LOCARNOCorse in salita e grandi campioni: l’Unione motoristica locarnese compie 100 anni

28.11.22 - 11:43
Il gruppo, oggi, si dedica soprattutto al mototurismo. «È un modo per stare insieme e ritrovarsi dopo il Covid»
Unione motoristica locarnese
Corse in salita e grandi campioni: l’Unione motoristica locarnese compie 100 anni
Il gruppo, oggi, si dedica soprattutto al mototurismo. «È un modo per stare insieme e ritrovarsi dopo il Covid»

LOCARNO - Non è da tutti riuscire a raggiungere il felice traguardo delle cento candeline. Per questo l’Unione motoristica locarnese ha pensato a una bella festa per celebrare il secolo di vita.
Il ritrovo è stato settimana scorsa a Locarno, all’hotel Belvedere, alla presenza di campioni sportivi del calibro di Marco Lucchinelli, Carlos Lavado, entrambi vincitori dell’alloro mondiale, e Fausto Ricci. Saranno intrattenuti dal giornalista sportivo Paolo Beltramo.

I libri di “settore” hanno sempre collocato la nascita del club attorno agli anni Trenta. Ma, di recente, il presidente Alfredo Paganetti ha trovato nel box del papà Pigi una bellissima bandiera di seta con la data di fondazione impressa: 1922. Da lì, l’idea di festeggiare la ricorrenza. «In quegli anni - spiega il membro di comitato Maurizio Salmina - un gruppo di appassionati decise di cimentarsi in un’unione motoristica, spinti dal desiderio di testare le proprie capacità in ambito sportivo, sia sulle due sia sulle quattro ruote». La grande guerra era appena finita e il periodo storico, nel campo della motorizzazione, era in fermento. Accanto allo sviluppo di moto sempre più elaborate tecnicamente, aumentavano le competizioni organizzate in Europa (Nizza, il Parco dei principi di Parigi, Isola di Man). A questo proposito, negli anni Trenta, il sindaco di Tenero Martino Fochetti, presidente dell’Uml e pure lui entusiasta centauro, diede una grossa mano all’organizzazione della gara denominata “Circuito Motociclistico di Locarno”. La competizione si svolse fino al 1954: fra i partecipanti spiccavano nomi importanti per l’epoca quali Alfredo Milani, Luigi Taveri e Jo Siffert, conosciuto perlopiù nell’ambito delle quattro ruote (risulterà anche vincitore del campionato svizzero delle 350).

I nomi dei campioni legati all’Unione motoristica locarnese sono tanti: dal celebre Sergio Pellandini (partecipante al campionato mondiale delle 500) a Oliver Petrucciani e a Roberto Dalessi (campione svizzero nella 125 élite), senza dimenticare i brillanti risultati della coppia Pantellini-Mazzoni nei side-car. Negli anni, l’associazione si dedica all’organizzazione di corse in salita come la Tenero-Contra e la Gerra-Piano Medoscio.

Oggi l’Umc conta una cinquantina d'iscritti e ha come presidente Alfredo Paganetti. E, se prima, il gruppo era concentrato in particolare sulle gare motociclistiche, oggi invece si dedica soprattutto al mototurismo. «È anche un modo per stare insieme e per ritrovarsi - conclude Salmina - specie dopo il Covid».

COMMENTI
 
Rottie 2 mesi fa su tio
Bei ricordi, ho avuto la fortuna di assistere alle ultime gare della Tenero-contra e Gerra Piano medoscio,. Ho la medaglia che avete regalato a mia nonna Fochetti Caterina come madrina dei motociclisti
NOTIZIE PIÙ LETTE