.

È soltanto leggendo ad alta voce le sue domande che sono riuscita a convincere i miei parenti a far dimettere volontariamente la prozia dal Centro Somen. Di questo la ringrazio di cuore.  

Una volta dimessasi, è stata visitata dal suo medico curante, che l’ha trovata molto debilitata. Completata la diagnosi con le radiografie del caso, è quindi stato costretto a prescriverle una cura a base di morfina per alleviare i lancinanti dolori, in effetti una vertebra risultava schiacciata!

Ha inoltre notato che il medico del Centro Somen le aveva prescritto ulteriori sedute di fisioterapia da effettuare dopo la dimissione, senza però indicare la diagnosi.  

Dopo tre settimane di cure adeguate al suo stato di salute la prozia che, piangendo, pregava per morire, è ritornata a star bene e, da pochi giorni, a vivere nel suo appartamento.

Questo, sommariamente, l’accaduto”. 

 

Le domande dell'interpellanza

  1. Quanti ricoveri dal centro Somen al PS dell’Ospedale di Bellinzona sono stati fatti dall’apertura del centro ad oggi? Quanti di questi sono imputabili ad una presa a carico insoddisfacente/insufficiente da parte del medico del centro?
  2. Quanti pazienti hanno volontariamente abbandonato la struttura, perché questa non rispecchiava nemmeno lontanamente le aspettative di cura?
  3. È a conoscenza che il personale curante del centro Somen (infermieristico in modo principale) venga regolarmente vessato dalla capo struttura, che ne sminuisce le funzioni, forte del fatto che un gruppo di assistenti di cura (stesso gruppo che si occupa di imporre i RAI) ne fa le veci in sua assenza, oltre a riportare tutte le azioni e lamentele compiute, in modo da rendere l’ambiente ancora più terrificante? Pensa che ciò, in base alla letteratura, possa aver delle conseguenze sulla qualità del lavoro del personale?
  4. Quante malattie riconducibili al sovraccarico lavorativa/burnout ci sono state dall’apertura del centro ad oggi? Pensa che ciò, in base alla letteratura, possa aver delle conseguenze sulla qualità del lavoro del personale? 
  5. È a conoscenza che il personale del centro Somen, indipendentemente dal fatto che sia o meno sottoposto alla Legge sul Lavoro, non abbia un locale pausa e di ristoro? Pensa che ciò, in base alla letteratura, possa aver delle conseguenze sulla qualità del lavoro del personale?
  6. È a conoscenza del fatto che la capo struttura provvede a cambiare i turni del personale senza informarlo e provvedendo ad ammonirlo verbalmente qualora non fosse d’accordo favorendo sempre alcune persone fedeli? Pensa che ciò, in base alla letteratura, possa aver delle conseguenze sulla qualità del lavoro del personale?
  7. Sa se degli enti esterni hanno proceduto a degli audit o inchieste sulla grave situazione di malagestione del personale del centro Somen?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:00:40 | 91.208.130.86