Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»
L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».
CANTONE / URI
2 ore
Intercettato un furgone ticinese fuori norma
La scorsa settimana la polizia urana ha effettuato una serie di controlli
GIUBIASCO
3 ore
Sit-in per i lavoratori di DPD: «Condizioni insostenibili»
Esponenti del mondo politico esprimono solidarietà: «Occorre una soluzione».
CURIO
3 ore
Riapertura anticipata per il Museo del Malcantone
Porte aperte dal 7 marzo a Curio e Caslano anziché attendere la domenica delle Palme
CHIASSO
5 ore
Tenta di attraversare la frontiera con cinque chili di eroina in auto
La droga era nascosta nel veicolo, con targhe tedesche, in panetti da 500 grammi
CANTONE
5 ore
Il Ticino spinge BPS Suisse a un 2020 da record
Nonostante l'anno particolare, sono aumentati sia il risultato d'esercizio che l'utile
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Con l'auto contro un palo
È successo nel primo pomeriggio di oggi lungo la tirata di Camorino
CANTONE
5 ore
Mendrisio, Riva San Vitale e Stabio insieme per il Laveggio
Il progetto di un parco del Laveggio è una misura prevista dal Programma di agglomerato di terza generazione.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
7 ore
Rapina in un distributore di benzina a Pedrinate
Due malviventi con il casco e armati di pistola hanno minacciato una commessa e un cliente facendosi consegnare i soldi.
BOSCO GURIN
8 ore
I comuni “riaprono” le piste a Bosco Gurin
È arrivato ampio appoggio anche dai privati, che daranno sostegno contro le «diatribe con Comune e Patriziato»
CANTONE
23.02.2021 - 12:350

Truffa crediti Covid-19, rinviati a giudizio i due imprenditori

Si profila il processo per i due italiani che ottennero illecitamente crediti per oltre un milione e mezzo di franchi.

Nei loro confronti il procuratore pubblico Daniele Galliano ipotizza i reati di ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti. Rischiano fino a cinque anni di carcere.

BELLINZONA - Sono stati rinviati a giudizio i due imprenditori italiani arrestati lo scorso mese di gennaio per aver ottenuto illegalmente oltre un milione e mezzo di crediti Covid-19 dalla Confederazione. 

Il procuratore pubblico Daniele Galliano - come anticipato dalla Rsi - ha infatti chiuso negli scorsi giorni l'incarto relativo alla truffa. Per i due imputati, che si trovano tuttora in prigione, si profila quindi il processo. I due imprenditori rischiano dai due ai cinque anni di carcere per i reati di ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti. 

I due truffatori sono infatti gravemente sospettati di aver fornito - a più riprese nel corso della seconda metà del 2020 - false informazioni con bilanci alterati al fine di ottenere più crediti garantiti dalla Confederazione di quelli che avrebbero avuto diritto. Il denaro sarebbe poi stato utilizzato per scopi estranei a quanto stabilito dall'Ordinanza federale sulle fideiussioni e in particolare per far fronte a spese personali. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 1 sett fa su tio
A parte i truffatori italici è da un po’ che mi sorge una domanda: ma alla fine dei 5 anni quanti saranno in grado di restituire il prestito? È solo una domandina che vale solo per il nostro cantone 1,3 miliardi, non proprio noccioline.
pillola rossa 1 sett fa su tio
@F/A-19 Il debitore è uno schiavo senza catene
ugo202230 1 sett fa su tio
Bene, queste pseudo persone devono essere messe in mutande, rispedite a casa loro e private di tutto. Sono esseri indegni, rubare sulla salute è da vigliacchi. Non aggiungo altro, dico solo pene più severe per chi specula sulla salute.😡😡🤬🤬🤮🤮
Evry 1 sett fa su tio
le nostre autorità..... e funzionari.... hanno fallito totalmente REGALANDO dei contributi dei cittadini !!! senza chiedere nessun documento di garanzia e con tanta ingenuitä !! bravi..... si dovrebbe far pagare il danno a chi ha concesso i crediti a occhi chiusi ¨speriamo
dan007 1 sett fa su tio
Vengo da noi e fanno come in Italia scandaloso
dan007 1 sett fa su tio
E a noi aziende serie niente aiuti per motivi diversi grazie mille
Güglielmo 1 sett fa su tio
2 italiani!? ma che caso isolato....
Tato50 1 sett fa su tio
@Güglielmo Gli altri non li hanno ancora presi ;-))))
F/A-19 1 sett fa su tio
E li vogliamo ancora chiamare imprenditori? Questi truffatori pensavano di essere ancora in’Italia invece: sorpresa, mamma Svizzera li ha impacchettati.
seo56 1 sett fa su tio
Vergognoso!!
Roger1980 1 sett fa su tio
Ero convinto fossero stati 2 Svedesi 🤷‍♂️

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 20:09:40 | 91.208.130.87