Cerca e trova immobili

PARADISOCarovita, Unia: «Il Municipio di Paradiso non ha applicato il rincaro»

27.07.23 - 14:18
Pesanti le critiche del sindacato nei confronti del Municipio di Paradiso. «Ai salari dei dipendenti manca il 3,1% di rincaro»
foto TIO
Carovita, Unia: «Il Municipio di Paradiso non ha applicato il rincaro»
Pesanti le critiche del sindacato nei confronti del Municipio di Paradiso. «Ai salari dei dipendenti manca il 3,1% di rincaro»

PARADISO - «Ai salari dei dipendenti manca il 3,1% di rincaro, ottomila e trecentoquarantasei franchi, che se non si interviene si accompagna per tutta la vita. Abbiamo calcolato 200 lavoratori cui la misura non è stata applicata: ciò significa che il Municipio di Paradiso ha risparmiato mezzo milione di franchi».

È Matteo Poretti, funzionario UNIA, a presentare insieme a Vincenzo Cicero (responsabile Sezione Sottoceneri) il quadro dei mancati versamenti legati all'adeguamento del carovita che risulta dai loro conti.

«Nel 2023 il Municipio l'ha dato - ha detto Poretti nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina nella sede UNIA di Manno - ma non nel 2018 e 2019. Nel 2022 ha corrisposto solo lo 0,4, quando il rincaro ufficiale era di 1,7».  

La compagine sindacale ha quindi chiesto chiarimenti al Municipio. La risposta? «Che era tutto a posto. Addirittura in una lettera che ci hanno inviato scrivono che loro applicano il regolamento cantonale e non quello del ROD (Regolamento organico dei dipendenti): una spiegazione che non sta nè in cielo nè in terra. Nella stessa lettera sono contenute affermazioni che contestiamo perché non si possono interpretare a piacimento le scale dell'inflazione».

C'è un'altra questione sollevata da Poretti: «È la mancata emissione di una decisione formale da parte dello stesso Municipio - ha detto - che non ci permette di fare ricorso. Così ci siamo appellati al Consiglio di Stato perché a nostro avviso sussiste il diniego di giustizia. Insomma qui si infrange la Costituzione!».

È toccato al collega Cicero ripercorrere un pò i rapporti non sempre idilliaci tra la compagine sindacale e il Municipio di Paradiso, il cui culmine è stato raggiunto in occasione del noto presidio del 25 ottobre del 2021 e sulla quale pende anche una denuncia penale per coazione: «La nostra presenza quel giorno era a sostegno dei lavoratori - ha spiegato - e non è mai stata accompagnata da dichiarazioni roboanti o tese a inasprire i toni: anzi abbiamo sempre cercato di trovare delle soluzioni e percorso la via del dialogo, ma senza esito».

Cicero ricorda che il sindacato all'epoca era sceso in campo «per via delle continue aperture di procedure amministrative anche per piccoli fatti, come ad esempio l'avere terminato di tagliare l'erba del giardino un'ora dopo. Vorrei ricordare - ha sottolineato - che il tribunale ci ha dato ragione quando abbiamo chiesto il reintegro di un operaio che era stato licenziato e che fa parte del gruppo di lavoratori delle squadre esterne e che grazie al nostro intervento il Municipio ha provveduto a stabilizzare 21 posizioni contrattuali che andavano avanti a suon di rapporti a tempo determinato: uno di questi addirittura era all'undicesimo rinnovo!».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

UtenteTio 8 mesi fa su tio
Nemmeno il mio comune ha dato il carovita, chi lo ha detto che è obbligatorio? Come non è obbligatorio adeguare gli stipendi di altre professioni, nella "mia" azienda sono anni che non ci sono aumenti e lo trovo giusto, chi piange che vada pure, nessuno è indispensabile, visto che alcuni hanno il mal di schiena cronico per fermarsi anche solo 30 minuti o venire al sabato quando serve.

F/A-19 8 mesi fa su tio
Risposta a UtenteTio
Per me quei soldi sono dovuti, specialmente in un comune ricco, poi eticamente certe ricchezze si potrebbe anche fare a meno di averle.

Voilà 8 mesi fa su tio
Grave che un comune, non povero, tratti in quel modo i propri dipendenti e che possa tranquillamente infrangere la legge.

F/A-19 8 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Mah, mi sa che in quel comune vi siano cose ancora più gravi, basterebbe vedere la provenienza e sopratutto la fedina penale di chi si è insediato negli ultimi anni. Va beh che chi investe e porta soldi è sempre bene accetto ma ricordiamoci anche cosa dissero due illustri personaggi scomparsi ingiustamente che di cognome facevano Falcone e Borsellino.

Budda 8 mesi fa su tio
Ma questi due pensano di avere inventato l'acqua calda. Uno sicuramente frontaliere ( anche il sindacato non trova personale specializzato sul nostro territorio ahimé! ) mentre l'altro si era già fatto conoscere a più riprese per le sue posizioni diversamente intelligenti.

Capra 8 mesi fa su tio
Risposta a Budda
Budda! Poretti famosissimo sul PSE 😃😃😃😃sconfitta 🎂
NOTIZIE PIÙ LETTE