ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Tokyo? No, Lugano all'ora di punta
Attualità
1 ora
"Opera per tutti" e "Tristar Triathlon Lugano", chiuse alcune strade
SANT’ANTONINO
1 ora
Prezzi italiani in Ticino: «Il test sta dando buoni frutti»
CANTONE / GRIGIONI
11 ore
Il Passo del Lucomagno è stato riaperto
CANTONE
11 ore
Un futuro più digitale per la SUPSI
LUGANO
13 ore
Quando vivevamo senza fili
LUGANO
13 ore
LAC: cibo, bevande e pulizie cambiano mano
LUGANO
14 ore
Tamponamento a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
14 ore
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
14 ore
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
14 ore
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CANTONE
15 ore
Il comitato del Kiwanis si rinnova
CANTONE
15 ore
«La dott.ssa Lesmo non è contraria ai vaccini. Ha vaccinato i suoi figli»
MASSAGNO
15 ore
I sindacati contro il CdT: «I vertici non hanno voluto incontrarci»
MENDRISIO
16 ore
Festa della Musica, tante luci e qualche ombra (sul futuro)
CONFINE / CANTONE
12.06.2019 - 08:330
Aggiornamento : 12:31

Alessandro Proto in manette

L'imprenditore milanese è accusato di truffa pluriaggravata ed autoriciclaggio

COMO - Alessandro Proto, divenuto celebre anche in Ticino per diverse "fake news" che riguardavano star hollywoodiane, è stato arrestato questa mattina  dai finanzieri del Comando Provinciale di Como.

Il comunicato della Guardia di Finanza riporta solamente le sue iniziali A.P., ma gli indizi che portano al noto imprenditore sono molteplici: 44enne, milanese e già noto alla stampa nazionale e internazionale per «aver millantato affari immobiliari con personaggi di fama mondiale».

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il caso di una donna che lo ha denunciato per una truffa di 130.000 euro. «A.P - si legge nella nota della Guardia di Finanza - ha sfruttato le critiche condizioni di salute della donna», che soffre di gravi problemi fisici e psichici, «riuscendo ad appropriarsi di circa 130.000 euro». La vicenda era stata resa pubblica nell’ambito di un'inchiesta condotta dalle "Iene".

Gli approfondimenti investigativi hanno poi permesso ai finanzieri di accertare la fondatezza delle dichiarazioni fornite dalla donna, di ricostruire i dettagli della vicenda e di raccogliere numerose prove.  Il denaro, secondo la Guardia di Finanza, era stato investito da Proto su siti di gioco online.

Contro l'imprenditore - già gravato da diversi precedenti penali per truffa e violazioni finanziarie e che nel dicembre del 2017 aveva ricevuto un divieto di entrata in Svizzera valido fino al 2022 - il GIP di Como, che ha emesso il provvedimento, ha delineato i reati di truffa pluriaggravata (per via delle gravi condizioni di salute fisica e psichica della vittima) ed autoriciclaggio.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 07:34:07 | 91.208.130.87