rescue media
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
La base PLR conferma i vicepresidenti Gianora, Martinenghi, Meier e Nacaroglu
Nel suo intervento politico, Speziali ha toccato qualche tema d'attualità. Come l’approccio all'emergenza Covid.
LUGANO
3 ore
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
4 ore
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
5 ore
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
FOTO
AIROLO
6 ore
Perde il controllo, prende l'uscita sbagliata e si incaglia nella rete di protezione
È successo questa notte a Stalvedro, per rimuoverla è stato necessario l'intervento di un carro attrezzi
CANTONE
6 ore
I nostri vaccini sono nelle loro mani
Il preparato Pfizer/BioNTech viene trasportato a una temperatura di -75°C dalla ditta Galliker, con sede a Sant'Antonino.
CANTONE
16 ore
Da consigli «scandalosi» a nessun accenno alla violenza sessuale
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" critica la difficoltà delle forze dell’ordine nell’identificare misure di prevenzione
FOTO
LUGANO
17 ore
Ragazzo aggredito da tre uomini in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
19 ore
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
CENTOVALLI
19 ore
Nuovo smottamento, detriti sulla strada
A Camedo il terreno cede ancora. Popolazione preoccupata e operai al lavoro.
CARÌ
20 ore
Sciatore fuori pista provoca una valanga e viene travolto
L'uomo è stato trasportato in ospedale dalla Rega
CANTONE
22 ore
Elemosina e diritti dell'uomo: «La legge va cambiata»
Fabrizio Sirica chiede l'intervento del Consiglio di Stato alla luce della condanna alla Svizzera da parte di Strasburgo
LUGANO
24.11.2020 - 19:400
Aggiornamento : 22:55

«Questa aggressione si ricollega ai casi in Francia e a Morges»

Le Autorità fanno il punto sul presunto attacco di matrice terroristica verificatosi alla Manor.

La donna, fanno sapere, era nota alla polizia e avrebbe seguito un percorso di radicalizzazione.

LUGANO - Era conosciuta alla polizia giudiziaria, e avrebbe avuto un percorso di radicalizzazione. Sul fatto che la 28enne abbia gridato "sono dell'Isis" o "Allah akbar", invece, non sono state date conferme. Nel corso dell'info point tenutosi a Bellinzona, tra gli altri, il Presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, e il Comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi hanno cercato di fare il punto (almeno per quanto possibile) sui fatti verificatisi nel pomeriggio alla Manor di Lugano.

Conclusioni premature - Sull'esatta dinamica dell'aggressione «è prematuro trarre delle conclusioni», ma «gli accertamenti procedono alacremente» ha spiegato il portavoce della Polizia cantonale Renato Pizzolli.

«Elementi gravi e importanti» - «Il dispositivo di sicurezza si è messo in moto immediatamente», ci ha tenuto a sottolineare Gobbi, che ha espresso anche solidarietà per le vittime, e ha ringraziato i due cittadini che hanno immobilizzato la donna. «La convivenza pacifica è il primo obiettivo di chi governa un paese, condanniamo ogni forma di violenza fisica», ha aggiunto sottolineando come sia la prima volta che si attiva l’attività inquirente federale. «Questo è un indizio che ci sono elementi importanti e gravi».

«Un evento del genere, se confermato il legame terroristico, può toccare qualsiasi paese occidentale - ha poi concluso -. Per il Ticino, tuttavia, sarebbe la prima volta. 

«Minaccia sempre presente» - Il comandante Cocchi, invece, ha voluto sottolineare come la reattività sia stata centrale in questo frangente. «Abbiamo reagito prontamente, e ringraziamo i cittadini per essere intervenuti. Purtroppo la minaccia terroristica è sempre presente. L'importante è mantenere alta la guardia soprattutto in questo periodo delicato di pandemia». «La collega Nicoletta della Valle, della Procura federale, è stata prontamente coinvolta - ha poi concluso -. Abbiamo dimostrato una professionalità accresciuta, e questo fatto conferma che quanto costruito negli anni è importante e funziona».

«Si ricollega ai casi in Francia e a Morges» - La stessa Della Valle, direttrice dell'Ufficio federale di polizia, ha voluto aggiungere le sue impressioni: «Questa aggressione non mi sorprende. Si ricollega ai casi in Francia e a Morges, in Svizzera. Desidero ringraziare i colleghi ticinesi per la cooperazione. Fedpol indaga su incarico dell'Mpc in collaborazione con la polizia ticinese».

Quindi ha concluso: «È troppo presto per confermare legami con altri casi. È troppo presto per dire di più».

Sono vicino alle vittime di questo grave gesto di violenza e alle persone che hanno dovuto assistere all’accoltellamento...

Pubblicato da Norman Gobbi su Martedì 24 novembre 2020
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 14:38:56 | 91.208.130.89