Tio/20Minuti
Matteo Cocchi, comandante della Polizia cantonale, brinda con pompieri e autorità.
ULTIME NOTIZIE Ticino
TICINO/GRIGIONI
4 ore
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
4 ore
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
TICINO/GRIGIONI
5 ore
Cadono sassi sulla strada del Passo del Lucomagno
Proprio in giornata da quel punto era transitata la carovana ciclistica del Tour de Suisse.
CANTONE
8 ore
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
CANTONE
9 ore
Tre no e due sì dal Ticino
Le urne hanno respinto la legge sul Co2 e le iniziative agrarie. Favorevoli invece alla legge Covid e di polizia.
LUGANO
11 ore
Demolizione ex Macello, spunta un'altra telefonata
La polizia avrebbe chiamato un impiegato comunale tra le 20.00 e le 20.30.
CANTONE
13 ore
Prima notte tropicale e oggi qualche ora di canicola
Nel pomeriggio sono attese temperature massime fino a 34 gradi.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
14 ore
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina nella cantina di una palazzina di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
14 ore
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
15 ore
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
16 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
1 gior
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
1 gior
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
CANTONE
14.07.2020 - 11:020
Aggiornamento : 12:43

La Centrale Comune d'Allarme adesso è quasi a 360 gradi

Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.

Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato: «Importante unire nel medesimo luogo gli enti di primo intervento». Il "collega" Christian Vitta: «Sempre più performanti».

Una svolta cruciale per la Centrale Comune d'Allarme, situata a Bellinzona. Il luogo in cui confluiscono tutti i numeri di emergenza. Oltre a organi come la Polizia cantonale o le guardie di confine, ora anche i pompieri, con il numero 118, finiscono sotto lo stesso tetto. «È importante unire nel medesimo luogo le centrali di allarme e operative degli enti di primo intervento», ha spiegato ai media Norman Gobbi, presidente del consiglio di Stato e direttore del Dipartimento delle istituzioni. Gobbi aggiunge: «Negli ultimi anni stiamo facendo ampi sforzi per dotare la Polizia cantonale delle migliori strutture e per garantire la sicurezza in Ticino».

Tempestività ed efficienza – Christian Vitta, direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia, rafforza questo concetto. «Dallo scorso primo di luglio, il 118 è presente presso la Centrale. Quando si parla di richiesta di soccorso, tempestività ed efficienza devono essere imperative. Anche per dare sicurezza ai cittadini. Grazie all'introduzione di questo nuovo tassello, è nata una vera e propria cittadella della sicurezza. Risponde anche a una precisa volontà del Consiglio di Stato. I tempi di intervento saranno compressi. Anche per i pompieri, la gestione quotidiana degli allarmi sarà ulteriormente migliorata. Saranno quindi ancora più performanti».

Miglioramento della qualità – Corrado Tettamanti, presidente della Federazione pompieri Ticino, sottolinea: «Questo è un passo verso un miglioramento della qualità delle prestazioni fornite al cittadino e al territorio. Si tratta di avere un coordinamento immediato con uno dei maggiori partner nell'ambito della protezione della popolazione. Ci sono stati messi a disposizione strumenti innovativi». 

Oltre 400.000 chiamate all'anno – Interviene anche Matteo Cocchi, comandante della Polizia cantonale. «Festeggiamo l'arrivo di un nuovo membro all'interno della nostra Centrale. Un luogo che, nell'ultimo periodo, a causa del Covid-19, ci ha messi a dura prova. L'attività della Centrale è comunque aumentata col tempo, gestiamo circa 400.000 chiamate all'anno. Con l'arrivo del 118, avremo circa 35.000 chiamate annue in più. Ecco perché sono stati assunti tre nuovi collaboratori. Da qualche mese abbiamo anche assunto un nuovo tecnico che ci supporta dal profilo informatico». 

In arrivo pure il 144 – In futuro presso la Centrale di Bellinzona dovrebbe arrivare anche il 144. Vale a dire l'ambulanza, attualmente ancora a Breganzona. Gobbi conclude: «Quando una persona chiama i pompieri, compone il 118. Ma poi spesso deve intervenire anche la polizia. In seguito, forse, pure l'ambulanza. Un sistema come quello che stiamo mettendo in atto, permette un coordinamento ottimale tra i vari enti».

  

Tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 11 mesi fa su tio
Che il 144 sia a Breganzona o a Bellinzona cambia poco. La professionalità di questa centrale, riconosciuta a livello svizzero, è di tutt'altro livello rispetto a quella pomposamente pubblicizzata in questi giorni. A parte la struttura il personale che risponde è sempre lo stesso, e chi ha avuto a che fare , ricorda sicuramente le risposte ottenute. Una centrale di allarme non deve solo prendere nota di cosa fare, ma importantissimo è dare il supporto telefonico , nell'attesa dell'arrivo dei soccorritori: è in questi momenti che si possono fare ulteriori disastri. È per`strano che il cantone abbia nuovamente investito un pacco di soldi in una struttura , che con l'informatica può benissimo essere decentrata e separata.Purtroppo continua la volontà di voler concentrare tutto in un posto unico, dove l'assembramento di competenze poterà solo confusione. Chi opera sul terreno ben lo sà.
Tato50 11 mesi fa su tio
@@@@Luca Capoferri Se ti brucia la casa chiama "telefono amico" -;(( Non ti hanno invitato che sei così polemico? -;(((
50bmg 11 mesi fa su tio
Il 144 ha da sempre fornito, pur essendo centrale singola, un servizio di una qualità che 118 e 117 può solo sognare. Il motivo principale è molto semplice. Chi risponde è, al minimo, un soccorritore. Nulla da togliere agli operatori che si fanno in mazzo in Cecal (e si sono fatti il mazzo a Lugano nella "vecchia" CeCal118) ma si nota eccome, quando chi gestisce la telefonata è un pompiere.... Le misure immediate che un pompiere può consigliare, le informazioni in più che andrà a raccogliere dopo aver mobilitato e che comunicherà al Capo Intervento...cose che con tutta la buona volontà che può avere, un operatore chiamiamolo laico, non può sapere.
Cash596 11 mesi fa su tio
In realtà anche il 144 funge da unico numero di emergenza. Una volta uno degli operatori mi ha raccontato che se chiami ad esempio il 118 o il 117 loro ti mandano i pompieri, rispettivamente la polizia. Invece se chiami il 144, oltre a mandarti l'ambulanza, possono mandarti di tutto, dalla polizia alle unità di intervento in caso di aree tossiche o contaminate. Mi ha consigliato che se hai bisogno di più unità di soccorso chiami il 144: con una chiamata loro possono inviarti tutto anche pompieri o rega.
Zarco 11 mesi fa su tio
Per una volta Gobbi, fatto una buona cosa ...
Numeri primi 11 mesi fa su tio
Dopo anni di discussioni finalmente stiamo per arrivare a fare la quadratura del cerchio con l’arrivo del 144 avremo in Ticino finalmente una struttura all’avanguardia nell’organizzazione del primo intervento. Complimenti a tutti gli attori che hanno creduto in questo progetto investendo molte energie per raggiungerlo.
Gio 11 mesi fa su tio
@Numeri primi In pratica il 144 diventa il numero di riferimento per gli "allarmi", scritto in parole povere ? Leggo giusto ? il 144 ticinese sarebbe il 11 di cui sotto, corretto ?
Gio 11 mesi fa su tio
Ottima iniziativa. Ora introduciamo un numero unico facile da ricordare che permetta di raggruppare anche le necessità, tipo 111. Tanto il centralino delle informazioni non esiste più. Bravi tutti e buon lavoro !!!
Tenero72 11 mesi fa su tio
@Gio in realtá il numero unico d’emergenza c’é, é il 112, ed é attivo sia in Svizzera che nel resto Europa.
Gio 11 mesi fa su tio
@Tenero72 Grazie, non lo sapevo !!! Ottima risposta, ti ringrazio di cuore !!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 00:50:16 | 91.208.130.85