Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE/ITALIA
15 min
La ticinese Elly Schlein è la più votata in Emilia Romagna
Diverse le esperienze politiche già messe alle spalle, anche in ambito europeo
BELLINZONA
2 ore
Sacchi sul Viale, pochi i trasgressori: «Per loro 200 franchi di multa»
Il capo-dicastero Christian Paglia traccia un bilancio positivo a 8 mesi dall’introduzione dei cassonetti interrati nel centro storico: «Prossimi passi Bellinzona e Giubiasco. Poi tutti i quartieri»
CANTONE
3 ore
«Ridiamo vita ai nuclei tradizionali»
Il PLR, con un'iniziativa parlamentare, chiede d'introdurre degli incentivi finanziari per sostenere i lavori di restauro degli edifici
CANTONE
4 ore
Sei stato in Cina e non stai bene? «Non andare dal medico, chiamalo»
Arrivano le raccomandazioni del DSS che nel contempo rassicura la popolazione sul coronavirus: «Al momento non c'è da preoccuparsi»
CANTONE
4 ore
«L'alcol non è Satana, meglio educare che proibire»
Per Andrea Conconi, direttore Ticinowine, la nuova legge sulla vendita delle bevande alcoliche penalizza fortemente il settore vinicolo. E non solo
BELLINZONA
4 ore
Un educatore di strada contro il disagio giovanile
Ne chiede l’introduzione una mozione indirizzata all’Esecutivo bellinzonese
LUGANO
5 ore
Le aziende si incontrano a Spazio Ticino
Saranno tre le macro aree tematiche: Marketing, comunicazione e formazione; Forniture, logistica e servizi; MICE ed eventi
LUGANO
5 ore
Niente allarmismi se vedete del fumo nella Vedeggio-Cassarate
Nella notte tra mercoledì e giovedì verrà eseguito un test per collaudare gli impianti di ventilazione e antincendio
LUGANO
6 ore
«Cosa fa la città per la mobilità pubblica?»
Paolo Toscanelli, Urs Lüchinger, Rupen Nacaroglu e Peter Rossi hanno presentato un'interpellanza al Municipio
CONFINE
6 ore
A Como e Varese tornano i divieti anti smog
Da domani saranno attivate misure temporanee come l'obbligo di spegnimento dei motori in sosta o il divieto di accensione fuochi all'aperto
CANTONE
6 ore
Il SISA dice no alla «sussidiarietà nella costituzione»
Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti trova che un'approvazione il prossimo 9 febbraio «aprirebbe scenari preoccupanti»
LUGANO
7 ore
Le tasse di cancelleria «sono da abbassare»
Lo propone il gruppo UDC in Consiglio comunale per mezzo di un'interpellanza
CANTONE
15.01.2020 - 09:280
Aggiornamento : 16.01.2020 - 17:23

Le luci rosse tremano. La metà dei locali erotici a rischio chiusura?

Il tempo concesso ai postriboli ticinesi per adeguarsi alle nuove normative è scaduto. Al momento sono quattro le attività riuscite a mettersi in regola. Sette invece gli appartamenti notificati

LUGANO - Le luci rosse nostrane tremano e, in molti casi, potrebbero spegnersi a breve. Il tempo concesso dal Cantone ai postriboli ticinesi per adeguarsi alle nuove normative è scaduto il 31 dicembre. Questo significa che, con il nuovo anno, i locali dovrebbero essersi messi in regola con la licenza edilizia (che conferma il passaggio a locale erotico), ma anche con la tassa forfettaria giornaliera di 25 franchi a carico delle ragazze (che deve essere incassata dai gestori stessi per essere poi riversata allo Stato). Il condizionale è d’obbligo visto che, in molti casi, l’adeguamento non è avvenuto.

Se è vero che c’è chi fa vanto, sulla propria pagina web, dell’ambito “riconoscimento”, molti non sembrano essere riusciti a virare nella direzione voluta dal Cantone. Direzione che, oltre ai due punti sopra descritti, vuole anche che la chiusura dei postriboli sia anticipata dalle 5 alle 3, che vi sia un gerente (laddove il locale contempla anche un bar), ed infine che vengano distribuiti gratuitamente i “ferri del mestiere” (i profilattici) alle operatrici del sesso.

Oceano: «Noi in ordine» - A rispettare ciascun punto sembra essere, ad esempio, l’Oceano di Pazzallo. Sul sito web fa bella mostra di sé una coccarda dorata con sotto scritto: «Il primo locale erotico in Ticino a ottenere la licenza in conformità con la nuova legge sulla prostituzione, in vigore dal 2020!». Contattato, l’amministratore del noto locale a luci rosse conferma: «Siamo in ordine con la licenza e da questa settimana iniziamo il prelievo giornaliero dei 25 franchi». E sulla distribuzione dei preservativi? «Anche lì è tutto in ordine», ci viene assicurato. 

«Ci vogliono far chiudere» - Altri locali, contattati al telefono, non mostrano lo stesso entusiasmo. Uno fra tutti il Bamboo (ex Corona) di Pambio-Noranco. «È un casino. E al Cantone sembra esserci solo confusione», esordisce un responsabile. «Chiediamo i controlli per poter arrivare all’autorizzazione, ma siamo in una situazione di stallo - prosegue -. Il Comune non risponde sulla domanda di costruzione e abbiamo dovuto sospendere il servizio bar per evitare di dover assumere un gerente. Questa legge non è stata fatta per regolamentare, ma per far chiudere i locali».

I problemi, però, non sembrano essere legati solo alla domanda di costruzione: «Non parliamo poi del prelievo della tassa, a ragazze indipendenti, da parte nostra. O della distribuzione dei preservativi. È come se il Fox Town distribuisse i rulli per gli scontrini ai negozi. Il profilattico è una cosa intima, uno strumento del loro lavoro. Intanto abbiamo dovuto lasciare a casa 4 persone. E sostituito con dei distributori automatici il bar. Ma entro la fine del mese ci attendiamo la visita del Cantone».

Al Bamboo si sono già fatti due conti in tasca: «Ci faranno chiudere. E ci toccherà ricorrere al Tribunale federale. E poi? Il mancato guadagno chi ce lo restituisce? Questa attività porta dai 150 ai 250 mila franchi al mese. Sembrava dovessero combattere la prostituzione negli appartamenti, invece questi ci sono ancora e noi stiamo per finire gambe all'aria».

Adattamenti in corso - In realtà, come precisano dalla Polizia Cantonale, per quanto riguarda gli appartamenti, «sette sono già stati notificati come tali e dunque non necessitano dell’autorizzazione quali locali erotici».

Per quanto concerne quest’ultima tipologia di esercizio, invece, «sono quattro (su circa una decina sul territorio ticinese n.d.r) quelli che hanno già potuto ottenere l’autorizzazione e sono in corso delle procedure autorizzative per altri locali erotici che seguono la tempistica dell’iter amministrativo e che coinvolgono diverse autorità cantonali e comunali».

I controlli su queste strutture? «Saranno eseguiti dopo l’indispensabile periodo di adattamento - garantiscono le Autorità -. Eventuali provvedimenti nei loro confronti saranno intimati a tempo debito a garanzia di quanto la Legge cantonale sull’esercizio della prostituzione intende proteggere (ordine pubblico e protezione dallo sfruttamento di esseri umani).

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 20:21:39 | 91.208.130.87