Cerca e trova immobili

CANTONEBanda larga: un piano fino al 2037

14.03.22 - 11:34
Il Cantone vuole investire 95 milioni per connettere maggiormente le zone periferiche
tipress
Banda larga: un piano fino al 2037
Il Cantone vuole investire 95 milioni per connettere maggiormente le zone periferiche

BELLINZONA - Incentivare l’allacciamento di almeno il 95% degli edifici alla rete a banda ultra-larga, durante i prossimi 15 anni: è questo l’obiettivo del messaggio presentato oggi dal Consiglio di Stato in conferenza stampa.  Per raggiungerlo, il Governo propone lo stanziamento di un credito quadro massimo di 95 milioni di franchi per un periodo di 15 anni. L'intento è di favorire in particolar modo lo sviluppo della rete nelle regioni periferiche.

Secondo il Consiglio di Stato il progetto «avrà interessanti ripercussioni per un Cantone che punta su innovazione e tecnologia quali elementi cardine della propria strategia di sviluppo economico, con l’ambizione di attrarre nuove iniziative imprenditoriali e creare posti di lavoro interessanti».  

 

In particolare, il messaggio prevede di incentivare l’utilizzo di un mix infrastrutturale su base fissa e senza filo (Fixed Wireless Access – FWA), che possa rispondere al meglio alle esigenze individuate in ogni singola regione. La procedura per la richiesta, gestione, concessione ed erogazione degli incentivi cantonali dovrà essere «chiara e trasparente». Per pianificare e realizzare in maniera ottimale la rete a banda ultra-larga, sarà necessaria una collaborazione ben definita tra tutti gli attori coinvolti – Cantone, Comuni o regioni (p. es. attraverso gli Enti regionali per lo sviluppo – ERS), aziende elettriche e fornitori di servizi –, ciascuno con i propri ruoli e responsabilità. Il messaggio traccia anche i contorni delle procedure previste per la concessione e la gestione degli incentivi.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE