Cerca e trova immobili

CANTONE«La scuola ha fatto uscire il Ticino dalla povertà. Difendiamola»

27.05.24 - 16:31
Diversi enti hanno lanciato oggi un appello contro i tagli al personale scolastico e sociosanitario.
Ti-Press
Fonte CCG
«La scuola ha fatto uscire il Ticino dalla povertà. Difendiamola»
Diversi enti hanno lanciato oggi un appello contro i tagli al personale scolastico e sociosanitario.

BELLINZONA - «Nell'800 un Ticino poverissimo aveva deciso di investire nella scuola per aiutare bambini, giovani e famiglie a uscire dalla povertà finanziaria e morale. La storia ha dato ragione alla politica di allora. Oggi stiamo per compiere il passo contrario, adottando un precedente preoccupante». È con queste parole che diversi enti - il primo firmatario CCG (Conferenza Cantonale dei Genitori) insieme a Pro Juventute Svizzera Italiana, Pro Familia Svizzera Italiana, VASK TICINO (Associazione familiari e amici delle persone con disagio psichico), ATGABBES (associazione ticinese di genitori e amici dei bambini bisognosi di educazione speciale), ASPI (Fondazione della Svizzera italiana per l’Aiuto, il Sostegno e la Protezione dell’Infanzia), ATFMR (Associazione Ticinese Famiglie Monoparentali e Ricostituite), ATFA (Associazione Ticinese Famiglie Affidatarie), ADAT (Associazione DSA e ADHD Ticino), FAMIGLIE ARCOBALENO (Associazione genitori omosessuali), FAFTPLUS (Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus) e CEMEA (Centri d’esercitazione ai metodi dell’educazione attiva) - chiedono alla politica «di rinunciare ai tagli di personale nel settore scolastico e sociosanitario» e che in futuro le decisioni che riguardano compiti pubblici essenziali per la popolazione, «maturino sempre attraverso iter basati su analisi approfondite» e «un dibattito pubblico informato» che includa le parti interessate.

Gli enti criticano, ovviamente, il taglio al personale scolastico e sociosanitario deciso dal Gran Consiglio per risanare le finanze cantonali a partire dal 2024. «Toglie - sottolineano - risorse alla scuola pubblica, che deve rispondere ai bisogni di tutti gli allievi, anche di quelli con bisogni particolari, e al settore sociosanitario, che deve avere risorse adeguate alla presa a carico dei giovani con gravi problemi di salute mentale».

Per la Conferenza Cantonale dei Genitori e gli altri firmatari, quello compiuto dal Parlamento è «un passo nella direzione sbagliata», perché in questi ambiti «ogni mancata risposta a bisogni quotidiani essenziali aumenterà difficoltà e sofferenze tra le famiglie, peggiorando la qualità di vita della società ticinese». «Siamo già una regione fortemente anziana e con bassa natalità, non ci possiamo permettere di diventare meno attrattivi per giovani e genitori», precisano gli enti che hanno sottoscritto questa presa di posizione. «L’incertezza sulla disponibilità di risorse pubbliche nello Stato, sui contenuti e l’esito delle future discussioni sul preventivo 2025 e possibili ulteriori tagli a servizi essenziali per le famiglie - rincarano la dose - è fonte di ulteriore preoccupazione e deve far riflettere tutti. I firmatari del presente appello pubblico chiedono a politica e istituzioni un ripensamento immediato, e che in nessun caso si risanino le finanze a spese dei più deboli».

Gli enti concludono ricordando che i compiti pubblici essenziali «non possono essere oggetto di decisioni lineari o repentine», ma bensì «poggiare su analisi, ascolto e un dibattito pubblico informato che comprenda l’interesse generale e i bisogni della popolazione».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

M70 3 sett fa su tio
i tagli in questo settore sono sbagliati...poi si regalano migliardi ...il Ticino è tornato nella povertà grazie alla politica che continua a preferire il frontalierato invece che la manodopera indigena..che è formata ed ha voglia di lavorare..ma continuano con la scusa che non trovano manodopera formata...strano ...ce ne sono tanti che entrano ..senza diploma e alcuni non sanno neppure parlare ..ma hanno un lavoro..

core_90 3 sett fa su tio
Risposta a M70
Mah sinceramente di indigeni che hanno voglia di lavorare non ce ne sono così tanti nel mio ramo. Meno male che ci sono i frontalieri

Jocaalje 3 sett fa su tio
Risposta a core_90
M70: è diventato da frontaliere a residente ? 😂😂😉😉

Voilà 3 sett fa su tio
Risposta a core_90
E da quale ramo ciguetti?

Rosso Blu 3 sett fa su tio
Ridicoli e poco credibili. Forse è un pesce del primo aprile

G 3 sett fa su tio
Non esageriamo… 😎

comp61 3 sett fa su tio
perfetto!!! Ora per fare lo spazzino serve la laurea!!! Good job!!

Webster 3 sett fa su tio
Guardando oggi il Ticino non mi sembra che sia uscito dalla povertà....era uscito dalla povertà e ci è ritornato grazie ai nostri lungimiranti governanti!
NOTIZIE PIÙ LETTE